Maggio 29, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Aviazione – Illegittimo il prestito da 400 milioni dell’Italia ad Alitalia – Economia

Aviazione – Illegittimo il prestito da 400 milioni dell’Italia ad Alitalia – Economia

BRUXELLES/ROMA (Dpa) – L’Italia ha concesso un prestito di 400 milioni di euro alla compagnia aerea in difficoltà Alitalia alla fine del 2019 in violazione della legge europea. Violate le norme sugli aiuti di Stato dell’UE per le imprese in debito, ha annunciato lunedì la Commissione europea. Bruxelles ha quindi scritto che l’Italia dovrebbe recuperare i soldi e gli interessi da Alitalia.

Tuttavia, ciò non dovrebbe accadere: l’aviazione tradizionale non esiste più. È stato sostituito dalla nuova Ita Airways nell’autunno 2021. E poiché Alitalia non è considerata un successore economico di Alitalia, milioni non possono essere recuperati da Ita; La stessa Commissione Ue lo aveva già deciso nel 2021. Lufthansa sta attualmente negoziando un’acquisizione parziale di Ita Airways.

Alitalia ha subito enormi perdite nel corso degli anni e ha ricevuto milioni di prestiti dal governo italiano tre volte nel 2017 e nel 2019. I due prestiti, per un totale di 900 milioni di euro dal 2017, sono illegali, ha stabilito la Commissione Ue a fine 2021. Allora come oggi, le autorità garanti della concorrenza hanno deciso che l’Italia non agiva come investitore privato e nella misura necessaria. I fondi di rimborso sono esauriti. Piuttosto, si trattava di mantenere le operazioni di volo, quindi Alitalia aveva un vantaggio competitivo illegale.

“Ci aspettavamo queste decisioni dalla Commissione Ue”, ha detto lunedì il ministro italiano dell’Economia e delle Finanze Giancarlo Giorgetti. Allo stesso tempo, però, si è detto soddisfatto della valutazione di Bruxelles secondo cui l’erede di Alitalia, Ita, non poteva essere perseguita per la cattiva condotta nella concessione del prestito ponte. “Abbiamo ragione, continueremo su questa strada”, ha detto a proposito dello sviluppo di Ita Airways e dei piani di privatizzazione di Roma.

© dpa-infocom, dpa:230327-99-107061/3