Ottobre 5, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sguardo al giorno della guerra: Londra vede avanzare le truppe ucraine – La Russia chiude di nuovo il rubinetto del gas

Un rapido sguardo al giorno della guerra
Londra vede avanzare le forze ucraine – La Russia chiude di nuovo il rubinetto del gas

I servizi segreti britannici ritengono che le forze di Kiev stiano compiendo progressi in una sospetta offensiva ucraina nel sud. Nel frattempo, gli esperti dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica si stanno dirigendo verso la contesa centrale nucleare ucraina di Zaporizhia e annunciano la loro presenza permanente. La Russia sta nuovamente interrompendo le forniture di gas alla Germania, presumibilmente per manutenzione. Uno scorcio del 189° giorno di guerra:

Secondo Londra, gli ucraini stanno spingendo alcune forze russe a ritirarsi

Secondo i servizi di intelligence britannici, le forze armate ucraine nel sud del loro paese hanno respinto in una certa misura gli aggressori russi. Da lunedì, ci sono stati attacchi contro unità russe su più assi, spostando parzialmente la linea del fronte meridionale, secondo un breve rapporto del ministero della Difesa britannico.

L’autorità regionale ucraina parla di successo nel sud

Un’autorità regionale ucraina sta anche assistendo ai successi dell’esercito ucraino nelle aree occupate dalla Russia vicino alla città di Cherson. Lo stesso vale per le città di Pereslav e Kakhovka, ha detto alla televisione ucraina il vice capo del Consiglio regionale di Kherson, Yurik Sobolevsky. Non ha voluto fornire dettagli. Fonti russe hanno anche scritto che le forze filo-Mosca erano sotto forte pressione in alcune sezioni. Dall’inizio dell’offensiva, il comando ucraino non ha pubblicato alcuna informazione sul suo corso.

Mosca: pesanti perdite per gli ucraini

Nel frattempo, Mosca ha annunciato pesanti perdite nei ranghi degli ucraini. Il ministero della Difesa a Mosca ha detto che più di 1.700 soldati ucraini erano già stati uccisi. Inoltre, secondo il portavoce dell’esercito Igor Konashenkov, le forze russe hanno distrutto 63 carri armati, 48 veicoli corazzati e 4 aerei da combattimento. Queste informazioni non possono essere verificate in modo indipendente. Konashenkov ha affermato che il tentativo di Kiev di riprendere l’offensiva nell’Ucraina meridionale tra Mykolaiv e Kryvyi Rih e in altre direzioni non ha avuto successo.

L’AIEA prevede la “presenza permanente” presso la centrale nucleare

Un team di 14 esperti dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica è arrivato nella città di Zaporizhia, nel sud dell’Ucraina, in viaggio per ispezionare la contesa centrale nucleare ucraina. Il capo dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica Rafael Grossi ha affermato che il team dell’AIEA gli consentirà l’accesso a una centrale nucleare occupata dall’esercito russo giovedì. Secondo l’Agenzia internazionale per l’energia atomica, intende stabilire una “presenza permanente” presso la centrale nucleare ucraina di Zaporizhia. La Russia è stata aperta a una missione permanente di esperti nucleari. Prima di tutto, però, bisogna attendere i primi risultati della moratoria, ha affermato il viceministro degli Esteri Andrei Rudenko.

Nuovo bombardamento della centrale nucleare di Zaporizhia

Poco prima dell’arrivo degli esperti dell’AIEA, la centrale nucleare è stata nuovamente colpita, secondo l’amministrazione dell’occupazione russa. Il rappresentante delle forze di occupazione russe, Vladimir Rogov, ha dichiarato a Telegram che più di 60 casi di attacchi di droni e bombardamenti di artiglieria sono stati segnalati sul sito della centrale elettrica e nell’area circostante. Non ci sono state vittime. I ripetuti bombardamenti hanno sollevato i timori internazionali di una catastrofe nucleare. Kiev e Mosca si incolpano a vicenda.

Greenpeace abbassa le aspettative sulle ispezioni dell’AIEA

L’esperto di Greenpeace Heinz Smetal ha affermato che il tempo per un’indagine approfondita è troppo breve. Inoltre, la Russia ha un’influenza significativa sull’AIEA attraverso il suo gigante energetico Rosatom. “Questo potrebbe portare la delegazione a essere meno critica del appropriato. Pertanto, i loro risultati saranno soggetti a un esame critico”, ha affermato il fisico nucleare Smital. Con sei blocchi e una produzione netta di 9.500 MW, Zaporizhia è la più grande centrale nucleare d’Europa. Prima della guerra contava più di 10.000 dipendenti.

