Settembre 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Paura che i tassi di interesse siano troppo alti: il mercato azionario continua a scivolare

Stato: 15/09/2022 22:35

I timori di recessione continuano a pesare sui mercati azionari: a Wall Street e anche nel DAX, oggi i prezzi sono di nuovo in ribasso. Un caldo autunno incombe sul mercato azionario?

Quanto lontano si spinge la Federal Reserve? Questa è una domanda che molti investitori si stanno attualmente ponendo alla luce dell’elevata inflazione. Alla riunione di politica monetaria della prossima settimana, è probabile che la Federal Reserve aumenterà drasticamente i tassi di interesse di 0,75 punti percentuali. Alcuni investitori ritengono che sia possibile un aumento completo del tasso di punti percentuali.

Jumbo rialzo dei tassi di interesse sta arrivando negli Stati Uniti?

I forti dati economici di oggi hanno alimentato la speculazione su ulteriori forti aumenti dei tassi di interesse statunitensi. I rivenditori statunitensi hanno sorpreso le vendite ad agosto, mentre meno americani del previsto hanno chiesto l’indennità di disoccupazione la scorsa settimana. “Il contesto economico è molto buono”, ha affermato Mabrouk Shatwan, analista di investimento senior presso Natixis Wealth Management.

La Fed potrebbe portare a una recessione

Il mercato teme che una rigida politica monetaria delle banche centrali per contenere l’elevata inflazione farà precipitare l’economia in una profonda recessione. Tuttavia, un’inflazione persistentemente elevata sarebbe più pericolosa.

Gli investitori evitano le azioni a causa delle prospettive incerte. Oggi Wall Street è caduta di nuovo. L’indice Dow Jones è sceso dello 0,6%, il livello più basso da luglio. I titoli tecnologici in particolare sono stati svenduti. L’indice tecnologico Nasdaq 100 è sceso dell’1,7% a meno di 12.000 punti.

Sulla scia della debolezza dei mercati azionari statunitensi, il DAX è sceso per il terzo giorno consecutivo. È sceso dello 0,6% ed è sceso a 12.956 punti. Ciò significa che i guadagni di settembre sono stati quasi completamente utilizzati. Secondo la lettera di mercato di Berneker “Bernecker Daily”, “la lotta per stabilizzare i mercati continua contro i timori di tassi di interesse troppo alti”.

“Tasso di interesse neutro” in Europa in discussione

Sebbene la Fed sia molto più avanti della Banca centrale europea nel ciclo dei tassi di interesse, anche i banchieri centrali in Europa stanno attualmente discutendo su dove potrebbe portare il viaggio dei tassi di interesse. Secondo le stime del presidente della Banca centrale francese, Francois Villeroy de Gallo, la banca potrebbe raggiungere entro fine anno un livello di tassi di interesse tale da non rallentare né stimolare l’economia. I banchieri centrali parlano in questo contesto del cosiddetto “tasso di interesse neutro”. Tale tasso è stimato a meno del 2% o quasi per la zona euro, ha detto Villeroy ieri al Fondo monetario internazionale. “E potremmo essere lì entro la fine dell’anno”, ha aggiunto. Fino ad allora, dobbiamo assolutamente agire con decisione ma in modo ordinato. “

READ  Accordo su Twitter annullato: esperto di mercato: l'offerta di Elon Musk per acquisire Twitter era uno stratagemma per vendere azioni Tesla | newsletter

L’euro è rimasto leggermente al di sotto del livello del dollaro USA a $ 0,9996. distanza Dati recenti sull’inflazione elevata dagli USA Il recente rally temporaneo della moneta unica nella direzione di $ 1,02 era un ricordo del passato.

Doppi prezzi all’ingrosso tedeschi

Nel frattempo, la forte tendenza al rialzo dei prezzi all’ingrosso tedeschi si è leggermente indebolita, ma è ancora a un livello elevato. Ad agosto, i prezzi all’ingrosso sono aumentati del 18,9% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso, secondo l’Ufficio federale di statistica. È già il quarto mese consecutivo con un leggero aumento dei prezzi. Ad aprile, l’aumento del 23,8 per cento ha segnato il livello più alto degli ultimi 60 anni.

Bilancia commerciale europea con un deficit record

Il già elevato disavanzo commerciale nell’Eurozona si è nuovamente ampliato a luglio. Rispetto al mese precedente, il disavanzo destagionalizzato è aumentato di 8,1 miliardi a 40,3 miliardi di euro, secondo l’ufficio statistico Eurostat. Questo è di gran lunga il più alto disavanzo del commercio estero dall’emergere dell’area valutaria. Le importazioni di energia sono aumentate in modo particolarmente forte, a causa del forte aumento dei prezzi dell’energia dovuto alla guerra in Ucraina. La bilancia commerciale è la differenza tra esportazioni e importazioni. Di norma, l’Eurozona e l’Unione Europea registrano grandi eccedenze nel commercio estero.

Un dollaro USA più forte e la prospettiva di un ulteriore rialzo dei tassi da parte della Federal Reserve statunitense hanno spinto il prezzo dell’oro al livello più basso da aprile 2020. Il prezzo di un’oncia del metallo prezioso è sceso a 1.662 dollari. I mercati dei futures vedono una probabilità del 37% che la Fed aumenti i tassi di interesse di 100 punti base nella riunione della prossima settimana. Ciò farebbe scendere l’oro al di sotto di $ 1.680 l’oncia, ha affermato l’esperto finanziario Michael Langford della società di consulenza AirGuide.

