Maggio 18, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Processi – Braunschweig – Corte chiede parere esperto sul caso VW dall’Italia – Panorama

Braunschweig (Dpa) – I clienti italiani tornano alla Corte regionale superiore (OLG) di Braunschweig dopo i gravi danni ai conducenti diesel VW tedeschi – Room vuole prima esplorare potenziali reclami. A seguito dell’udienza preliminare sull’azione di notifica a campione promossa martedì dal Centro Alto Adige Consumatori, il Senato competente ha annunciato la nomina di una perizia. L’oggetto del procedimento è principalmente se debba essere applicato il diritto tedesco o italiano.

Più di 1000 consumatori nel nord Italia vogliono battersi per un possibile risarcimento sulla base dell’esempio del caso modello tedesco, risultando in un confronto tra Volkswagen e l’Associazione federale delle organizzazioni dei consumatori (vzbv). Si tratta dei modelli diesel di VW, Audi, Skoda e Seat, che hanno lo “Scandal Engine” EA189 con il dispositivo di guasto illegale – tuttavia, le auto sono state acquistate in Italia, non in Germania.

“Il Senato ha già preventivamente indicato alle parti che, contrariamente a quanto affermato dall’attore modello, nell’esame di potenziali richieste di risarcimento si applicano le leggi reali italiane e non tedesche”, ha chiarito OLG. La questione della competenza internazionale del giudice tedesco dovrebbe essere separata dalla questione del diritto applicabile. Di norma, l’ordinamento giuridico del paese danneggiato è responsabile della questione in esame.

Per i circa 250.000 partecipanti al processo tedesco, VW e vzbv hanno raggiunto un buon accordo due anni fa dopo una lunga controversia. Anni modello dal 2008 al 2016 a seconda del tipo e dell’età della loro auto, i clienti diesel hanno ricevuto tra 1350 e 6257 euro.

© dpa-infocom, dpa: 220222-99-241002 / 3