Agosto 17, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sorrise per la prima volta, e ora è un modello: la fabbrica di gelati di Berlino sta sfidando un’emergenza gas

Sorrise per la prima volta, ora un modello
Il gelatiere di Berlino sfida l’emergenza gas

Scritto da Mark Dempville

La crisi del gas mette in luce la dipendenza della Germania dai combustibili fossili. Florida Eis di lunga data a Berlino ha preso precauzioni all’inizio con il suo approccio sostenibile – e ora sta dando i suoi frutti.

Olaf Hoon è preoccupato. Sulla guerra in Ucraina, sulla crisi energetica e sui politici di destra. E soprattutto sull’ambiente. Ma il presidente della Florida Ice Cream è quello che fa le cose. La fabbrica di Berlino produce gelato dal 1927. Höhn ha rilevato l’attività negli anni ’80 e l’ha ampliata. Circa 2.000 supermercati a Berlino e nel Brandeburgo offrono le tipiche tazze blu nei loro congelatori. Perché Florida Ice Cream sa come commercializzarsi. Piuttosto che mantenere un’immagine tradizionale e polverosa, l’azienda dà l’aspetto di una startup. Il gelatiere valorizza il regionalismo, il lavoro manuale e soprattutto: la compatibilità con il clima.

“Quando ho iniziato a occuparmi di protezione del clima, molti hanno detto: ‘Lascia perdere!”‘, ha ricordato Hon in un’intervista a ntv.de. Più di dieci anni fa, suo figlio gli mostrò l’argomento. Nonostante la resistenza iniziale, o forse proprio per questo, l’ambizione di Hon si è risvegliata. La fabbrica costruita nel quartiere berlinese di Spandau nel 2013, la prima in Germania a produrre gelati completamente a impatto climatico zero, mostra quanto seriamente la prenda il 72enne.

L’uomo d’affari del gelato Olaf Hawn davanti al suo camion elettrico.

(foto: privato)

Höhn non è soddisfatto di questo. Continua a scherzare, a realizzare idee ea ignorarle di nuovo, a investire in nuove tecnologie. Questo non può essere trascurato nel sito produttivo situato in una vasta area industriale. Gli impianti fotovoltaici pavimentano i tetti, il camion elettrico si carica alla pompa della benzina, dal pavimento alla canna fumaria, tutto qui è pensato per essere il più ecologico possibile. Questo ha il suo prezzo. “Naturalmente, i nuovi investimenti costanti all’inizio non danno i loro frutti”, ammette il capo di circa 100 dipendenti. “Ma ora siamo molto efficienti e abbiamo buoni risultati di vendita”. Secondo l’onorevole, le vendite dell’anno scorso hanno superato i dieci milioni di euro.

‘Mercato distorto’

Anche se la maggior parte delle aziende è consapevole del cambiamento climatico, molte non vogliono assumersi responsabilità. Il solo settore industriale è il secondo maggiore emettitore di gas serra in Germania. “Nel sistema attuale, le aziende che si affidano a misure di protezione del clima sono svantaggiate”, afferma Katharina Reuter NTV. “Il mercato a questo punto è distorto perché i costi reali non si manifestano affatto: danno ambientale, danno climatico, approvvigionamento Catene.” de. Ehi JiAmministratore delegato dell’Associazione federale per un’economia sostenibile, che rappresenta circa 600 aziende. Se vuoi allineare la tua azienda in modo sostenibile, non puoi semplicemente perseguire la massimizzazione del profitto: uno svantaggio competitivo. Reuter spiega che i concorrenti che non si preoccupano dell’ambiente e dei diritti umani possono offrire i loro prodotti a prezzi molto più bassi.

20220623_092907.jpg

A differenza dei maggiori produttori, il gelato viene ancora riempito a mano in contenitori nel quartiere Staaken di Berlino.

(foto: privato)

In altre parole: la tutela del clima dipende soprattutto dalla volontà del management dell’azienda in questione. Se lo prendi sul serio, devi accettare le perdite economiche. La crisi del gas potrebbe, tra tutte le cose, ora indurre a un ripensamento. La Russia sta riducendo significativamente le sue consegne in Germania e il gasdotto Nord Stream 1 è utilizzato solo del 40%. Giovedì il ministro federale dell’Economia Robert Habeck si è sentito obbligato a farlo Per annunciare la seconda fase del suo piano di emergenza. “Il gas è una merce rara in Germania”, ha detto Habeck. La dipendenza dai combustibili fossili minaccia di volare contro la Germania.

