Gennaio 30, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Permesso speciale di vendita: Putin limita gli uomini d’affari occidentali

Permesso speciale per la vendita
Putin continua a limitare gli uomini d’affari occidentali

La criptovaluta è vietata in Russia. Per mitigare le conseguenze delle sanzioni occidentali, il Cremlino sembra fare un’inversione di marcia. Inoltre, i timori di un esodo degli investitori stranieri stanno spingendo Putin a prorogare un decreto che limiti l’ambito del loro lavoro.

Gli imprenditori occidentali hanno ancora bisogno di un permesso speciale da parte del governo russo per poter vendere le loro partecipazioni in grandi aziende. Ciò riguarda in particolare i settori bancario ed energetico. Secondo l’agenzia di stampa Interfax, un decreto simile emesso dal presidente del Cremlino Vladimir Putin ad agosto è stato prorogato di un anno e ora scadrà solo il 31 dicembre 2023.

Dopo che la Russia ha lanciato una guerra aggressiva contro l’Ucraina, l’Occidente ha imposto sanzioni a Mosca. Allo stesso tempo, molte aziende e imprenditori stanno cercando di ridurre i loro affari in Russia a causa dei maggiori rischi. Tuttavia, il governo russo ha interrotto questi sforzi mesi fa e ha vietato la vendita di azioni in settori strategicamente importanti come l’estrazione di materie prime o il settore finanziario. Queste vendite sono possibili solo con un’esenzione dal governo. Il regolamento riguarda gli imprenditori di “paesi ostili”, cioè paesi che hanno imposto sanzioni alla Russia. Il Cremlino vuole attraverso questo regolamento impedire l’immigrazione di massa delle aziende occidentali.

Allo stesso tempo, il governo ha approvato accordi in cui le società straniere avrebbero venduto le loro fabbriche alle agenzie statali russe a prezzi ben al di sotto del prezzo di mercato. Ad esempio, le case automobilistiche Renault e Nissan hanno venduto i loro impianti di produzione in Russia al prezzo simbolico di 1 rublo.

La criptovaluta “potrebbe essere utilizzata al meglio”

Per mitigare le conseguenze delle sanzioni occidentali, la Russia vuole anche legalizzare le criptovalute il prossimo anno, secondo le informazioni della Duma di Stato. “(la criptovaluta) può essere ben utilizzata per le transazioni di pagamento internazionali”, ha affermato il presidente del comitato finanziario della Duma, Anatoly Aksakov, citato dal quotidiano Kommersant. Si tratta di garantire il loro uso legale al fine di garantire “l’importazione parallela”. Le autorità russe descrivono l’importazione di merci senza l’espressa autorizzazione della fabbrica come importazione parallela.

Ad oggi, l’uso di criptovalute è vietato in Russia. La banca centrale è da anni molto scettica su questo fenomeno. Ma a settembre, il primo ministro Mikhail Mishustin ha segnalato un cambiamento di opinione. Annuncia che le autorità competenti concorderanno una posizione unitaria entro la fine dell’anno. Le sanzioni occidentali vietano a molti prodotti di entrare in Russia. Oltre alle armi, si tratta principalmente di beni e componenti high-tech per l’industria elettronica come chip semiconduttori, ma anche macchine e sistemi. La Russia sta cercando di ottenere alcuni di questi beni da paesi terzi.

READ  I ricchi russi fuggono con i loro superyacht - BZ Berlin