Dicembre 6, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Stern rileva per la prima volta un buco nero stellare al di fuori della Via Lattea

Utilizzando un nuovo metodo, il team di ricerca ha rilevato un buco nero astronomico in un ammasso stellare vicino alla Via Lattea. Questo potrebbe aprire la porta a ulteriori scoperte, secondo un rapporto dell’Osservatorio europeo meridionale (ESO). Buchi neri stellari sono stati trovati in precedenza al di fuori della nostra galassia, ma finora solo direttamente dalla radiazione della materia, che si riscalda notevolmente quando cade al loro interno. D’altra parte, il buco nero nell’ammasso stellare NGC 1850 si è tradito solo attraverso l’effetto gravitazionale di un’altra stella. Il team spiega che la maggior parte di questi buchi neri non emette radiazioni – e fino alla collisione non ci sono nemmeno onde gravitazionali misurabili – questo è l’unico modo in cui possono rilevarli.

Grande Nube di Magellano

(Bild: Scansione ESO/VMC)

Per questo Ho trovato un buco nero Pertanto, la sua massa è 11 volte la massa del nostro sole e la stella infida ha una massa di cinque masse solari. Entrambi sono a circa 160.000 anni luce da noi nell’unico ammasso stellare di 100 milioni di anni NGC 1850 nella Grande Nube di Magellano, una galassia satellite della Via Lattea. Per gli standard astrologici, l’età è un battito di ciglia. Il team di ricerca ritiene che il tuo metodo dovrebbe rivelare più buchi neri in tali ambienti. Può essere utilizzato per ricercare la loro evoluzione in modo più dettagliato. Il modo in cui possono crescere meglio durante la loro vita può essere esplorato anche sulla base delle scoperte previste.

Il globo è stato trovato con il Multi-Unit Spectroscopic Explorer sul Very Large Telescope dell’ESO in Cile. Questo può analizzare le regioni con una maggiore densità di stelle e distinguere le singole stelle. Le informazioni su migliaia di stelle possono essere raccolte in un colpo solo. La squadra spiega. Con esso, ha trovato i movimenti allarmanti della stella, che è stato poi in grado di confermare utilizzando il telescopio spaziale Hubble, tra le altre cose. Con il Very Large Telescope (ELT) in costruzione, molti di questi buchi neri potrebbero essere trovati in pochi anni, gli astronomi credono ancora. “L’insegnamento dell’inglese rivoluzionerà sicuramente il campo”, afferma la direttrice dello studio Sarah Saracino della Liverpool John Moores University.


(mese)

alla home page

READ  Saldi settimanali Nintendo 11/11/2021 - torre torre