Febbraio 25, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Scoperta di un nuovo serbatoio d’acqua sulla luna – Wikiwand

Scoperta di un nuovo serbatoio d’acqua sulla luna – Wikiwand

I granelli vitrei sulla superficie della luna formano lì un serbatoio d’acqua precedentemente sconosciuto, secondo i rapporti squadra circa Il geofisico Hu Sen dell’Accademia cinese delle scienze di Pechino NaturaGeoscienza. I granuli agiscono come spugne nel ciclo dell’acqua lunare. In totale, gli autori dello studio stimano che ci siano tra 100 milioni e 100 miliardi di tonnellate di acqua in tali granelli di vetro sulla Luna. Il Lago di Costanza immagazzina una massa d’acqua di circa 50 miliardi di tonnellate.

I ricercatori hanno scoperto l’acqua mentre esaminavano campioni di roccia prelevati da una sonda spaziale cinese Chang’e 5 dal suo viaggio sulla Luna all’inizio di dicembre 2020. La consapevolezza che ci sono perline di vetro che immagazzinano acqua sul satellite terrestre è abbastanza nuova, ma non: Nel 2008, un team guidato dal defunto geochimico Eric Hurry ha rilevato per la prima volta l’acqua sulla Lunain campioni di suolo ancora da Apollo– Le missioni provenivano da. Fino ad allora, l’acqua era nascosta in pietre di vetro.

Le future missioni lunari potrebbero utilizzare l’acqua per produrre ossigeno, per esempio

Il gruppo attorno ad Hauri ha ipotizzato che i granelli di vetro siano di origine vulcanica e che potrebbero esserci altri depositi d’acqua all’interno della luna. Di conseguenza, le persone hanno guardato i dati spettrali delle sonde lunari con occhi acuti. E con successo: l’acqua può essere rilevata in diversi punti. Dove c’è poca luce solare – ai poli della luna – c’era una quantità particolarmente grande di acqua e ghiaccio vicino alla superficie. Il fatto che il contenuto d’acqua fluttui a seconda della radiazione solare indica l’esistenza di un ciclo dell’acqua. Tuttavia, non è ancora chiaro come funzioni esattamente.

Si pensa che i granelli di vetro analizzati da lui e dai suoi colleghi abbiano raggiunto la Luna attraverso l’impatto di un asteroide. Tuttavia, i pezzi di vetro rimangono anidri all’impatto. L’acqua arriva più tardi, sotto forma di nuclei di idrogeno carichi, che vengono trasportati sulla Luna dal vento solare e reagiscono con l’ossigeno delle particelle di polvere per formare molecole d’acqua. Un processo simile potrebbe essere l’origine degli oceani sulla Terra. Il contributo del vento solare alla formazione del “pianeta blu” è stato recentemente discusso.

A differenza della Terra, la Luna non ha praticamente atmosfera. Il fatto che il ciclo dell’acqua funzioni ancora sulla Luna può essere spiegato con l’aiuto del serbatoio temporaneo. Hu afferma che la nuova scoperta indica che i granuli di vetro sulla superficie lunare sono in grado di immagazzinare e rilasciare acqua. Per diffusione, l’acqua del vento solare può raggiungere anche gli strati interni della luna. E l’acqua lunare dovrebbe avere anche un uso pratico: future missioni lunari come Artemide Può essere utilizzato, ad esempio, per produrre ossigeno.