Giugno 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Preoccupazioni per tassi di interesse più bassi, corsi azionari più alti: la ripresa della ripresa in borsa


Rapporto di mercato

Stato: 26/05/2022 22:12

Le preoccupazioni sui tassi di interesse stanno scomparendo nelle borse. Gli investitori sperano che il rallentamento dell’economia statunitense impedisca alla Federal Reserve di aumentare ulteriormente i tassi. Quindi i prezzi delle azioni sono rimbalzati fortemente il giorno del rally.

“Vendi a maggio… e vai via” (Vendi a maggio ed esci dalle azioni!) – Chiunque sia rimasto fedele a quell’adagio del mercato azionario finora quest’anno ha in parte ragione. I prezzi di Wall Street sono in calo dall’inizio di maggio. I titoli tecnologici in particolare hanno subito pesanti perdite.

Marcia di soccorso a Wall Street

Ma l’umore ora può cambiare. Negli ultimi due giorni di negoziazione, il mercato azionario statunitense si è notevolmente ripreso dalle recenti battute d’arresto. Solo giovedì, il Dow è salito dell’1,6% ed è balzato a oltre 32.600 punti. I guadagni di prezzo sono stati i titoli tecnologici più colpiti. L’indice Nasdaq è balzato del 2,8%.

La Fed non accenna a un forte aumento dei tassi di interesse

La paura di un massiccio aumento dei tassi della Fed sta gradualmente svanendo. Nel suo ultimo verbale della riunione, la Federal Reserve statunitense ha segnalato un prudente aumento dei tassi di mezzo punto percentuale ciascuno nei prossimi mesi. “Gli investitori sembrano essere convinti che la Fed non abbia segnalato ulteriori aumenti dei tassi anche se l’inflazione continua a salire”, ha affermato Stuart Cole, capo economista presso l’intermediazione Equiti Capital.

Anche la contrazione dell’economia statunitense è positiva

Inoltre, un’incombente recessione negli Stati Uniti potrebbe impedire alla Federal Reserve di inasprire la politica monetaria. Thomas Hayes, asset manager di Great Hill, vede nell’economia statunitense, che si è contratta più nettamente del previsto nel primo trimestre, come un segno che le autorità monetarie potrebbero rallentare i loro rialzi dei tassi entro pochi mesi. “I numeri sono che la crescita sta rallentando, la domanda sta rallentando e forse anche l’inflazione sta rallentando”. Secondo una seconda stima, nel primo trimestre l’economia statunitense si è contratta un po’ più di quanto previsto in precedenza. Il prodotto interno lordo è sceso dell’1,5% su base annua. Nella prima stima è stato individuato un calo dell’1,4 per cento.

READ  Presto non più alti prezzi del carburante? Il "diesel miracoloso" tedesco potrebbe essere la salvezza

I rivenditori statunitensi alzano gli obiettivi annuali

Un altro punto positivo oggi è stato fornito dai numeri e dalle aspettative incoraggianti dei rivenditori statunitensi. Macy’s ha superato le aspettative in termini di guadagni e previsioni annuali. Inoltre, le due società di sconti, Dollar General e Dollar Tree, hanno alzato i loro obiettivi di vendita per l’anno in corso. Gli esperti hanno affermato che a causa dell’inflazione, molti consumatori devono girare due volte ogni dollaro. Nel frattempo, molti di coloro che in precedenza evitavano hanno acquistato i fornitori a basso costo là fuori. Le azioni di sconto sono aumentate fino al 21%. Macy’s Cycle è anche riuscita a volte ad aumentare i prezzi di circa il 18%. La scorsa settimana, i rivenditori Walmart e Target hanno spaventato gli investitori con numeri deludenti.

Nuovo batch per l’indice DAX

Sulla scia della forza di Wall Street, il DAX ha registrato il suo più grande guadagno giornaliero in due settimane il giorno del rally. Il principale indice tedesco è balzato dell’1,6% a 14.231 punti. Tuttavia, a causa delle festività, oggi le vendite sono state relativamente deboli. I tecnici del grafico dubitano che il principale indice tedesco abbia la forza di rompere il trend ribassista in corso da gennaio.

Euro oltre $ 1,07

I dati rivisti sul PIL e i verbali della riunione della Federal Reserve hanno pesato sul dollaro USA. L’indice del dollaro, che misura i prezzi rispetto alle principali valute, martedì era appena sopra il minimo di quattro settimane a quasi 102 punti. D’altra parte, l’euro è salito. La moneta unica è salita sopra $ 1,07.

