Dicembre 6, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Pericoloso per alcuni pesci: l’Oceano Artico può diventare più acido in estate

Pericoloso per alcuni pesci
L’Oceano Artico può diventare più acido in estate

Infatti, l’acidificazione nell’Oceano Artico è maggiore in inverno che in estate. Ma questo potrebbe cambiare a causa del cambiamento climatico, hanno scoperto i ricercatori. L’evoluzione può essere dannosa per alcuni organismi artici come il merluzzo artico.

A causa del cambiamento climatico, l’Oceano Artico in futuro potrebbe essere più acido in estate che in inverno. Gli autori sono giunti a questa conclusione in una rivista specializzata “natura temperato” Studio pubblicato. Naturalmente, l’acidificazione nell’Oceano Artico è al culmine in inverno. Ma con l’aumento del riscaldamento globale, potrebbe intensificarsi in estate in futuro.

Lo ha affermato a Bremerhaven il coautore Hans-Otto Pörtner dell’Alfred Wegener Institute (AWI) e del Centro Helmholtz per la ricerca polare e marina.

I mari sono cambiati negli ultimi 200 anni Secondo la Dichiarazione AWI Assorbe più di un quarto dell’anidride carbonica (CO2) prodotta dall’uomo dall’atmosfera. Per questo motivo, è diventato il 30 percento più acido dall’inizio della rivoluzione industriale. Tuttavia, l’acidità dell’acqua varia con la stagione e la regione.

Molti fattori e un barlume di speranza

Secondo l’AWI, le temperature dell’aria artica aumenteranno più drasticamente in estate rispetto a prima, più ghiaccio marino si scioglierà e le acque si riscalderanno più rapidamente di prima, anche a causa dell’aumento della radiazione solare. Secondo i ricercatori, ci sono ragioni complesse per cui l’Oceano Artico potrebbe diventare più acido in estate in futuro. L’acidificazione è influenzata non solo da un fattore, ma anche dalla sensibile interazione di processi fisici, chimici e biologici. Alla fine, non può più essere compensato, ad esempio dalle alghe che svolgono la fotosintesi e quindi assorbono l’anidride carbonica.

Nel loro studio, i ricercatori hanno analizzato simulazioni di diversi modelli e sviluppato scenari climatici futuri. I cambiamenti nell’acidificazione sono stati maggiori per le emissioni di gas serra medie e alte – e molto più piccoli per le basse emissioni. “Per i ricercatori, è un barlume di speranza che gli elementi chiave dell’ecosistema dell’Oceano Artico possano essere preservati se il riscaldamento globale medio può essere mantenuto al di sotto dei 2 gradi Celsius”, afferma la dichiarazione.

READ  Sulla Germania piovono stelle cadenti: oggi riflettori puntati sulle Leonidi