Rapporto di mercato: quarto giorno di perdite nel DAX

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."


Rapporto di mercato

Stato: 09/06/2023 18:07

La serie di perdite del principale indice tedesco è continuata mercoledì. A Wall Street i prezzi scendono ulteriormente. Le recenti preoccupazioni sui tassi di interesse sono esacerbate dall’aumento dei prezzi del petrolio.

Se si guarda allo sviluppo di Wall Street, il mercato azionario tedesco stava ancora andando abbastanza bene a metà settimana. Il DAX ha chiuso le contrattazioni in ribasso dello 0,19%, registrando il quarto giorno consecutivo di perdite.

“L’indice azionario tedesco dà l’impressione che i minimi estivi di 15.450 punti dovrebbero essere nuovamente testati nei prossimi giorni”, ha affermato l’analista di mercato Jürgen Molnar di RoboMarkets. Gli acquirenti sono in sciopero ormai da alcuni giorni, nessun segno di slancio al rialzo.

Dopo i dati economici di oggi migliori del previsto, le preoccupazioni sull’inflazione e sui tassi di interesse hanno ripreso il sopravvento sui mercati azionari statunitensi. Anche l’aumento dei prezzi del petrolio ha avuto un ruolo in questo. Un’ora e mezza dopo l’inizio delle contrattazioni, l’indice principale Dow Jones ha perso lo 0,55%.

I titoli tecnologici crollano ancora più bruscamente. Il Nasdaq 100 è sceso di quasi l’1%.

Il sentiment nel settore dei servizi statunitense è sorprendentemente migliorato in agosto. L’indice dei responsabili degli acquisti dell’Institute for Supply Management (ISM) è salito di 1,8 punti a 54,5 punti rispetto al mese precedente. Gli economisti si aspettavano un calo a 52,5 punti. Pertanto, il valore dell’indice è al di sopra della soglia di espansione di 50 punti per l’ottavo mese consecutivo, indicando un’espansione dell’attività economica.

Anche la bilancia commerciale statunitense per il mese di luglio è stata leggermente migliore del previsto. Il deficit del commercio estero si è nuovamente ampliato. È aumentato di 1,3 miliardi di dollari rispetto al mese precedente arrivando a 65 miliardi di dollari. In media, gli analisti si aspettavano un deficit più elevato pari a 68 miliardi di dollari. Il deficit commerciale degli Stati Uniti è cronico perché gli Stati Uniti sono un importatore netto. Il deficit è finanziato dal debito estero.

Secondo l’Ufficio federale di statistica, a luglio il settore manifatturiero tedesco ha ricevuto l’11,7% di ordini in meno rispetto al mese precedente. In media gli analisti si aspettavano un calo solo del 4,3%. Tuttavia, questo forte calo segue il forte rally di giugno del 7,6%, un po’ più pronunciato di quanto precedentemente noto. Soprattutto “qualcosa di troppo grande” nel mese di giugno ha pesato sul mese successivo, riferiscono gli statistici.

Circa una settimana prima della prossima decisione sui tassi da parte della Banca Centrale Europea (BCE), il membro del Consiglio Claes Nott ha sottolineato la possibilità di un ulteriore inasprimento. Ha detto a Bloomberg News che, alla luce delle crescenti aspettative di inflazione, era una “decisione stringente” se fosse necessario o meno un altro movimento dei tassi.

I commenti di Nott sono stati una sorpresa perché i mercati finanziari tendono a presumere che le autorità monetarie metteranno in pausa i tassi di interesse. Tuttavia, a causa degli attuali dati economici statunitensi, l’euro è sotto pressione e attualmente viene scambiato a 1,0712 dollari. E il prezzo dell’oro scese a 1916 dollari l’oncia.

Nonostante le attuali preoccupazioni economiche, i prezzi del petrolio rimangono vicini ai massimi di ieri. Più recentemente, un barile di greggio Brent (159 litri) proveniente dal Mare del Nord è costato 90,18 dollari con consegna a novembre. Le preoccupazioni per la carenza di petrolio continuano ad affliggere il mercato del petrolio greggio. E l’Arabia Saudita e la Russia hanno annunciato ieri che estenderanno i tagli alle forniture fino alla fine dell’anno, il che ha portato ad un aumento dei prezzi del petrolio di circa il 2%.

