Settembre 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sepsi d’emergenza: la “setticemia” è innocua

La sepsi è un’emergenza spesso sottovalutata. In occasione della Giornata Mondiale della Sepsi, il Reed Sisters of Mercy Hospital riporta quasi un decesso tra gli oltre 28.000 austriaci che si ammalano ogni anno.

quarto interno. In occasione della Giornata mondiale della sepsi, il 13 settembre, il medico di terapia intensiva di Rieder, Peter Hohner, avverte di un quadro clinico che può diventare rapidamente fatale anche con un’infezione normale. Al fine di controllare il decorso spesso drammatico della malattia, viene utilizzata l’intera gamma di strumenti diagnostici e di terapia intensiva all’avanguardia presso il Reed Sisters of Mercy Hospital.

Più di 28.000 persone in Austria sviluppano la sepsi ogni anno; Quasi tutti e quattro muoiono. Pertanto, questa malattia, causata da una risposta immunitaria eccessiva e distruttiva degli organi del corpo a una varietà di infezioni, è una delle cause più comuni di morte. I pazienti più anziani con malattie preesistenti sono particolarmente colpiti, ma nemmeno i giovani, altrimenti sani, ne sono immuni.

“Ci occupiamo di pazienti affetti da sepsi praticamente ogni giorno”, ha affermato Peter Hohner, capo di anestesiologia, terapia intensiva e cure palliative presso il Sisters of Mercy Hospital di Reed. Molti di loro si ammalano gravemente, alcuni in condizioni davvero pericolose per la vita, in ospedale. Perché la malattia può svilupparsi molto rapidamente, mentre all’inizio i segni sono completamente aspecifici: una miscela astuta.

È fondamentale prendere sul serio i primi sintomi. In ogni caso, la sepsi non si presenta sempre come una striatura rossa sulla pelle, che generalmente è vista come un sintomo di “setticemia”. Invece, i segnali di avvertimento sono una sensazione generale in rapido aumento di malattia, debolezza, febbre, brividi, respiro rapido e talvolta confusione e linguaggio confuso. Poiché anche il sistema nervoso centrale può essere colpito all’inizio, i malati spesso valutano male la gravità della situazione.

READ  Pandemia corona: tasso di infezione a 497,1 - un nuovo massimo

Tutta la sepsi è un’emergenza

Letteralmente ogni ora conta quando si sospetta una sepsi: ogni ritardo peggiora l’allarme. “Tutte le sepsi sono un’emergenza. Si tratta di avviare rapidamente un trattamento su larga scala e raccogliere materiali microbiologici come sangue o urina per identificare l’agente patogeno il più rapidamente possibile”, spiega Bremar Hohnor. Può trattarsi di una varietà di batteri, ma anche virus (incluso SARS-CoV-2) o funghi. La sepsi è spesso causata da polmonite o peritonite, infezioni del tratto urinario o meningite. Ma anche ferite o punture di insetti possono innescare l’evento fatale.

L’ospedale Inviertel offre l’intera gamma di procedure diagnostiche e terapeutiche per sospetta sepsi. Con l’Istituto di Patologia Clinica/Microbiologia e l’Istituto di Diagnostica di Laboratorio, c’è la competenza interna necessaria per identificare i patogeni coinvolti nel più breve tempo possibile, costantemente entro 24 ore. Questo è un prerequisito per una terapia mirata, solitamente con antibiotici altamente efficaci. Anche le più recenti opzioni di screening radiologico forniscono informazioni importanti. Ultimo ma non meno importante, l’intera portata della moderna medicina di terapia intensiva è disponibile nella rete di terapia intensiva dell’ospedale per curare e curare con successo i pazienti affetti da sepsi, secondo il Reed Hospital.

Pulizia dell’ospedale ai massimi livelli

Il Reader Hospital attribuisce grande importanza alla prevenzione delle cosiddette infezioni nosocomiali, che possono verificarsi durante il ricovero (“germi ospedalieri”). Nel peggiore dei casi, può anche portare alla sepsi. Concetti igienici completi e misure standardizzate secondo standard elevati e rigorosamente controllati offrono la massima sicurezza possibile, che si riflette in un tasso molto basso di questa infezione. “Attraverso l’igiene delle mani e del corpo, anche i nostri pazienti possono dare un contributo”, aggiunge Hohnor.

READ  7 segni che il tuo pari è in te

“Nonostante la diagnosi e il trattamento completi disponibili, non tutti i pazienti affetti da sepsi possono essere salvati. Pertanto, la Giornata mondiale della sepsi è un’occasione importante per riconoscere questa grave malattia e prendere sul serio i sintomi corrispondenti in una fase iniziale”, si appella a Johannes Huber, medico Direttore del Sisters of Mercy Hospital di Reed.