L’UE sospende l’accordo sui visti con Mosca

La sospensione dell’accordo sui visti ha lo scopo di consentire agli Stati membri dell’UE di imporre facilmente restrizioni all’ingresso ai russi e aumentare i costi e gli sforzi per i richiedenti. In una riunione dei ministri degli Esteri a Praga, il capo della politica estera dell’Unione europea, Josep Borrell, ha affermato che la sospensione dell’accordo ridurrebbe significativamente il numero di visti di nuova emissione. Secondo il ministro degli Esteri federale Annalina Barbuk, i viaggiatori dalla Russia possono aspettare mesi per ottenere un visto in futuro. Allo stesso tempo, studenti e giornalisti possono ancora entrare nel Paese. Dobbiamo impedire alle persone, frustrate dalle sanzioni occidentali, di rivoltarsi contro l’Unione europea e non contro il loro presidente.

La Germania promuove l’ottavo pacchetto di sanzioni dell’UE contro la Russia

A margine di una riunione dell’Unione europea nella capitale ceca, Praga, il ministro degli Esteri Annalena Berbuk ha affermato che il governo federale ha presentato proposte per imporre ulteriori sanzioni. Il politico verde non ha fornito dettagli. In particolare, è probabile che il governo federale spinga per l’introduzione di un limite massimo al prezzo del petrolio russo. In questo modo, la Russia potrebbe dover vendere petrolio a grandi acquirenti come l’India a un prezzo molto più basso in futuro. La speranza è che questo rilasserà i mercati. Inoltre, la Russia non dovrebbe più beneficiare dell’aumento dei prezzi del petrolio e quindi riempire il suo forziere di guerra.

Barbock vuole nuove linee guida dell’UE per trattare con la Russia

Il ministro degli Esteri ha affermato che, poiché non ci sarà alcun ritorno alla corsa all’attacco russo del 24 febbraio, è essenziale un “riorientamento strategico” della politica russa. Quattro punti centrali. Questi includono il rafforzamento delle proprie difese, il sostegno agli oppositori del regime russo, il sostegno all’Ucraina e la collaborazione con partner globali per difendere il diritto internazionale. Secondo Birbock, ha preparato la proposta con la sua collega francese Catherine Colonna.

Gazprom gestisce l’oleodotto del Mar Baltico per tre giorni

Come annunciato, la fornitura di gas attraverso il gasdotto Nord Stream 1 del Mar Baltico si è interrotta nelle prime ore del mattino. La società statale Gazprom aveva annunciato che le consegne di gas russo attraverso l’ultima importante rotta verso la Germania sarebbero state temporaneamente sospese a causa di lavori di manutenzione. Le consegne dovrebbero riprendere sabato mattina presto. Il governo federale e l’Agenzia federale di rete sono sospettosi dei motivi tecnici indicati. Le forniture di gas tramite Nord Stream 1 sono state effettivamente sospese per diversi giorni a luglio, ma in quel momento, a causa della manutenzione annuale annunciata da tempo.

L’UE raggiunge l’obiettivo di stoccaggio del gas due mesi prima del previsto

Secondo i dati degli operatori europei di stoccaggio del gas, mercoledì le riserve europee erano piene dell’80,1%. Gli impianti di stoccaggio del gas tedeschi sono chiaramente al di sopra della soglia e, secondo i dati di mercoledì, sono pieni per quasi l’84%. A causa della guerra della Russia contro l’Ucraina, l’Unione Europea ha approvato una nuova legge che richiede che i carri armati siano pieni all’80% entro il 1° novembre di quest’anno. L’obiettivo è prepararsi meglio in caso di completo fallimento delle forniture di gas russe. In Germania, i serbatoi di stoccaggio devono essere pieni almeno all’85% il 1° ottobre e almeno al 95% il 1° novembre. La quantità di gas stoccata al livello di circa il 95 per cento corrisponde al consumo nazionale per i mesi di gennaio e febbraio 2022.

Altri testi sulla guerra in Ucraina:

Tutti gli altri sviluppi possono essere trovati in La nostra registrazione dal vivo leggere.

READ  Maxar: In che modo le immagini satellitari consentono il monitoraggio delle posizioni delle truppe e quando no