Dicembre 9, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Rapporto dell’OMS: accesso globale a vaccini distribuiti in modo non uniforme

Ginevra (dpa-AFX) – Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), i paesi ricchi e quelli poveri hanno un accesso molto diseguale ai vaccini, non solo nel caso del Covid-19, ma anche per altre malattie. Il vaccino contro il papillomavirus umano (HPV), che può causare il cancro cervicale, è stato introdotto solo nel 41% dei paesi a basso reddito, rispetto all’83% delle nazioni ricche, secondo il rapporto sulla vaccinazione dell’Organizzazione mondiale della sanità pubblicato mercoledì.

Dopo essere scesi:
Vale la pena investire in questi titoli tecnologici in questo momento…

Anche la mancanza di convenienza del prodotto è un ostacolo. A volte, i paesi a reddito medio hanno pagato di più rispetto ai paesi più ricchi a causa delle differenze di prezzo. “Il diritto alla salute include il diritto ai vaccini”, ha affermato il capo dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus. Il rapporto mostra che le dinamiche del libero mercato negano questo diritto ad alcune delle persone più povere e vulnerabili del mondo.

A causa della pandemia di Corona, nel 2021 sono state consegnate in totale circa 16 miliardi di dosi di vaccino per un valore di 141 miliardi di dollari USA, quasi tre volte la dimensione del mercato del 2019. Le cifre mostrano il potenziale per espandere la produzione di vaccini, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità. Tuttavia, la produzione è nelle mani di pochi produttori. Dieci aziende hanno fornito il 70% delle dosi di vaccino, esclusa la corona. Alcuni dei primi 20 vaccini utilizzati, come morbillo e rosolia, provenivano da due soli fornitori.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, i monopoli di proprietà intellettuale e il trasferimento di tecnologia limitato limitano la capacità di costruire e utilizzare la capacità di produzione nazionale. Un altro rischio è rappresentato dagli investimenti limitati in tali vaccini, la cui domanda aumenta solo durante le epidemie, come nel caso del colera, del tifo, delle scimmie e dell’ebola. Questo potrebbe essere “devastante per la vita”, afferma il rapporto.

READ  La sonda Marte fa un'immagine misteriosa: questo è dietro l'oggetto annodato: lo spazio

Ha aggiunto che la risposta all’epidemia di Corona ha dimostrato che i vaccini possono essere sviluppati in una piccola frazione del tempo precedentemente richiesto. Ha anche rafforzato lo status dei vaccini come bene pubblico. Per promuovere un accesso equo ai vaccini, il rapporto invita i governi a sviluppare piani di vaccinazione chiari, rafforzare la supervisione dello sviluppo, produzione e distribuzione dei vaccini e prendersi cura dei centri di ricerca e produzione regionali. / mrd/DP/ngu

Fonte: dpa-AFX