Le azioni di Amazon hanno perso circa l’1% a New York. Secondo quanto riportato dalla stampa, questo mese l’autorità antitrust statunitense FTC intende intentare una causa contro le pratiche commerciali del gruppo internet. La causa prende di mira il programma logistico della società e i prezzi dei siti di terzi e proporrà “rimedi strutturali” che potrebbero portare allo scioglimento della società, secondo il Wall Street Journal.

Uno dei titoli DAX più forti è stato Siemens Energy. La banca d’investimento britannica Barclays ha classificato il gruppo DAX come “sovrappeso” e ha un obiettivo di prezzo di 19 euro. Secondo l’analista Vladimir Sergievskij, Siemens Energy è sottovalutata e sottovalutata sul mercato. In generale rimane scettico nei confronti dei produttori di turbine eoliche come la sua affiliata Siemens Gamesa, ma il calo dei prezzi del 50% negli ultimi tre mesi non è giustificato.

Il provider Internet United Internet è stato promosso a metà settembre all’indice MDAX dei titoli azionari a media capitalizzazione. E il titolo dell’azienda di costruzioni meccaniche Krones deve cedere il passo, come annunciato ieri sera dalla Borsa tedesca dopo la revisione dell’indice dopo la chiusura delle contrattazioni. La nuova arrivata in borsa Thyssenkrupp Nucera sostituisce United Internet nel segmento small value SDAX. Ionos arricchirà anche SDAX in futuro. Il fornitore di componenti per l’elaborazione delle immagini Basler dovrebbe fare spazio a questo. Le modifiche entreranno in vigore il 18 settembre.

L’imprenditore Klaus Michael Köhne si è dimostrato molto critico nei confronti della direzione della HHLA ad Amburgo e allo stesso tempo ha espresso la volontà di acquisire una quota maggiore nella società portuale. “Sono molto preoccupato per il porto: è mal organizzato, mal gestito e non riesce a tenere il passo con la concorrenza di altri porti marittimi”, dice il miliardario 86enne che vive in Svizzera. La Hamburg Haven & Logistics AG è posseduta al 69% dalla città di Amburgo.

La Kühne’s Holding, che possiede anche azioni della Hapag-Lloyd e della Lufthansa nonché del gruppo Kühne+Nagel, vorrebbe effettuare un investimento maggiore. “Il terminal portuale sarebbe una buona soluzione per questo”, ha detto Cohney, aggiungendo, “Sto pensando di fare un’offerta pubblica di acquisto formale per la maggioranza delle azioni di HHLA, ma so che la città non troverà molta approvazione Proprio adesso.” Un portavoce del Senato ha dichiarato: “Possiamo confermare che il Senato non intende vendere la maggioranza di HHLA a investitori privati”.

Il gruppo Saudi Telecom ha acquisito una partecipazione nella società spagnola Telefónica. E come annunciato ieri sera, l’azienda statale saudita ha acquisito una quota del 9,9% del gruppo spagnolo Telecom, attraverso l’acquisto di azioni e strumenti finanziari per un valore di 2,1 miliardi di euro. Ciò renderà STC il maggiore azionista del gruppo. Tuttavia, Telefónica in Spagna fa parte dell’infrastruttura critica. Il governo può ancora impedire una partecipazione di questa portata.

Schott, produttore di vetro specializzato con sede a Magonza, vuole quotare in borsa la sua divisione farmaceutica entro la fine dell’anno. L’inizio delle negoziazioni delle azioni alla Borsa di Francoforte è previsto entro la fine del 2023. Secondo una persona informata, il volume dell’emissione dovrebbe raggiungere più di 800 milioni di euro. Schott Pharma produce tra l’altro siringhe in vetro speciale e plexiglas, fiale e fiale per il settore medico. La divisione, fondata nell’agosto 2022, beneficia della forte crescita dei farmaci iniettabili.

Related articles

Lava dell’Etna – chiuso l’aeroporto di Catania

Berlino. L'Etna torna a eruttare in Sicilia paralizzando l'aeroporto di Catania: voli cancellati o...

Taylor Swift gioca ad Amburgo: gli Swifties festeggiano sul campo | NDR.de – Cultura – Musica

Al: 23 luglio 2024 alle 16:12 Oggi e domani Taylor Swift eseguirà il suo concerto “Eras Tour” davanti a...