Febbraio 25, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Piovono diamanti su due pianeti del nostro sistema solare

Piovono diamanti su due pianeti del nostro sistema solare
  1. Home page
  2. Lo sappiamo

All'interno dei pianeti gassosi come Nettuno si forma una pioggia di diamanti di composti del carbonio che influenzano i campi magnetici. © Knut Niehus/Imago

La pioggia di diamanti si verifica all’interno dei pianeti gassosi del nostro sistema solare. I ricercatori hanno ora scoperto che può anche generare campi magnetici.

Monaco di Baviera – un gruppo di ricerca internazionale di Centro acceleratore lineare di Stanford (SLAC) In California ho acquisito nuove conoscenze sulla formazione della pioggia di diamanti sui pianeti del nostro sistema solare. Gli scienziati hanno i dati nella rivista specializzata Astronomia della natura pubblicato. I risultati dovrebbero anche fornire prove della formazione di campi magnetici complessi. Questi campi magnetici possono agire come una sorta di scudo protettivo per i pianeti.

La pioggia di diamanti sui pianeti gassosi è molto più elevata del previsto

In lavori precedenti gli scienziati avevano già scoperto che i diamanti si formano da composti di carbonio all'interno di grandi pianeti gassosi come Nettuno e Urano a causa della pressione presente lì, come ha fatto in uno degli studi il centro di ricerca europeo XFEL di Amburgo. comunicato stampa spiegare. Successivamente questi elementi affonderanno ulteriormente nel pianeta sotto forma di pioggia di gemme dagli strati superiori.

Dodici paesi partecipano all'impianto di ricerca sui laser a raggi X, che è uno stretto partner del tedesco Electron Synchrotron (DESY). Un nuovo esperimento SLAC presso XFEL ha ora dimostrato che la formazione di diamanti da composti di carbonio inizia a pressioni e temperature molto più basse di quanto precedentemente ipotizzato.

La pioggia di diamanti su Urano e Nettuno influisce sui campi magnetici

Per i pianeti gassosi del sistema solare, come Urano e Nettuno, ciò significa che la pioggia di diamanti si forma a una profondità minore e può quindi avere un effetto maggiore sulla formazione di campi magnetici. Questo processo è possibile anche su pianeti gassosi molto più piccoli chiamati “mini-Nettuno”. Sebbene non esistano pianeti di questo tipo nel nostro sistema solare, appaiono come esopianeti al di fuori del sistema solare. La stella nana bianca si evolverà effettivamente in un diamante cosmico.

Secondo lo studio, la pioggia di diamanti potrebbe portare con sé gas e ghiaccio nel suo percorso verso l’interno del pianeta, provocando flussi di ghiaccio conduttivo. Ciò agirebbe come una sorta di dinamo, che potrebbe creare campi magnetici. “La pioggia di diamanti probabilmente ha influenzato la formazione dei complessi campi magnetici di Urano e Nettuno”, spiega il ricercatore capo Mungo Frost. Solo di recente i ricercatori hanno raccolto nuove informazioni su Urano.

Per la ricerca, il team ha scelto un processo simile a quello che avviene all’interno del pianeta. I ricercatori hanno generato l’alta pressione e temperatura di oltre 2.200 gradi Celsius riscontrate all’interno dei pianeti a gas freddo utilizzando celle a incudine di diamante e laser.

Oltre agli scienziati dello SLAC, il gruppo di ricerca internazionale comprende anche ricercatori dell'XFEL europeo, del DESY e del Centro Helmholtz di Dresda, nonché ricercatori di altri istituti di ricerca e università.