Ottobre 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Robbie Williams a Monaco di Baviera 2022: Emozionante e inquietante


Senza pioggia e Helen Fisher, ma con sorprese e nausea: il revival dell’artista è riuscito davanti a circa 100.000 spettatori – date le circostanze.

È un doppio stress test. Innanzitutto, che dire del leggendario talento dello spettacolo Robbie Williams oggi? D’altra parte: mostra almeno che la piazza gigante nel centro espositivo di Monaco può davvero essere utilizzata per creare un’atmosfera? Domanda chiave: il tempo collaborerà?

Nessuno dimenticherà questa sera. Forse il miglior artista della sua generazione all’apice della sua carriera, avvolge ancora il suo mignolo attorno alla maggior parte del pubblico. una grande offerta MonacoMentre l’abissale insicurezza si trasforma in riluttante narcisismo, la star vola fuori dal palco appesa a testa in giù al ritmo della hit “Let Me Entertain You”…

Robbie Williams sul palco a Monaco di Baviera

Così sono passati 19 anni, quando Robbie Williams era in uno stadio olimpico tutto esaurito con migliaia e migliaia di persone all’esterno, che intanto, nel più completo silenzio nell’arena tremante di entusiasmo, è stato portato con sé semplicemente dall’eco degli applausi . Quindi, se ci sono più persone in questo sabato sera d’estate, o no Andrea GaballierE il Elena Fisher E ha costruito l’arena gigante, quindi se questo è davvero il più grande concerto qui per il 48enne che è ancora il più grande artista. Robbie parla per 100.000 spettatori – e ovviamente non è giusto misurare oggi con questo grande momento da allora. Ma a questo proposito, in questa serata particolare, che sembra così un grande risveglio, si è più volte messo su di essa.

Robbie Williams annuncia un film su se stesso nel 2023 e un altro concerto?

Non ultimo perché ora sta salendo di nuovo sul palco – dato che da allora non è stato in tournée – con il suo super lunatico, ma questa volta semplicemente si è fatto un passo lassù, non volando dopo che l’animazione del pubblico aveva precedentemente lasciato il pubblico meravigliato. sugli schermi. Da (tutto in inglese, ovviamente) “C’è qualcuno?” a “Sono ancora tuo figlio?” (Aspettatevi la sua canzone più memorabile, che suonerà presto) – e seguono le risposte collettive: “Let Me Entertainment You!” Ma cosa è rimasto veramente dell’artista, che, dopo due anni di ritardo a causa del Covid, festeggia qui anche il suo 25esimo compleanno da solista?

Ma prima di andare sotto la pioggia di revival simili, diamo prima un’occhiata ai nuovi prodotti. E no, non si diceva nulla prima. Né Helen Fisher si è unito a lui sul palco per cantare il duo congiunto che stava suonando nel suo album Bad Christmas. Robbie si stava ancora esibendo allo spettacolo di apertura Lufthaus, un duo di DJ britannici a cui ha cantato alcune parti vocali, ma si sarebbe ritirato come parte della performance del concerto cliché … il film Man’ con lo stesso nome che mostrerà con lui e circa l’anno prossimo Potrebbe pianificare anche un altro concerto a Monaco nel 2023.

READ  Il figlio del principe William George: nuova foto del nono compleanno | intrattenimento

Leggi anche su questo

Il tempo era perfetto per il concerto di Robbie Williams al Munich Exhibition Center

Suona, afferma, per l’ultima volta la sempreverde “Sweet Caroline”, che cantava sempre con suo padre, che ora ha il morbo di Parkinson, e saluta i fan, grazie per tutti gli anni, ma ora che raramente accade. E non esce di casa. Robbie sta anche suonando una nuova canzone con “Lost”, che, ammette, sarebbe anche in linea con l’insicurezza allora esistente che in ogni caso appartiene all’album dell’anniversario in uscita venerdì prossimo, il che è altrimenti. Di gran lunga le migliori, più grandi canzoni che ho riarrangiato con un’orchestra. Ma ha preferito lasciarlo a casa per questa sera in questa enorme arena, dove il Beast Theatre largo 150 metri ruggisce ciò che Robbie e i cantanti presentano con forza a tutto volume nel cielo serale di Monaco.

Il che, tra l’altro, presenta di per sé una grande sorpresa: è stato annunciato il maltempo, rispetto a una giornata piovosa a Helen Fisher una settimana fa – ma invece resta tutto asciutto, solo per gli “angeli” alla fine dei due- programma dell’ora esattamente cadi le prime gocce. Robbie il civettuolo, che sembrava tentare la fortuna con “Monsoon” come seconda canzone e torrenti di pioggia e fulmini sugli schermi giganti, mentre facciate di temporali pieni di fulmini si accumulavano all’orizzonte: ancora una volta era un ragazzo fortunato . Ma alla fine della festa, le cose non gli andavano bene. Nell’apparire, in un modo che quasi nessun altro cantante ammetterebbe, ha spiegato apertamente che si era appena lanciato dietro la batteria e si sentiva un po’ male, non senza scusarsi con Barbara in prima fila, che questa volta lo ha diretto. La sua “lei”, ma è stata in grado di eseguirne solo la metà a causa della nausea. Era perché ora succhia un sacco di menta piperita invece di fumare?

