Aprile 16, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Rapporto di mercato: il rally del DAX non finisce mai

Rapporto di mercato: il rally del DAX non finisce mai


Rapporto di mercato

Al: 14 marzo 2024 alle 12:52

Gli investitori continuano ad acquistare lentamente ma inesorabilmente: il DAX tocca di nuovo un livello record e molti investitori semplicemente non vogliono perdere la serie di vittorie consecutive. Quando arriverà la prima battuta d'arresto?

Nessuna presa di profitto: solo ieri l'indice leader tedesco ha superato per la prima volta la soglia dei 18.000 punti, oggi la tendenza al rialzo continua: il DAX continua a salire e attualmente è in rialzo di circa lo 0,3% a 18.006 punti. Il record attuale ad oggi è di 18.030 punti. Secondo gli analisti grafici di HSBC, i rally e il fatto che ogni piccola battuta d'arresto venga accettata sono segnali di forza.

“Da un punto di vista tecnico c'è ancora una sana tendenza al rialzo”, afferma Jochen Stanzel, esperto di mercato presso CMC Markets. Nelle ultime settimane gli investitori hanno ritenuto che non vi siano state correzioni importanti e che il mercato continuerà semplicemente a salire senza però calmarsi.

“Dato che molti investitori non hanno investito nei recenti aumenti di prezzo o hanno perso terreno a causa di investimenti insufficienti, le inversioni continueranno probabilmente ad essere utilizzate per effettuare acquisti”, ha affermato Thomas Altmann, gestore di portafoglio del gestore patrimoniale QC Partners. “Sarebbe davvero salutare per il mercato se si consolidasse prima e non continuasse a crescere a questo ritmo.” Negli ultimi sei mesi l'indice principale tedesco è cresciuto di quasi il 15%.

Gli investitori rimangono particolarmente interessati alla politica monetaria delle banche centrali: “Il mercato è molto miope in questo momento. In realtà pensa solo ai previsti tagli dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve americana e della Banca centrale europea (BCE)”, ha affermato Kate Jukes, stratega della Société Générale, Main a Parigi: “La Bce (Banca centrale europea) si avvicina a giugno”.

La Federal Reserve annuncerà la sua decisione sul tasso di interesse chiave la prossima settimana e gli investitori si aspettano in gran parte che il tasso di interesse rimanga invariato. Nei mercati dei futures, le probabilità di un allentamento della politica monetaria alle riunioni di giugno e luglio della Fed sono attualmente stimate tra il 65% e l'80%. È in qualche modo dato per scontato che i tassi di interesse scenderanno se verranno prese altre decisioni sui tassi di interesse.

Il calo dei profitti e il caos della Postbank hanno portato a una diminuzione dei bonus del consiglio di amministrazione di Deutsche Bank per l’anno fiscale 2023. Includendo i bonus, gli 11 direttori annuali, guidati dal CEO Christian Sewing, hanno guadagnato 64,6 milioni di euro dopo i circa 64,9 milioni di euro dell’anno precedente.

La fusione del Credit Suisse in UBS preoccupa un'altra organizzazione internazionale. Il cambio di gestione d’emergenza annunciato quasi un anno fa ha garantito la stabilità finanziaria, ma ha anche creato “nuovi rischi e sfide” per l’economia svizzera, come ha spiegato l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE). “UBS, che già prima della fusione era una banca di importanza sistemica a livello globale, è diventata più grande e deve soddisfare requisiti normativi più severi secondo le regole 'too big to fail'”, ha affermato l'OCSE.

La più grande azienda tedesca di armi, Rheinmetall, quest'anno vuole accelerare significativamente la sua traiettoria di crescita. Lo scorso anno il fatturato è aumentato del 12% a circa 7,1 miliardi di euro, l'utile netto è aumentato del 9% a 0,6 miliardi di euro. Nel 2024 Rheinmetall punta ora a un fatturato “nell’ordine dei 10 miliardi di euro”.

La società energetica RWE prevede che i risultati diminuiranno nel nuovo anno dopo aver aumentato significativamente gli utili nel 2023. Il risultato netto rettificato nel 2024 si collocherà all'estremità inferiore dell'intervallo compreso tra 1,9 e 2,4 miliardi di euro. La ragione principale di ciò sono i prezzi più bassi dell’elettricità all’ingrosso. Gli azionisti, tra cui diversi comuni della Renania Settentrionale-Vestfalia, riceveranno un dividendo di 1,00 euro per azione per il 2023 e di 1,10 euro per il 2024.

Secondo quanto riportato dai media, il produttore americano di auto elettriche Tesla intende produrre il camion nello stabilimento di Gruenheide vicino a Berlino. “Penso che sia sensato produrre il semirimorchio in Europa presso la Giga Berlin”, ha citato il quotidiano “Handelsblatt” citando Elon Musk, capo della Tesla. Secondo il quotidiano Musk avrebbe anche confermato che la produzione di un modello enorme, chiamato anche Modello 2 in generale, “certamente… Verrà a Berlino per un lungo periodo.” Musk ha introdotto il Tesla Semi nel 2017. Il semirimorchio elettrico è attualmente in fase di sviluppo in Nevada e viene prodotto in piccole quantità. Si prevede che la produzione aumenterà alla fine del 2024.

Il fornitore automobilistico e industriale Schaeffler sta compiendo un altro passo verso l'acquisizione dello specialista di azionamenti Vitesco. Hanno aggiunto che le due società hanno concluso un accordo di fusione con l'approvazione dei rispettivi consigli di sorveglianza. Come annunciato, gli azionisti di Vitesco riceveranno 11,4 azioni Schaeffler per ciascuna azione delle loro azioni. Affinché l'accordo possa essere completato, gli azionisti di entrambe le società devono ancora approvarlo. Gli azionisti di Vitesco voteranno all'assemblea generale annuale del 24 aprile e all'assemblea di Schaeffler il 25 aprile.

L'anno scorso il produttore di energia solare Meyer Berger ha registrato una grossa perdita. Nell’anno fiscale 2023 il risultato finale è stato una perdita di 291,9 milioni di franchi svizzeri (circa 303 milioni di euro). La forte pressione sui prezzi nel mercato solare europeo ci ha impedito di raggiungere i volumi di vendita desiderati. Quasi la metà della perdita è dovuta a impatti una tantum, ha aggiunto. L'azienda ha stimato il suo fatturato per il 2023 a 135 milioni di franchi svizzeri, leggermente inferiore a quello dell'anno precedente (147,2 milioni di franchi svizzeri).

La forte domanda di fine anno ha dato a Foxconn un aumento sorprendentemente grande dei profitti. Il più grande produttore mondiale di elettronica a contratto ha annunciato che l'utile netto dello scorso trimestre è aumentato del 33% raggiungendo l'equivalente di 1,54 miliardi di euro. Gli analisti si aspettavano 1,26 miliardi di euro. Il fornitore di Apple ha promesso un aumento “significativo” delle vendite per l'anno in corso.