Gennaio 27, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Proteste in Kazakistan: la polizia uccide decine di manifestanti

Almaty. Nella capitale dell’Asia centrale le proteste contro il governo vengono represse nel sangue. Giovedì mattina, ha detto la polizia, decine di rivoltosi sono stati “eliminati” nella città di Almaty, secondo le agenzie di stampa Interfax, TASS e RIA Novosti. Un portavoce della polizia ha detto che “forze estremiste” hanno cercato di prendere d’assalto edifici amministrativi e di polizia ad Almaty.

Nel frattempo, l’invio di soldati stranieri in Kazakistan da parte di una coalizione militare guidata dalla Russia ha alimentato i timori di un’ulteriore escalation della situazione nell’ex repubblica sovietica. È stato detto che i soldati della Nato dovrebbero essere schierati per un periodo di tempo limitato “al fine di stabilizzare e normalizzare la situazione nel Paese”.

Tuttavia, il governo kazako ha richiesto questa assistenza dopo che le sue forze hanno usato la violenza armata contro i manifestanti critici nei confronti del governo. Alla luce delle turbolenze, la Russia ha trasferito i suoi soldati nel paese dell’Asia centrale. Giovedì, diverse agenzie governative russe, citando l’Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva, hanno riferito che i paracadutisti sono stati inviati come parte della forza di mantenimento della pace. Gli Stati Uniti e l’Unione europea hanno chiesto moderazione da tutte le parti e hanno chiesto una soluzione pacifica del conflitto.

video

Il governo kazako si dimette dopo violente proteste

La mossa del governo in Kazakistan è arrivata sulla scia delle violente rivolte martedì per un forte aumento dei prezzi del GPL. © Reuters

La più grande ondata di proteste degli ultimi anni è stata guidata dal risentimento per i prezzi del carburante significativamente più alti nelle stazioni di servizio del paese, soprattutto perché il Kazakistan soffre da anni di cattiva gestione e povertà. In risposta alle proteste, alcune delle quali violente, il presidente Kassym-Jomart Tokayev ha licenziato il governo, Prima che l’esercito intervenisse giovedì sera nella metropoli di Almaty. Lì, Tokayev ha detto in un discorso televisivo che “bande terroristiche” hanno combattuto lì con i paracadutisti. Ha accusato “agitatori interni ed esteri” per il caos.

READ  Comando del trasporto aereo europeo: condividere gli aerei

Quante vittime civili hanno annunciato finora le proteste?

Tokayev ha invitato l’Organizzazione del Trattato per la sicurezza collettiva (CSTO) guidata dalla Russia nella coalizione militare, che ha immediatamente annunciato l’invio di soldati, i cosiddetti peacekeeper. Oltre a Russia e Kazakistan, l’alleanza comprende anche Armenia, Bielorussia, Kirghizistan e Tagikistan. Il capo del Comitato della Duma di Stato russa responsabile degli affari delle ex repubbliche sovietiche, Leonid Kalashnikov, ha dichiarato all’agenzia di stampa russa Interfax che la Russia è obbligata ad aiutare e che l’alleanza è stata creata per questo.

Nella notte, la coalizione militare ha annunciato che avrebbe acconsentito alla richiesta di assistenza del Kazakistan. Il primo ministro armeno Nikol Pashinyan ha scritto su Facebook che i soldati dovrebbero essere schierati per un periodo di tempo limitato “per raggiungere la stabilità e normalizzare la situazione nel Paese”.

Tokayev ha spiegato la decisione secondo cui i disordini scoppiati durante il fine settimana “non erano una minaccia, ma minavano l’integrità dello stato”. Secondo le autorità, almeno otto poliziotti e soldati sono stati uccisi nelle proteste senza precedenti. Tuttavia, a causa della mancanza di media liberi, sul sito mancano notizie indipendenti e i video sui social network indicano che potrebbe esserci stato un numero di vittime civili. La polizia ha detto giovedì mattina che dozzine di rivoltosi sono stati “eliminati” ad Almaty, secondo l’agenzia di stampa Interfax. Inoltre, non è chiaro quanti manifestanti siano stati arrestati.

