Settembre 30, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Punizione per le parole: Trump insulta Biden

Retribuzione per la parola
Trump colpisce Biden con insulti

L’8 novembre si terranno le elezioni negli Stati Uniti. Anche l’ex presidente Trump si pone di fronte al cosiddetto metà mandato. Nel suo solito modo arrabbiato, ha pronunciato un discorso elettorale contro il suo successore Biden, presentandosi ancora una volta come una vittima.

L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha criticato il presidente in carica Joe Biden, definendolo un “nemico dello stato”. Parlando ai sostenitori a Wilkes-Barre, in Pennsylvania, sabato, Trump ha accusato il suo successore di aver pronunciato “il discorso più feroce, odioso e divisivo mai fatto da un presidente americano”.

Trump si riferiva al discorso di Biden giovedì a Filadelfia, in Pennsylvania. In esso, il presidente ha descritto il suo predecessore ei suoi alleati politici come una minaccia alla democrazia americana. Biden ha pronunciato il suo discorso davanti alla storica Independence Hall, dove sono state approvate la Dichiarazione di Indipendenza e la Costituzione degli Stati Uniti.

“Donald Trump e i Maga Republicans esemplificano l’estremismo che minaccia le fondamenta della nostra repubblica”, ha detto Biden. MAJA è l’acronimo dello slogan “Make America Great Again” di Trump. Trump ha risposto con: “I repubblicani in MAGA non sono quelli che cercano di minare la nostra democrazia”. Ha detto ai suoi sostenitori: “Siamo noi che stiamo cercando di salvare la nostra democrazia (…). La minaccia alla democrazia viene dalla sinistra radicale, non dalla destra”.

Il duro e ampio duello retorico tra Trump e Biden è avvenuto circa due mesi prima delle cosiddette elezioni di medio termine, in cui l’intera Camera dei rappresentanti e parte del Senato saranno rieletti a Washington. Anche se i Democratici di Biden sono recentemente aumentati nei sondaggi, devono ancora temere di perdere la loro precedente maggioranza in entrambe le camere a causa dei repubblicani sotto Trump. Ciò renderà ancora più difficile per Biden governare nella seconda metà del suo mandato di quattro anni.

Formule di superiorità anche quando si parla di FBI

Nel suo discorso a Wilkes-Barre, Trump ha espresso la sua indignazione per il raid dell’FBI nella sua casa di Mar-a-Lago, in Florida. Ha definito il raid “uno dei più spaventosi abusi di potere da parte di un governo nella storia americana”. Il 76enne ha classificato ancora una volta l’operazione come motivata politicamente. “Stanno cercando di mettermi a tacere e, soprattutto, stanno cercando di mettere a tacere voi ragazzi”, ha detto ai suoi follower. “Ma non staremo in silenzio”, ha gridato.

Allo stesso tempo, ha avvertito minacciosamente che questo raid avrebbe provocato un “contraccolpo” che “nessuno ha mai visto prima”. Tra le altre cose, Trump è sospettato di aver violato l’Espionage Act. Contiene linee guida rigorose per la conservazione dei documenti di sicurezza nazionale. I presidenti degli Stati Uniti sono tenuti a consegnare tutti i documenti ufficiali agli archivi nazionali quando lasciano l’incarico.

Durante il raid dell’8 agosto nella casa di lusso di Trump, i funzionari dell’FBI hanno confiscato dozzine di documenti classificati come “top secret”, “riservati” e “riservati”, secondo il Dipartimento di Giustizia.

Per settimane Trump ha flirtato con l’idea di potersi candidare per un secondo mandato. Ha fatto lo stesso a Wilkes-Barre, ma senza essere specifico.

READ  Ondata di caldo in Europa: la Germania affronta più caldo - temperature fino a 40 gradi possibili - Società