Ottobre 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sindrome di Down terapia ormonale? – Wissenschaft.de

La terapia con GnRH può ridurre i disturbi cognitivi nelle persone con sindrome di Down. In un modello murino, i ricercatori hanno scoperto che alcuni dei sintomi della sindrome di Down possono essere causati da un rilascio anomalo di questo ormone. Un trattamento già stabilito per le persone con deficit di GnRH ha migliorato le funzioni cognitive sia in un modello di ratto che in uno studio pilota con sette pazienti con sindrome di Down. Sono ora in corso studi clinici più ampi per valutare ulteriormente il beneficio.

La sindrome di Down, nota anche come trisomia 21, si verifica in circa 1 su 800 nati vivi, il che la rende la causa genetica più comune di disabilità intellettiva. Il motivo è la presenza di un cromosoma 21 in più. Oltre a vari sintomi fisici, quelli con esso di solito hanno capacità cognitive significativamente ridotte. Inoltre, molti sviluppano sintomi simili all’Alzheimer in età adulta. Un altro sintomo è la graduale perdita dell’olfatto, che spesso inizia in età prepuberale. Mentre molte donne con sindrome di Down possono avere figli, la maggior parte degli uomini colpiti sono sterili.

La trisomia 21 interrompe la produzione di ormoni

Un team guidato da Maria Manfredi Lozano dell’Università di Lille in Francia è ora alla ricerca di un possibile trattamento per alcuni sintomi della sindrome di Down. Gli autori spiegano: “La perdita dell’olfatto, oltre all’infertilità, è anche un sintomo tipico dei pazienti con deficit congenito dell’ormone di rilascio delle gonadotropine (GnRH), la cosiddetta sindrome di Kallmann”. Il GnRH viene rilasciato da neuroni specializzati nell’ipotalamo ed è il principale responsabile della stimolazione della produzione di alcuni ormoni riproduttivi. Tuttavia, nuovi studi suggeriscono anche che può avere un effetto sulle funzioni cerebrali superiori.

READ  Ecco come i valori alti influenzano il tuo corpo

Le somiglianze nei sintomi della sindrome di Kallmann e della sindrome di Down hanno spinto i ricercatori a guardare più da vicino il ruolo del GnRH nella sindrome di Down. Per fare ciò, hanno prima lavorato con un modello murino che imita i cambiamenti causati dalla trisomia 21. In effetti, si sono imbattuti in un meccanismo che spiega perché il GnRH è un problema nelle persone con sindrome di Down: la produzione di ormoni è regolata dai cosiddetti microRNA . Almeno cinque di queste microparticelle sono codificate da regioni sul cromosoma umano 21 – e quindi vengono interrotte nelle persone che hanno tre copie di questo cromosoma.

Risultati promettenti nei topi

Nei topi con sindrome di Down, Manfredi Lozano e il suo team hanno dimostrato che è la carenza di GnRH a contribuire al deterioramento cognitivo, alla perdita dell’olfatto e alla ridotta maturazione sessuale negli animali. Se i ricercatori hanno somministrato regolarmente ai topi GnRH o trapiantato le cellule che hanno prodotto correttamente l’ormone, i sintomi si sono attenuati. Dopo soli 15 giorni di trattamento, i topi hanno mostrato un miglioramento della funzione cognitiva e hanno anche riacquistato l’olfatto. Tuttavia, gli animali non sono stati in grado di riprodursi a causa del trattamento.

“A causa dei risultati convincenti nei topi, abbiamo condotto uno studio pilota su pazienti con sindrome di Down umana come passo successivo”, hanno scritto i ricercatori. Hanno usato una forma di terapia già consolidata per curare la sindrome di Kallmann: una piccola pompa viene impiantata sotto la pelle del loro braccio, che somministra una piccola dose di GnRH ogni due ore. Questa cosiddetta terapia con GnRH pulsato imita il rilascio naturale dell’ormone da parte del corpo.

READ  Ricetta hot dog alle carote

Sono necessari studi clinici più ampi

Sette uomini con sindrome di Down di età compresa tra 20 e 50 anni hanno ricevuto questo trattamento per sei mesi. Prima e dopo, i ricercatori hanno testato le loro capacità cognitive e il senso dell’olfatto e hanno anche eseguito scansioni MRI. Il risultato: dopo sei mesi di trattamento, sei pazienti su sette sono stati in grado di comprendere meglio le istruzioni, risolvere meglio compiti logici, avere più attenzione e migliorare la memoria episodica. Le scansioni MRI hanno anche mostrato una maggiore connettività funzionale nel cervello. A differenza dei topi, il trattamento non ha avuto alcun effetto sull’olfatto dei pazienti.

“La somministrazione pulsata di GnRH sembra essere un approccio promettente, con pochi effetti collaterali attesi, per migliorare la funzione cognitiva in un’ampia gamma di disturbi del declino cognitivo caratterizzati da una ridotta funzione neuronale del GnRH”, ha scritto Han Hoffman della Michigan State University in un commento di accompagnamento. Lo studio è stato pubblicato anche sulla rivista Science. “Per determinare completamente il valore del GnRH pulsatile nel miglioramento della funzione cognitiva, è necessario uno studio randomizzato controllato che coinvolga entrambi i sessi”. Le donne non sono state incluse nello studio pilota perché il GnRH può interrompere il ciclo mestruale. “Tuttavia, nelle donne che hanno superato l’età fertile o che non desiderano rimanere incinte, è probabile che la terapia pulsata con GnRH sia benefica quanto gli uomini per migliorare le prestazioni cognitive”, ha detto Hoffman.

Fonte: Maria Manfredi-Lozano (Université de Lille, Francia) et al., Scienza, doi: 10.1126/scienza. abq4515

READ  Il coronavirus ristagna a Berlino - 1.755 nuovi contagi