Anche i prezzi del petrolio sono stati sotto pressione. Il prezzo di un barile di Brent North Sea è inferiore di circa il quattro per cento. Tuttavia, i prezzi sono ancora a un livello relativamente alto. La prevista debolezza dell’economia globale e l’aumento dei tassi di interesse in molti luoghi riducono le prospettive di domanda di petrolio greggio, benzina e diesel.

READ  Casse di risparmio: migliaia di clienti beneficiano della nuova funzionalità della carta EC

I prezzi del gas sono di nuovo in aumento

Nel frattempo, i prezzi del gas hanno continuato a salire mentre le temperature si sono raffreddate. Il futuro europeo è salito del 5% a 227,25 euro per megawattora. Un broker ha affermato che gli investitori temono che il prossimo inverno non sarà mite come sperato e che ci siano gravi strozzature nell’offerta. Un altro fattore trainante dei prezzi è la lotta nell’Unione Europea per un tetto al prezzo del gas russo.

L’attenzione di oggi è stata ancora una volta sulla Volkswagen. Per ora, l’ex capo della Volkswagen Martin Winterkorn non apparirà in un importante processo per frode “dieselgate” al municipio di Braunschweig. Un portavoce del tribunale distrettuale ha affermato che procedimenti separati contro l’ex capogruppo possono essere condotti solo separatamente. Secondo lui, il complesso non può essere restituito al procedimento in corso.

Quindi non è affatto previsto che il processo a Winterkorn abbia inizio. Gli altri quattro dirigenti accusati in questo caso sono sotto processo nel municipio di Braunschweig da un anno. Sono accusati, tra l’altro, di frode commerciale e di bande con programmi ingannevoli per controllare i gas di scarico di milioni di auto diesel. Il complesso contro il 75enne Winterkorn è stato inizialmente licenziato sulla base di un referto medico.

Volkswagen sta utilizzando la prossima offerta pubblica di Porsche per fare riferimento al modello più famoso della casa automobilistica sportiva di Stoccarda per una pubblicità efficace. In riferimento alla classica Porsche 911, il capitale sociale di Porsche AG è stato diviso in 911 milioni di azioni, come indicato sul sito web di emissione di Porsche. La metà di queste sono azioni privilegiate e l’altra metà sono azioni ordinarie. Fino al 25 per cento della preferenza senza diritto di voto – 12,5 per cento del capitale sociale – sarà collocato presso gli investitori. Tra questi l’emirato del Qatar, che ha una partecipazione in Volkswagen ed è pronto a sottoscrivere fino a un quinto dell’emissione.

Secondo due addetti ai lavori, il consiglio di sorveglianza della Volkswagen si riunirà domenica sera. Un insider ha affermato che il comitato discuterà quindi la valutazione di Porsche AG e determinerà quindi la fascia di prezzo in cui verranno offerte le azioni. Secondo una fonte interna, Porsche AG potrebbe essere valutata a 70-80 miliardi di euro quando sarà quotata in borsa.

Le azioni di Delivery Hero sono diminuite in modo significativo in MDAX. Un trader ha notato l’annuncio della società secondo cui il CEO Niklas Ostberg e il COO Peter Jan Vandebet avevano venduto le proprie azioni. “Questo è un segnale negativo”, ha detto il broker.

Al contrario, le azioni Hochtief hanno superato l’indice SDAX, con un aumento di quasi il 6%. Il gruppo infrastrutturale italiano Atlantia vende la sua partecipazione nel gruppo edile tedesco al maggiore azionista spagnolo di Deutsche, il gruppo edile spagnolo ACS. Gli spagnoli pagano 51,43 euro e acquisiscono l’intera quota del 14,46 per cento di Atlantia. Finora possiedono il 53,5 percento delle azioni.

Wael Sawan diventa il nuovo CEO del colosso petrolifero Shell. Il gruppo ha annunciato oggi che l’ex direttore del gas e delle energie rinnovabili del Gruppo sostituirà Ben van Beurden al vertice di inizio anno. La nomina di Sawan arriva in un momento cruciale per il gigante petrolifero, che si è posto l’obiettivo di ridurre a zero le proprie emissioni dannose per il clima entro il 2050 e di eliminare gradualmente i combustibili fossili. Al Kindi è in Shell dal 1997 ed è stato membro del Comitato Esecutivo per tre anni.

Secondo un rapporto dei media, il produttore di auto elettriche Tesla ha sospeso il suo piano di produzione di batterie in Germania. La società statunitense vuole cambiare la sua strategia di batteria per sfruttare gli incentivi fiscali negli Stati Uniti, riporta il Wall Street Journal (WSJ), citando persone che hanno familiarità con la questione. Il mese scorso il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha firmato una nuova legge (“Inflation Reduction Act”) che, tra le altre cose, prevede incentivi fiscali per i produttori di auto elettriche per un valore di miliardi.

1 miliardo di acquisizione di Adobe

A Wall Street, le azioni Adobe sono scese di quasi il 17%. Questa è la più grande perdita di un giorno in 12 anni. Il fornitore di Photoshop vuole ingoiare Figma, specializzata in software per il lavoro collaborativo online, per 20 miliardi di dollari. Gli analisti hanno descritto il prezzo come troppo alto.