Febbraio 4, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Risorto dopo 50.000 anni e contagioso!

virus zombi
Gli scienziati hanno riportato in vita virus di 50.000 anni e hanno scoperto che sono contagiosi.

Uno degli aspetti più complessi del riscaldamento globale sono i virus. intrappolati nel ghiaccio e riappaiono quando il ghiaccio si scioglie. Molti scienziati ritengono che sia necessario studiarli perché potremmo affrontare una nuova pericolosa realtà, perché questi virus hanno la capacitàinfettano organismi viventi e potenzialmente molto pericolosi per l’uomo.

Come riportato da Deutsche Welle (DW), gli scienziati hanno sette di questi virus noti come “virus zombi”. È stato rianimato che era rimasto dormiente per un massimo di 50.000 anni. Secondo un rapporto di ricerca del Cold Spring Harbor Laboratory (CSH) citato da DW, questi virus sono rimasti intrappolati nel permafrost siberiano in Russia. Il ritiro dei ghiacci a seguito del progressivo aumento della temperatura media ha portato a un graduale rilascio di questi virus in alcune zone.

In quest’area, in fase di disgelo accelerato, sono stati scoperti resti di animali preistorici, virus, microbi e altri microrganismi. Gli autori dello studio sottolineano che lo scongelamento permanente del permafrost è dovuto al cambiamento climatico Rilascia materia organica congelata per un massimo di un milione di anni, la maggior parte della quale si decompone in anidride carbonica e metano, aumentando l’effetto serra.

Risale alla preistoria nei suoi virus

I ricercatori sono stati in grado di identificare 13 virus che vivevano nella lana dei mammut. Addormentato nelle viscere di un lupo siberiano o in un lago un tempo ghiacciato. In ogni caso, sono stati identificati genomi specifici che non erano stati visti prima. Uno di questi virus rianimati risale a quasi 50.000 anni fa ed è stato chiamato Pandoravirus yedoma; È il virus più antico mai scoperto.

READ  La tendenza alla perdita di peso con Ozempic minaccia la cura del diabete

Dopo aver studiato questi virus, alcuni scienziati hanno avvertito che alcuni di essi potrebbero rappresentare una potenziale minaccia per la salute pubblica a causa della loro capacità di infettare altri organismi. Questa è la sua ragione Interagisci con loro e scopri di più su di loro.

I ricercatori ritengono che probabilmente ci siano molti altri virus in quest’area. Data la mancanza di conoscenza sulla nocività di questi antichi patogeni, gli esperti giustificano l’importanza di studiarli. L’attività di risveglio di questi virus può essere davvero molto pericolosa. Una possibile contaminazione sarebbe disastrosa per le malattie delle piante così come per gli animali e per l’uomo.

Scenario pericoloso

Questi virus possono infettare gli organismi dopo 50 secoli di lunghi inverni. Non esiste una difesa naturale contro di essa. Questo possibile scenario non è un’impresa da poco dato che un quarto dell’emisfero settentrionale è coperto da un terreno permanentemente ghiacciato noto come permafrost. Sebbene ci siano state molte descrizioni in letteratura dei ricchi e diversi microbi procarioti nel permafrost, Nessun altro rapporto di virus “vivi” è stato pubblicato dai due studi originali che descrivono i pitovirus (2014) e i molivirus (2015).

Gli scienziati hanno scoperto che si è riprodotto di nuovo dopo essere stato collocato in una coltura di amebe vive. Mentre studi precedenti indicavano che questi virus preistorici non avrebbero rappresentato un problema di salute pubblica, questa nuova indagine mira ad avvertire che potrebbero infettare altri organismi.

READ  Diabete e artrosi: alimenti che scatenano l'infiammazione

Dopo che i primi rapporti sono stati pubblicati più di 5 anni fa, questo studio ha confermato la capacità dei grandi virus del DNA di rimanere infettivi dopo più di 48.500 anni nel permafrost profondo. Tracce genomiche di questi virus sono state trovate nell’antico permafrost e nei sedimenti dei laghi artici in un recente studio metagenomico su larga scala. Questi includono patogeni umani e vertebrati ben documentati come poxvirus, herpesvirus e fluorovirus, anche se in misura minore rispetto ai virus dei parassiti infettivi.