Settembre 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Spyware israeliano: il capo produttore di Pegasus si dimette

Stato: 21/08/2022 17:40

NSO produce il famigerato spyware “Pegasus”, che è stato utilizzato per spiare politici, giornalisti e attivisti. Il fondatore e presidente dell’azienda israeliana si è ora dimesso.

Il capo della società di spyware israeliana NSO, Shalev Hulio, si è dimesso, secondo la società. I funzionari dell’azienda hanno anche riferito che 100 dipendenti, circa il 13% dei dipendenti di NSO, saranno licenziati. Un portavoce dell’azienda ha detto che Hulio se ne sarebbe andato nell’ambito di una ristrutturazione. Sarà sostituito dall’ex Direttore degli affari operativi, Yaron Shohat, che guiderà anche la riorganizzazione. La società carica di debiti vuole concentrarsi sugli stati membri della NATO come futuri clienti.

Potente produttore di spyware

NSO è stata oggetto di critiche internazionali perché l’azienda produce spyware “Pegasus”. Può essere utilizzato per monitorare i contatti, i messaggi e i dati sulla posizione della persona target sul proprio smartphone. Secondo NSO, questo ha lo scopo di rintracciare terroristi e criminali, ma in realtà, in Paesi come Arabia Saudita e Messico O la Cisgiordania che spia giornalisti e attivisti.

Anche le autorità tedesche – l’Ufficio federale di polizia criminale e il Servizio federale di intelligence – stanno utilizzando il programmaSecondo una ricerca stampa.

Gli Stati Uniti hanno inserito NSO in un elenco di sanzioni nel 2021 per rendere difficile per l’azienda l’accesso alla tecnologia americana. Apple e Facebook accusano NSO di “irrompere” nei loro prodotti e hanno intentato una causa contro l’azienda.

La società è stata anche colpita dalla decisione israeliana di rafforzare i controlli sulle esportazioni di software. Ciò ha ridotto il numero di stati in cui NSO potrebbe vendere i suoi strumenti di monitoraggio da 100 a 37 paesi.

READ  Ricordando il formaggio di Aldi, Lidl ed Edeka: sette varietà non dovrebbero essere mangiate in nessun caso