L’artista Robbie Williams con un cannone di citazioni di sé

Almeno questa volta è il momento per Barbara, questa volta di “Something Stupid” che chiede a Lisa sul palco, di “Road to Manderlay” che chiede di nuovo al pubblico di provare la pampa e cantare di cuore, quindi spara di nuovo i souvenir tra il pubblico con un pistola ad aria compressa. Si presenta di nuovo con: “Mi chiamo Robbie Williams, questa è la mia band” (Jay Chambers, che ha plasmato i Days a leggenda, ne fa parte anche come direttore musicale) – “Questo è il mio culo”, ovviamente di nuovo lo spettacolo. Parla ancora di ciò che lo rende un “uomo turbato”, quella schizofrenia tra insicurezza e narcisismo, e soprattutto ringrazia ancora e ancora che i tedeschi qui gli siano ancora fedeli, dopo tutti questi anni. Chiede ancora se volete crescere insieme, continuare ad assicurare al pubblico il suo amore. Ironia della sorte, Robbie decostruisce i momenti intimi che sono appena sorti con grande piacere…

READ  Dortmund: la morte di Ted Herold - triste supposizione sulla causa dell'incendio

Sono gesti e battute che in realtà sono citazioni puramente soggettive – e soprattutto quando si parla del proprio stato d’animo, ci si potrebbe chiedere se questa costante affermazione di schemi passati per ottenere grandi vittorie dalla propria oscurità non si sia affatto manifestata in un ruolo così salutare di cui ha bisogno, il padre di famiglia, per diventare una pop star. O se questo è solo rubino e deve esserlo? Vedi “Sono ancora tuo figlio?” Per la quinta canzone, suona bene il grottesco “Come Undone”, da dove viene il verso, che lo mostra come un santo e una puttana. Per quanto tempo puoi tollerare una cosa del genere? Puoi suonare questo?

In ogni caso, Robbie Williams è già riuscito a sollevare il pubblico con tutte le sue canzoni dagli spalti a 300 metri con le prime canzoni – nella seconda metà, questa è seguita da una vera e propria uscita con i successi “Millennium”, “Hot Fudge”, “Kids”, “Feel” e “Rock DJ”. È vero che questo enorme spazio in fiera semplicemente non accende ciò che ha sempre funzionato in modo affidabile nello Stadio Olimpico: il fatto che La Ola, l’onda di entusiasmo, si slanci sugli spalti prima ancora della sua comparsa e poi si diffonda per l’intero ovale: qui svanisce come un luccichio nella padella nell’oceano. E Robbie è l’ultimo a non capire i problemi di un posto come questo e a trattarli con il suo istinto di intrattenimento, dicendo: ‘Ragazzi siete nel retro, dovete guardare uno spettacolo completamente diverso, forse i Coldplay. Non te ne accorgeresti nemmeno se lasciassi che il mio pene penda dai miei pantaloni per tutto lo spettacolo. Gli schermi sono abbastanza grandi per te? Ma non riesce nemmeno a recuperare questa mancanza di essere così pervasivo, soprattutto perché il teatro è usato nel meravigliosamente disperato “Supreme”, che è stranamente basato sul suo film molto bello The Lucky Song “I Love My Life” continua , sempre così forte che Almeno per questo il suo canto suona un po’ teso.

READ  Dramma brasiliano sulla fidanzata di Neymar - la morte della cantante stella (26) in un incidente aereo

La festa di Ruby a Monaco di Baviera: e l’ultimo evento guasta il presentatore dello stadio…

Quindi a partire da questa sera del 2022, 19 anni dopo, ci sono ancora sentimenti alquanto contrastanti. Ma a un livello! Perché questo Robbie Williams non solo aveva tutto il grande materiale dell’inno pop di quel periodo (che qui non ha in alcun modo esaurito), ma è anche presente a gran parte del pubblico in un’arena del genere in un certo modo, nonostante l’inevitabile distanza, che, rispetto ad Andreas Gaballier e Helen Fischer, caratterizza l’artista: sembra allegro, sicuro di sé, non sofisticato, naturale, come lui.

E mentre era a disagio, alla fine ha anche messo il pugno più bello. Ancora una volta, viene chiesto alle persone di cantare la canzone che ha reso l’assolo un successo, quindi forse 100.000 spettatori canteranno “Angels” a cappella e vedranno per la prima volta su tutti i maxischermi: se stessi, il loro allegro pubblico in preda alle vertigini. Momento – Mentre la stella della sera si allontana frusciando dal palco nella quiete dell’ombra della pioggia, silenziosamente, quasi inosservata, ma anche probabile che venga toccata. Molto bella. Solo allora, in mezzo a questo spirito che svanisce, l’indescrivibile presentatore teatrale grida al microfono che dopotutto era meraviglioso e chiede alla gente di gridare: “Che giornata, meravigliosa come oggi…” Cosa che praticamente nessuno fa, È finita, fermati – probabilmente adatto anche per i mega eventi al Munich Exhibition Center, non è vero. Nemmeno con il revival di Ruby.

Quindi la doppia conclusione è audace: con tutto ciò che c’era già nel 2003, fino all’ultimo vero momento clou del suo lavoro con l’album “Escapology”, con canzoni come “Me and my Monkey”, con “Mr Bojangles”…, questo talento dello show renderà l’ancora impressionante Robbie Williams che renderà i suoi fan ancora più felici – cercare di espandere questa entusiasmante fase iniziale della sua carriera da solista ha solo abbassato la pressione fino ad oggi; E un’arena come quella della fiera consentirebbe risultati astronomici al botteghino, ma non consentirebbe al pubblico di immergersi in una frenesia comune come lo Stadio Olimpico. Quindi Robbie, sai cosa succede dopo: il tuo istinto divertente non può dirti diversamente.

Ma prima rilassati. C’è ancora un grande concerto in vista, presto a Bonn. Poi addio, con Aida e i bambini in California, il più sani possibile, lontano dalla follia amata da centinaia di migliaia di persone. Ma non ti daranno meno felicità, pace e riconciliazione con te stesso.