L’agenzia di stampa statale russa TASS, citando il suo corrispondente locale, ha riferito che la città di Almaty ha assistito a un “violento scontro a fuoco” tra dozzine di militanti e l’esercito davanti al municipio giovedì. 300 soldati sono stati spostati in mezzi corazzati. Avrebbero circondato l’arena.

READ  La Nato rifiuta le "garanzie di sicurezza" e teme il crollo dell'alleanza

E il canale televisivo kazako “Khabar 24” ha annunciato in mattinata che le forze di sicurezza continueranno a reprimere i manifestanti. “L’operazione antiterrorismo per ristabilire l’ordine continuerà ad Almaty”, ha aggiunto. L’agenzia statale russa, RIA Novosti, ha riferito che veicoli militari avevano raccolto i corpi in città. Anche le banche hanno smesso di operare per il momento.

Il media kazako Vlast ha riferito nel canale di notizie Telegram che non c’erano più manifestanti e soldati nel centro di Almaty. Diversi supermercati e negozi, tra cui un trafficante d’armi, sono stati saccheggiati. Inoltre, sono stati fatti saltare in aria diversi bancomat. “C’è un pungente odore di fuoco in città”.

Al contrario, i video di Nur-Sultan (ex Astana) hanno mostrato come è iniziata la vita pubblica il nuovo giorno. Puoi vedere auto e autobus per le strade, ma puoi anche vedere un gran numero di forze di sicurezza che hanno chiuso gli edifici del governo. All’aeroporto della città, tutti i voli sono stati cancellati fino a mezzogiorno. Lo stato di emergenza vale su tutto il territorio nazionale. Lunghe code si sono formate davanti ad alcune banche.

È possibile che l’aeroporto di Almaty sia di nuovo libero – Internet è chiuso

I media kazaki avevano precedentemente riferito che l’aeroporto della città, occupato da una folla di manifestanti e gravemente danneggiato, era stato “liberato” dopo che diverse compagnie aeree avevano cancellato i voli per Almaty. Nel cosmodromo di Baikonur Secondo l’agenzia spaziale russa Roscosmos, le misure di sicurezza sono state rafforzate.

La diffusione delle informazioni è resa più difficile dai frequenti divieti di Internet in Kazakistan. La rete è stata chiusa per ore mercoledì, probabilmente per rendere più difficili i nuovi incontri. Diverse stazioni televisive hanno smesso di funzionare. L’agenzia statale russa TASS ha riferito che giovedì sera non è stato più possibile raggiungere i siti web delle autorità, della polizia e degli aeroporti. Anche siti Internet come l’agenzia di stampa statale Kazinform e altri media non erano disponibili dalla Germania.

READ  L'iniziativa prevede il divieto di processo: il movimento LGBT in Polonia teme per i propri diritti

Secondo Tass, c’è stato un completo fallimento di Internet ad Almaty, che ha paralizzato i social network come strumento di coordinamento centrale per i manifestanti. Morta anche la rete di telefonia mobile nella capitale economica.

Gli Stati Uniti d’America, l’Unione Europea e il Ministero degli Esteri tedesco si preoccupano di questo

Diversi paesi, tra cui Stati Uniti e Unione Europea, hanno chiesto una soluzione pacifica. “Chiediamo a tutti i kazaki di rispettare e difendere le istituzioni costituzionali, i diritti umani e la libertà di stampa, anche ripristinando l’accesso a Internet”, ha affermato il portavoce del Dipartimento di Stato americano Ned Price. Anche il Servizio per l’azione esterna dell’UE ha espresso preoccupazione per i gravi disordini in Kazakistan e ha invitato il governo a rispettare gli obblighi internazionali e il diritto fondamentale alla protesta pacifica.

Il paese dell’Asia centrale di oltre 18 milioni di persone è governato da decenni dal governatore Nursultan Nazarbayev e confina con Russia e Cina. È ricco di petrolio, gas e uranio. Nella classifica sulla libertà di stampa di Reporters sans frontières, il Kazakistan è al 155 posto su 180 paesi.