Dicembre 6, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Situazione sulle navi di soccorso: i rifugiati sono saltati in acqua

I migranti tengono cartelli per chiedere aiuto sul ponte della nave battente bandiera norvegese Geo Parents. © Salvatore Cavalli/AP/dpa

Tempo di studiare

Nella città portuale italiana di Catania, la situazione si fa sempre più difficile per due navi di soccorso all’ancora. 35 migranti a bordo della tedesca “Humanity 1” e 214 a bordo della norvegese “Geo Parents” erano in attesa di essere sbarcati lunedì sera.

I funzionari italiani hanno rifiutato, sottolineando che non erano in emergenza. Durante il fine settimana, 144 migranti e rifugiati di Humanity 1 e 358 di Geo Parents sono stati autorizzati a partire.

Il Il nuovo governo italiano Il primo ministro di estrema destra Georgia Meloni vuole reprimere la migrazione incontrollata attraverso il Mediterraneo.

Italia: La situazione è intollerabile

Secondo gli assistenti, l’attesa sulle navi a Catania è in aumento. Lunedì pomeriggio tre migranti sono saltati in porto dai “Geo Parents” per raggiungere a nuoto lo sbarco. Sono stati tirati fuori dall’acqua dalla Guardia Costiera e, secondo i media, sono rimasti illesi. A bordo, si sentivano le persone sulle navi che chiedevano aiuto. A bordo della nave tedesca Humanity 1, una portavoce ha detto che alcune persone non volevano più mangiare come al solito.

“Non posso lasciare il porto se queste persone sono ancora a bordo”, ha detto il capitano tedesco di “Humanity 1” in una conferenza stampa di emergenza nel porto di Catania. “Sono molto arrabbiato e sconvolto per essere stato costretto a svolgere un’attività illegale”.

I soccorritori sostengono che, secondo il diritto internazionale, le persone soccorse dovrebbero essere autorizzate a salire a bordo delle navi nel porto sicuro più vicino. “Abbiamo curato molte persone con attacchi di panico”, ha affermato Caroline Willeman, coordinatrice del programma di MSF.

La nave di soccorso sta finendo il carburante

Altre due navi hanno attraversato lunedì le coste della Sicilia. Uno di questi era “Rise Above” dell’organizzazione di Dresda Mission Lifeline, con quasi 90 migranti che stavano lentamente finendo il carburante, ha detto la portavoce Hermine Boschmann all’agenzia di stampa tedesca. Più tardi in serata, l’Ong ha annunciato che le autorità italiane avevano designato Reggio Calabria come porto di attracco. Ci si aspettava di arrivare di notte. Nel frattempo, più di 230 persone hanno dovuto aspettare sulla SOS Méditerranée “Ocean Viking”.

READ  Le accuse contro il razzo Corolla sono state ritirate

Le Nazioni Unite chiedono concessioni. “Serve urgentemente una soluzione per tutti i sopravvissuti delle quattro navi in ​​mare”, hanno affermato l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM) e l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati UNHCR. Gli Stati della regione devono fornire un luogo sicuro per lo sbarco dei migranti. In linea di principio, a causa della situazione esplosiva e delle numerose persone annegate, è urgente una responsabilità significativa tra tutti gli Stati colpiti. Almeno 1.337 persone sono scomparse quest’anno sulla rotta migratoria del Mediterraneo centrale, secondo l’Oim.

La Commissione Ue esorta Roma ad accogliere rapidamente i migranti “In linea con le normative internazionali, è necessario compiere ogni sforzo per garantire che il tempo di permanenza su queste navi sia il più breve possibile”, ha affermato un portavoce della Commissione a Bruxelles. Tutte le autorità competenti dovrebbero collaborare per creare uno “spazio di sicurezza adeguato”. Il portavoce ha accolto con favore il fatto che l’Italia avesse consentito a diverse centinaia di donne, bambini e feriti di sbarcare la notte precedente.

Alla domanda se fosse legale consentire a determinate persone di sbarcare a terra, il portavoce ha invitato tutti i paesi dell’UE a “salvare vite e garantire che rispettino i loro obblighi legali per salvare le persone in pericolo in mare”. .

dpa/seh