Aprile 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Scoperta emozionante in Italia: le grotte svelano il fiume Adriatico sotterraneo

Scoperta emozionante in Italia: le grotte svelano il fiume Adriatico sotterraneo
  1. Pagina iniziale
  2. Panorama

Premere

Grotte nel canale sotterraneo del fiume
Nel periodo pasquale gli speleologi triestini hanno scoperto il passaggio sotterraneo dei fiumi Timao e Rega. ©E. Carboni – Regione Friuli Venezia Giulia/Facebook

Dopo 23 anni di ricerche, poco prima di Pasqua gli speleologi hanno scoperto nei pressi di Trieste un misterioso fiume sotterraneo proveniente dalla Slovenia. Viaggiare negli abissi è molto pericoloso.

Duino-Aurisina/Škocjan – nelle vicinanze Italiano Nella città portuale di Duino-Arosina, a ovest di Trieste, un fiume nasce da quattro possenti sorgenti carsiche e sfocia due chilometri dopo nell'Adriatico. Ecco perché il Timao è chiamato “il fiume più corto del mondo”. Per migliaia di anni le persone si sono chieste da dove provenisse l’acqua. Gli speleologi erano ora in grado di comprendere il corso sotterraneo del fiume.

Da Karst Springs, Timao sloveno È noto da tempo che è alimentato dal fiume Reka, che scompare prima in una valle vicino al villaggio di Skojan, in Slovenia, e poi nelle spettacolari e scenografiche grotte di Skojan. I ricercatori possono rilevare fiumi sotterranei con acqua colorata.

Il corso del fiume delle caverne era precedentemente un mistero

Finora il corso esatto del fiume nelle caverne è rimasto un mistero. Il fiume Reka/Timao cresce Croazia Poco prima del confine sloveno scorre per 52 chilometri lungo Vela Voda prima di scomparire in una grotta profonda 160 metri e fino a 35 chilometri di grotte carsiche.

In questa valle iniziano le Grotte di Skokjan.
In questa valle della Slovenia Reka si nasconde in una grotta. © imago stock&people

Alla ricerca di un fiume sotterraneo, l'Imperiale-Reale-austriaco La Grotta Gigante, a ovest di Trieste, fu scoperta dall'ingegnere Frederico Lindner nel 1840 (all'epoca la regione di Trieste era ancora austriaca), che oggi è una spettacolare grotta da esposizione – ma nella quale non scorrevano né il Rega né il Dimao.

L'ingegnere austriaco voleva rifornire Trieste con l'acqua di un fiume sotterraneo

Lindner voleva sfruttare il fiume delle caverne come riserva di acqua potabile per Trieste. Un anno dopo, nei pressi del paese di Trebiziano, scoprì effettivamente una grotta a una profondità di 340 metri, nella quale scorre il fiume, ma non ci sono pompe per portare l'acqua in superficie.

Boche de Timao è uno scarico del Reca nei pressi di Duino-Arizina
Una delle fonti riemerge come Rekha Timao. ©Johann Jaritz/Wikipedia

I ricercatori hanno scoperto un varco che conduce al profondo

Nel 2000, i ricercatori della Società Adriatica di Speleologia Trieste, abbreviato SAS, hanno scoperto nei pressi di Trebiziano un nuovo ingresso, “Grotta Luftloch”, a cui hanno dato un nome tedesco in onore di Lindner. Una corrente di vento li portò lungo il sentiero. La discesa è stata difficile: “In alcuni punti il ​​pozzo era così stretto che poteva entrarvi solo una mano”, riferisce il capo del SAS Marco Restaino. Piccolo giornale.

È stato coinvolto nella scoperta della grotta nel 2000 e nell'avanzamento verso il fiume a una profondità di 300 metri. Il percorso per arrivarci è stato molto difficile: “Per ragioni non ancora del tutto chiarite, il contenuto di ossigeno dell'aria scende a valori molto bassi al di sopra di una certa profondità, che non consente la permanenza nella grotta”, è stato riferito . Restaino in una conferenza stampa la settimana scorsa.

Mappa di Timao o Rekha
Il sistema fluviale prevalentemente sotterraneo del Reka e del Timao. ©Wikipedia/Lexunim

L'aria doveva essere spinta in profondità mediante un ventilatore alimentato da generatori. “La traccia da seguire era in realtà un varco lungo un centimetro così stretto che era impossibile metterci una mano”, continua Restaino.

Mistero: non c'è ossigeno nella grotta del fiume

Si sperava che questo breve passaggio fosse di breve lunghezza, invece ci sono voluti anni di duro lavoro per costruire un tunnel artificiale che si estendeva per quasi 40 metri in orizzontale. Una settimana prima di Pasqua venne rimossa l'ultima roccia e si accedeva ad una grande grotta, in fondo alla quale scorre il Timao o Rega. Lì dodici speleologi del SAS scoprirono una grande camera nelle profondità del fiume.

La sala è alta quasi 50 metri, lunga 100 metri e larga almeno 30 metri. I ricercatori hanno trovato tracce di caverne nell'acqua. “Fortunatamente questo significa che qui non ci sono influenze esterne dannose. Animali molto rari possono vivere solo in un ambiente sotterraneo veramente intatto”, ha detto Restaino. Entusiasta: “Per noi è un sogno diventato realtà”.

È prevista un'ulteriore esplorazione in barca

L'esplorazione del fiume in barca dall'estremità della grotta continuerà nei prossimi mesi. Ma Restaino ritiene che ulteriori ricerche probabilmente falliranno a causa della mancanza d'aria. Secondo lui la scoperta ha un grande significato storico al di là degli aspetti scientifici. “Il Carso tra Trieste e Lubiana è considerato la culla della speleologia moderna. Siamo orgogliosi di continuare a seguire le orme dei veri pionieri.”

La speleologia è un'attività pericolosa: recentemente un gruppo di ricerca in una grotta nelle Alpi a nord di Venezia è stato tagliato fuori dal mondo esterno dopo una caduta di massi sotterranei. L'Adriatico riserva sorprese anche dal punto di vista scientifico: uno squalo elefante nel Golfo di Trieste ha recentemente suscitato scalpore tra gli esperti. e nel quartiere sloveno vicino a Bran Resti di antichi naufragi fu scoperto.