Ottobre 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Protesta contro i prezzi elevati dell’energia: decine di migliaia contro il governo ceco

Stato: 03.09.2022 20:17

Decine di migliaia di persone hanno manifestato a Praga per l’aumento dei prezzi dell’energia, chiedendo la fine delle sanzioni contro la Russia e le dimissioni del governo. Il premier Fiala li ha accusati di “atteggiamenti filo-russi”.

E nella Repubblica Ceca, decine di migliaia di persone hanno protestato contro il governo e ne hanno chiesto le dimissioni. Secondo la polizia, circa 70.000 persone hanno manifestato in piazza Venceslao, nella capitale, Praga. Il tema della protesta era “Prima la Repubblica Ceca”. Ha invitato i partiti di estrema destra, il Partito Comunista e le organizzazioni critiche nei confronti del governo e delle iniziative dei cittadini.

Hanno denunciato i prezzi elevati dell’energia e chiesto la fine delle sanzioni dell’Unione Europea contro la Russia. Ma si sono anche opposti alle vaccinazioni contro il Corona e all’ammissione dei profughi. Hanno accusato il loro governo di prendere gli interessi dell’Ucraina più seriamente degli interessi del popolo ceco.

Il governo è appena sopravvissuto al voto di sfiducia

Il primo ministro Petr Fiala ha accusato gli organizzatori dell'”orientamento filo-russo” che ha danneggiato la Repubblica Ceca. “È chiaro che la campagna di propaganda e disinformazione russa appare ancora e ancora nel nostro paese e che ci sono persone che se ne innamorano”, ha affermato l’agenzia di stampa ceca CTK.

Solo venerdì il governo di Villa è sopravvissuto al voto di fiducia al parlamento richiesto dal partito populista dell’ex premier Andrej Babis e da un partito di estrema destra.

READ  Omosessualità in Iran: esecuzione di due gay! - Politica all'estero