Maggio 20, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Aggressione al mercatino di Natale: 30 anni di carcere per i commessi dell'attentatore

Aggressione al mercatino di Natale: 30 anni di carcere per i commessi dell'attentatore

Al: 4 aprile 2024 alle 21:54

Poiché è stato lui a fornire l'arma all'assassino, un uomo di 42 anni dovrebbe finire in prigione per 30 anni. Cinque persone sono state uccise nell’attacco al mercatino di Natale di Strasburgo nel 2018. Molti testimoni oculari sono ancora traumatizzati.

Nel processo relativo all’attacco terroristico durante il mercatino di Natale a Strasburgo nel 2018, un tribunale di Parigi ha condannato un complice degli autori a 30 anni di prigione. La corte ha stabilito che l'imputato principale, 42 anni, ha fornito armi all'autore del reato aiutandolo così a realizzare i suoi piani terroristici. L'assistente era a conoscenza dell'estremismo islamico dell'aggressore.

Il tribunale ha condannato altri due imputati, che avevano contribuito a procurarsi le armi ma non sapevano nulla dei piani dell'attacco, a quattro e cinque anni di prigione. Un altro è stato assolto. Cinque persone sono state uccise e 11 ferite nell’attacco del 2018. Le sentenze possono ancora essere impugnate.

Attentati nel centro di Strasburgo

La sera dell'11 dicembre 2018, lo sceriffo islamista Shekhat ha aggredito persone nei vicoli e nelle piazze della città di Strasburgo con un'arma da fuoco e un grosso coltello. Inizialmente è riuscito a scappare a bordo di un taxi. Due giorni dopo, è stato ucciso in uno scontro a fuoco con gli agenti a Strasburgo dopo una caccia all'uomo su larga scala nella zona di confine franco-tedesca.

L'organizzazione terroristica Stato islamico (Isis) ha rivendicato l'attacco. Shekat aveva giurato fedeltà all'Isis in un videoclip. Si dice che l'aggressore, che ha diversi precedenti penali e origini nordafricane, si sia radicalizzato in carcere ed era noto alle autorità come una minaccia islamica.

Si sapeva che l'assassino rappresentava una minaccia

Poche ore prima dell'attacco, durante una perquisizione nel suo appartamento furono trovate armi, tra cui bombe a mano e coltelli. La polizia voleva arrestare il 29enne con l'accusa di tentato omicidio, ma l'uomo non era in casa. Suo padre lo ha informato che la polizia si stava avvicinando e poi Chikat, a quanto pare, ha deciso di effettuare l'attacco che aveva pianificato quella sera stessa.

Oltre alle vittime uccise e ferite, un gran numero di testimoni oculari diretti hanno subito gravi traumi psicologici. Circa 1.000 persone hanno cercato supporto per la salute mentale dopo l’attacco e molte stanno ancora ricevendo cure.