Febbraio 6, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sei conseguenze di intestini malati

  1. 24 vita
  2. Salute

creatura:

a partire dal: Laura Nobbs

Il microbioma intestinale influenza il corpo e la mente. Se l’equilibrio della flora intestinale è disturbato, ciò può avere conseguenze sulla salute.

Il microbioma umano è la somma di tutti i batteri e microrganismi che si possono trovare nel nostro corpo. Il microbioma intestinale, in particolare, ha un enorme impatto sulla nostra salute. Perché i germi intestinali non influenzano solo la digestione. Anche vari processi metabolici e il benessere psicologico sono fortemente influenzati dal microbioma. Se il sistema digestivo diventa sbilanciato, ciò può avere gravi conseguenze. Qui puoi scoprire quali sintomi indicano un microbioma disturbato e cosa significa per il corpo.

Microbiota intestinale disturbato: sei conseguenze di un intestino malato

Sebbene alcuni ceppi di batteri siano presenti in ogni tratto gastrointestinale, il microbioma varia da persona a persona. Un microbioma sano è costituito da circa 100 trilioni di batteri. Questo non è solo responsabile della digestione. Anche la psiche, il sistema immunitario e lo sviluppo di varie malattie sono strettamente correlati all’intestino. Malattie, cattiva alimentazione e assunzione di antibiotici possono anche portare a uno squilibrio nell’intestino. Di conseguenza, l’intestino viene colonizzato in modo improprio, noto anche come disbiosi. Ceppi malsani di batteri si diffondono, espellendo i batteri benefici.

Il microbioma intestinale contiene più di 100 trilioni di batteri (glifo). © Fototeca Scienza / Imago

Se la diversità dei batteri intestinali protettivi diminuisce, ciò può influire su tutto il corpo. I seguenti disturbi e malattie sono associati alla flora intestinale disturbata:

  • sovrappeso
  • accensione
  • barriera intestinale permeabile
  • malattia mentale
  • Sistema immunitario indebolito
  • Malattie come il diabete o la sclerosi multipla

A lungo termine, una colonizzazione errata può portare a gravi disturbi e persino a malattie. I batteri intestinali sono quindi collegati a malattie come il diabete, la malattia infiammatoria cronica intestinale e persino la sclerosi multipla. Poiché il microbioma è in costante contatto con il cervello, il suo stato influenza il modo in cui pensiamo, sentiamo e agiamo. Anche i disturbi psichiatrici come la depressione e l’autismo sembrano essere collegati almeno in parte alla flora intestinale.

READ  Prey Hunt: i polpi coordinano con precisione le loro otto braccia

Non perdere nulla: puoi trovare tutto ciò che riguarda la salute nella newsletter periodica del nostro partner 24vita.de.

Flora intestinale disturbata: il microbioma influisce sul peso e sul sistema immunitario

quello microbioma Svolge anche un ruolo importante nella difesa contro agenti patogeni come virus e batteri. In questo modo, la flora intestinale garantisce il corretto sviluppo delle difese dell’organismo. Se si verifica uno squilibrio nella flora intestinale, ciò può anche compromettere la funzione di barriera intestinale. Pertanto, sostanze estranee possono entrare nell’intestino. Ciò può causare infiammazioni nell’intestino, ma anche in tutto il corpo.

Il microbioma è particolarmente adattabile. Una tipica dieta occidentale ricca di fibre, grassi animali e proteine ​​può ridurre la diversità dei batteri nell’intestino. Questa colonizzazione difettosa influisce, tra l’altro, sull’apporto calorico e sulla sazietà. Quindi l’obesità potrebbe essere il risultato di uno squilibrio nel microbioma. Tuttavia, coloro che mangiano principalmente alimenti a base vegetale possono invertire questo effetto altrettanto rapidamente.

Questo articolo contiene solo informazioni generali sull’argomento sanitario pertinente e non è quindi destinato all’autodiagnosi, al trattamento o ai farmaci. Non sostituisce in alcun modo una visita dal medico. Sfortunatamente, i nostri redattori non sono autorizzati a rispondere a domande individuali sulle immagini cliniche.