L’industria sta già risentendo dell’impennata dei prezzi del gas. A differenza di Florida Ice Cream, molte aziende non sono state interessate alle alternative, tra cui Fabbrica di vetro Harzkristall in Sassonia-Anhalt. Là si spense le lingue della grande fornace a gas. Perché affinché il vetro si sciolga, la fornace deve funzionare 24 ore su 24 a 1180 gradi – ogni giorno consuma fino a quattro persone in casa all’anno. Al momento è molto costoso. “Se un grande vaso per lampada per un lampione prima costava 150 euro, ora improvvisamente costa 600 euro. Non può essere implementato sul mercato”, afferma il direttore dell’azienda Otto Sievers in un’intervista a RTL. Quindi gli ordini sono stati annullati. Viene utilizzato solo il forno elettrico più piccolo. “Inoltre, stiamo principalmente pensando se dovremmo fare affidamento sull’energia elettrica in futuro”. D’altra parte, l’imprenditore del gelato Höhn ci ha pensato abbastanza presto.

La sostenibilità è spesso presa in giro

“Vediamo che sta dando i suoi frutti per le aziende che hanno spinto la transizione energetica in una fase iniziale”, spiega Reuter. “Non sono così colpiti ora, semplicemente perché stanno già generando elettricità da soli, hanno creato un settore intelligente che si accoppia con la mobilità elettronica o si affidano al riscaldamento a pellet”. Ho sorriso a tali investimenti alcuni anni fa. Quando Höhn parla di incontri con i suoi colleghi o rappresentanti del settore, si scopre che molti ancora non lo prendono sul serio.

Tuttavia, Höhn non ha scoraggiato critiche e scetticismo sui suoi piani – con successo. Il 30% dell’energia di cui ha bisogno il suo impianto viene prodotta in loco, mentre il resto proviene da elettricità verde. Questo è possibile solo con una tecnologia speciale. I cosiddetti refrigeratori ad adsorbimento sono utilizzati nella refrigerazione che consuma molta energia. Trasformano il calore di scarto dei compressori in freddo in modo rispettoso del clima. Il loro obiettivo: perdere meno energia possibile dall’impianto di produzione. In termini di produzione di elettricità, la gelateria berlinese beneficia delle fluttuazioni stagionali del settore. La domanda di gelato aumenta quando splende il sole, quindi anche i pannelli solari sono in pieno svolgimento.

La flotta di veicoli viene gradualmente convertita alla mobilità elettrica. Una piccola rivoluzione è il camion elettrico, che trasporta il ghiaccio con l’aiuto del raffreddamento ad accumulo. Quando è collegato alla stazione, l’area di carico del camion si raffredda fino a -78 gradi e il frigorifero viene conservato per un massimo di due giorni dopo la spedizione. C’è anche un filtro per polveri sottili aggiuntivo attaccato al camino del sistema di riscaldamento a pellet. Tuttavia, il più grande calo delle emissioni si verifica attraverso il pavimento nella cella di congelamento. Questo è isolato con ciottoli di vetro espanso, in modo che non sia necessario un riscaldamento aggiuntivo.

“Vogliamo essere autosufficienti al 99 per cento”.

Secondo i propri dati, la Florida Eis è riuscita a risparmiare più di 1.800 tonnellate di anidride carbonica in cinque anni grazie a questa interazione tecnologica. L’autosufficienza fornisce anche una certa resilienza di fronte alle crisi. “Anche se non riceviamo elettricità dall’estero, possiamo comunque collegarci a livello regionale per qualche tempo”, afferma Höhn. Gli alti prezzi dell’energia sono attualmente mitigati dal sistema di stoccaggio e circolazione.

Il concetto di gelato alla Florida sta trovando sempre più imitatori. Rappresentanti economici e politici di tutto il mondo vengono a visitare Berlino Ovest quasi ogni settimana. Perché la sostenibilità non è solo un fattore di marketing, è diventata essenziale, soprattutto in tempi di “allerta gas”. I concetti innovativi prosperano.

Il produttore di gelato di medie dimensioni sta attualmente costruendo un secondo stabilimento a Magdeburgo. Le ambizioni sono alte: “Vogliamo essere autosufficienti al 99%, ma almeno all’85%”, spiega Hon, che vuole anche essere un modello per gli altri. “In linea di principio, chiunque può fare quello che facciamo noi. Ma chi si limiterebbe a smontare i propri dispositivi esistenti in questo modo?”

Una crisi energetica può fornire un imperativo economico per questo. “Il denaro non è stato utilizzato negli ultimi anni perché non è stato ripagato in un breve periodo di quattro o cinque anni”, spiega Reuter. Tuttavia, nel frattempo, molte aziende si stanno rendendo conto che la sovranità energetica è anche una questione di sicurezza. “La crisi mostra quanto sia fragile il sistema. Ci stiamo davvero prendendo a calci ora perché la transizione energetica era molto lenta prima. Ora questo è un campanello d’allarme per tutti”.

READ  piano di risparmio | Prognosi: ecco come un tedesco su quattro investirà presto i propri soldi