Aprile 16, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Salute: rapido aumento dei casi di dengue in Brasile

Salute: rapido aumento dei casi di dengue in Brasile

In Brasile La febbre dengue si sta attualmente diffondendo a un ritmo insolitamente alto. Il Ministero della Salute ha reso noto che nei primi due mesi dell'anno nel Paese sudamericano si sono contati 1.017.278 contagi confermati o potenziali.

Si tratta di quasi cinque volte il numero di casi rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso (207.475). Inoltre, le autorità sanitarie hanno contato 214 decessi confermati e altri 687 sono ancora sotto inchiesta per il loro collegamento con il virus della dengue. Sei stati e il Distretto della Capitale hanno dichiarato emergenza sanitaria pubblica.

Il numero dei casi è in aumento anche in altri paesi

Le forti piogge e le alte temperature degli ultimi mesi sono probabilmente la causa di questo forte aumento. La zanzara della febbre gialla (Aedes a Egypti), che trasmette il virus della dengue, può prosperare in queste condizioni. La massiccia diffusione della febbre dengue ha raggiunto anche altri Paesi del continente: all'inizio della settimana, il governo peruviano ha dichiarato lo stato di emergenza nella maggior parte del Paese. Il numero di casi è aumentato significativamente anche di recente in Argentina.

Per contenere la diffusione della malattia brasiliana ministero della Salute Il “D-Day” è stato annunciato per questo sabato. In questo giorno, le persone in tutto il paese dovrebbero aiutare a combattere le zanzare asciugando i loro siti di riproduzione, come i sottovasi dei vasi di fiori. Inoltre, a febbraio in Brasile è iniziata una campagna di vaccinazione con un nuovo vaccino contro la dengue.

La febbre dengue, a volte chiamata la “malattia che rompe le ossa” a causa del forte dolore che l'accompagna, è diffusa nelle regioni tropicali e subtropicali. Tuttavia, il decorso è spesso lieve e non tutti i soggetti che presentano sintomi sviluppano sintomi.

© dpa-infocom, dpa:240301-99-176331/2