La banca centrale russa taglia i tassi di interesse

La Banca centrale russa ha abbassato il tasso di interesse di riferimento di tre punti percentuali, portandolo all’11%. Lo hanno annunciato le autorità monetarie in una riunione straordinaria. Dopo la decisione sul tasso, la Banca centrale ha dichiarato che le condizioni quadro per l’economia russa, ovvero le sanzioni, rimangono “difficili” e “ostacolano in modo significativo l’attività economica”. Le autorità russe stanno cercando di stabilizzare il rublo dopo che la valuta è salita ai massimi di sette anni nonostante il conflitto in Ucraina. La riunione della banca centrale sui tassi di interesse era prevista solo per il 10 giugno.

READ  Stagione dei dividendi 2022: dividendi dalle società DAX: le azioni DAX potrebbero essere utili per i fan dei dividendi | newsletter

La banca centrale turca non taglierà i tassi di interesse

D’altra parte, la Banca centrale turca non ha toccato il tasso di interesse di riferimento nonostante l’inflazione molto elevata e lo ha lasciato al 14%. Le autorità monetarie mantengono stabili i tassi di interesse da gennaio. Il tasso di interesse chiave è molto più basso dell’altissimo tasso di inflazione. I prezzi al consumo sono aumentati del 70% su base annua ad aprile.

Il petrolio è un po’ più costoso, il rame è più economico

Il prezzo del greggio Brent del Mare del Nord è aumentato di circa il 2,6% a $ 116,81 al barile (159 litri). La fine della strada non è stata ancora raggiunta, ha affermato l’analista Tamas Varga dell’intermediazione PVM. La stagione di guida estiva si avvicina negli Stati Uniti e l’embargo dell’Unione Europea sulle forniture petrolifere russe. D’altra parte, il rame è sceso dell’1% a $ 9.277 per tonnellata. I blocchi in Cina continuano ad alimentare i timori di una recessione e una minore domanda di rame. La Cina è il più grande acquirente di questo metallo industriale al mondo.

Zalando e Hellofresh sono in aumento

Le azioni recentemente colpite dai vincitori della crisi del Corona Zalando, Hellofresh e Delivery Hero sono state particolarmente richieste al DAX oggi. In alcuni casi è più del cinque percento. I concessionari hanno affermato che per ora questo non è altro che un altro tentativo di atterrare a un livello di prezzo inferiore. Le azioni Bayer sono aumentate del 2,5%. Un analista di Citigroup era molto ottimista sulle prospettive di vendita del candidato farmaco Asundexian.

Goldman Sachs accelera il percorso di Frene

Il rating di acquisto di Goldman Sachs ha aumentato le azioni di Freenet di oltre il quattro percento. La banca d’affari ha aggiornato i documenti del provider di telefonia mobile da “vendere” a “comprare”. Goldman Sachs ha affermato che Freenet offre agli investitori una rara combinazione di crescita e pagamenti più elevati.

READ  Il colosso immobiliare cinese Evergrande mette in guardia dal default

Diverse azioni detraggono i dividendi

Alcuni giornali sono stati scambiati con uno sconto sugli utili giovedì, quindi sembrano solo deboli. In MDax, ciò ha colpito i gruppi chimici Evonik e Lanxess, nonché la società di autonoleggio Sixt, lo specialista di leasing SDax Grenke e la società IT Secunet.

I collaboratori di Twitter fanno causa a Elon Musk

Gli azionisti di SMS hanno intentato una causa contro il CEO di Tesla Elon Musk. Accusano il miliardario di aver risparmiato in modo inappropriato 156 milioni di dollari non annunciando l’acquisto di oltre il 5% di Twitter entro il 14 marzo. Invece, Musk ha annunciato solo all’inizio di aprile di possedere il 9,2% della società, secondo la causa intentata presso il tribunale federale della California. Poiché Musk inizialmente beneficiava del prezzo relativamente basso, era una forma di manipolazione del mercato.

Aspetto debole da Nvidia

Nvidia ha spaventato i suoi investitori con una prospettiva cupa. I giornali hanno perso il 4,5%. I numeri dello sviluppatore di processori grafici, chip per PC, server e console di gioco sono stati forti nel primo trimestre, ma le prospettive per la divisione giochi erano deboli, ha affermato un analista di JPMorgan.

La produzione di iPhone è stagnante in Apple?

Dopo un inizio debole nel trading, le azioni Apple sono diventate positive e sono aumentate di circa il 2%. Secondo fonti informate, il produttore di iPhone ha dei dubbi sull’aumento delle vendite del suo smartphone nell’anno in corso. Bloomberg News, citando persone che hanno familiarità con la questione, ha riferito che il gruppo ha incaricato i suoi fornitori di produrre circa 220 milioni di smartphone per il 2022, più o meno lo stesso livello dell’anno precedente. Ad oggi si prevede di immettere sul mercato circa 240 milioni di unità.