Dicembre 6, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Bayern: “Abbiamo bei soldi!” Rummenigge difende il Bayern nell’incidente del Qatar – Bundesliga

L’attuale allenatore del Bayern tace: l’ex presidente difende il carbone del Qatar!

Dopo la disputa sul controverso accordo di sponsorizzazione con Qatar e Qatar Airways e le successive proteste dei tifosi del Bayern, Karl-Heinz Rummenigge (66) si è espresso.

L’ex presidente dell’FC Bayern sul podcast WDR2 “Il calcio appartiene a molti” (registrato prima delle proteste dei fan e pubblicato mercoledì): “Il Bayern Monaco ha una partnership con Qatar Airways – e all’epoca non sono mai stato un fariseo, se posso dirlo in questo modo. Abbiamo ottenuto buoni soldi da questo contratto! Quei soldi sono importanti da pagare ai giocatori, quindi hai un buon livello in campo. Hai bisogno di soldi, non puoi essere un fariseo neanche lì, devi usarli nel mercato dei trasferimenti. In questo modo potrai ancora competere contro club come Manchester City con Abu Dhabi, Chelsea con Abramovich, il Paris Saint-Germain con il Qatar o il Manchester United con gli americani”.

Secondo le informazioni del BILD, il recordman tedesco incassa circa 20 milioni di euro all’anno – il contratto dura fino al 2023. E l’ex manager dice chiaramente quello che nessuno ha fatto: l’accordo con il Qatar è una questione di soldi!

Il suo successore, Oliver Kahn (52 / ha preso il posto di Rummenigge il 1 luglio), tuttavia, rimane in silenzio sull’incidente del Qatar. Il nuovo direttore ha lasciato senza risposta la richiesta di BILD per il crollo del Qatar da martedì.


Evitare i riflettori sull’incidente del Qatar: Oliver KahnFoto: picture alliance / SvenSimon

Sabato, gli Ultras hanno protestato alla curva sud nella vittoria per 2-1 sul Friburgo con uno striscione taglia XXL. Su di esso, si possono vedere Kahn e il presidente Herbert Hainer, 67 anni, che puliscono panni macchiati di sangue accanto a spessi fasci di carbone. L’iscrizione: laviamo tutto pulito per soldi! Alla sua assemblea generale annuale del 25 novembre, l’associazione dei tifosi desidera interrompere immediatamente la partnership con il Qatar.

L’emirato, che ospiterà i Mondiali nell’inverno del 2022, è accusato da anni di violazioni dei diritti umani. Secondo quanto riferito, sono morti circa 6.500 lavoratori dall’estero.


Striscione di protesta per i tifosi del Bayern sabato contro il Friburgo

Striscione di protesta per i tifosi del Bayern sabato contro il FriburgoFoto: foto stampa Eibner Sascha Walther / dpa

Rummenigge prende posizione su questo: “Si deve sostanzialmente dire che tra tutti i paesi arabi del Qatar, ci sono attualmente i migliori o maggiori miglioramenti in termini di diritti umani e del lavoro. È noto che non hanno gli stessi standard di Germania o Europa. La cultura in Qatar è completamente diversa. È un Paese giovane. Bisogna essere pazienti”. Ma era “fondamentalmente ottimista” sul fatto che il calcio potesse migliorare in questo senso.

L’ex capo di Profi-AG continua: “Per noi del Bayern Monaco è sempre stato importante che – per dirla così – abbiamo esercitato così poca influenza sociale e politica che ci siano stati miglioramenti in termini di diritti umani e lavoro. Spesso voliamo a ONG a Bruxelles e abbiamo discusso e parlato con lei: cos’altro possiamo fare? Com’è la situazione dal tuo punto di vista? Tutti hanno sempre assicurato: dai, non mollare!”

Inoltre, Rummenigge ha anche parlato a Passau all’evento della serie “People in Europe” dopo il caso corona di Niklas Süle (26 / nonostante la vaccinazione) e la quarantena di altre quattro star della DFB come il non vaccinato Joshua Kimmich (26) sulla possibilità di vaccinare i giocatori patrioti tedeschi.

Campione d’Europa 1980 in ‘Sport 1’: “Non posso pretendere nulla, solo la politica può farlo. Nessun tipo di Lex sarà fatto per il calcio, ma dovrebbe esserci un regolamento per tutti in tutto il paese – indipendentemente dal fatto che giochino calcio o no.

READ  Leitl: Greuther Fürth è attualmente "non adatto per la Bundesliga" - 39 gol subiti in 13 partite.