Maggio 24, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Partita del 1860 contro il Dortmund II sull’orlo

Partita del 1860 contro il Dortmund II sull’orlo
  1. tz
  2. gli sport
  3. 1860 Monaco di Baviera

creatura:

da: Olly Kellner

E qualcosa si è accumulato lì: i marcatori nella vittoria del 1860 a Oye, Stefan Lakes (2) e Albion Frenzy. © IMAGO / Eibner-Pressefoto / Bert Harzer

Maurizio Jacobaci ha alzato le braccia e ha ruggito di gioia verso il cielo. I Lions non hanno mai visto il loro nuovo allenatore così caldo come nella vittoria per 3-1 (2-0) ad Aue.

Owe / Monaco – Il suo giubilo dopo il fischio finale ricordava il gesto trionfante di un ciclista professionista dopo aver tagliato il traguardo. E Jakobacci deve aver provato qualcosa di simile, come il vincitore del Giro d’Italia.

Dopo un inizio debole contro il Colonia (0:1), i pareggi a Duisburg e contro l’Elversberg hanno dimostrato che la squadra di Jakobacci poteva tenere il passo con il campo principale della terza divisione. Poi sabato la tanto attesa vittoria di tappa. “Non c’è molto da vincere”, si era lamentato l’italiano due giorni prima della sua trasferta sui Monti Ur.

Il TSV 1860 Aue è stato sconfitto, nonostante le curve di forme diverse

È difficile da credere, ma è vero: fino a sabato, i Lions erano l’unica squadra della Divisione III a non segnare una tripletta. Altrettanto sorprendente: la squadra di Jacobacci ha vinto contro un avversario che stava attraversando il momento migliore della stagione.

I sassoni avevano vinto cinque delle sei partite precedenti, anche contro le contendenti alla promozione Mannheim, Wiesbaden e Saarbrücken. Poi venne il 1860, un audace scalatore. Ma non c’era alcuna indicazione di ciò. I leoni sono partiti come se non ci fosse crisiiniziata subito dopo la vittoria dell’andata (3: 1).

TSV 1860 persuade collettivamente: “Ci stiamo divertendo di nuovo!”

È impressionante come all’improvviso ogni giocatore sia tornato sui percorsi in cui era stato addestrato, quanto velocemente si voltasse e si dirigesse in avanti di proposito. E soprattutto: come improvvisamente le opportunità sono state combinate, ma con quanta spietatezza sono state utilizzate. Non solo il capitano Stefan Leakes, che ha contribuito con due gol più un assist, ha segnato il 2-0, giocando come se fosse a piede libero. Anche Joseph Boyamba ha continuato la sua tendenza al rialzo con azioni coraggiose.

Una gioia contagiosa da giocare, con Albion Frenzy, capocannoniere 2:0, felice di essere coinvolto, sostenuto dal potente duo di sei uomini di Moll/Wörl. “Sono così orgoglioso dei ragazzi”, ha detto Jacobacci con entusiasmo. “Ci siamo meritati questa giornata”, ha dichiarato Freenesi, il nuovo direttore creativo, “tutti stanno lottando, guadagnando metri l’uno per l’altro: questo è ciò che ci distingue. Ci stiamo divertendo di nuovo!”

TSV 1860: affronta il Dortmund di seconda divisione sull’orlo

Il doppio capocannoniere Leakes, che ha perso le sue migliori occasioni, ha ammesso: “Non è divertente avere la tua faccia in faccia per settimane – ed è vero, perché non siamo riusciti a gestirlo in termini di risultati. Potresti vedere il nuovo capo ha portato una buona leadership; abbiamo perso qualcosa”. Ora dobbiamo mantenere la nostra prestazione, così potremo battere molte squadre in campionato”. Devono ancora arrivare un totale di dieci partite, principalmente da Pasqua in poi ci sarà una serie di partite contro le squadre davanti ai Lions in classifica (tra cui Osnabrück, Wiesbaden, Saarbrücken).

Dortmund 2 inizierà domenica (13:00) – se La partita non è stata rinviata con breve preavviso. Succede quando, insieme a Leandro Morgalla, Marius Worl, che è in ottima forma, viene convocato per la finale di qualificazione al Triplete dei Campionati Europei UEFA Under 19 in Germania. Il leone del momento è attualmente in servizio, ma le cose potrebbero cambiare in vista della prima partita di mercoledì contro l’Italia. Nel frattempo, ci sono stati elogi per il lavoro di sviluppo di Jacobacci da parte di un veterano della Divisione III. L’allenatore dell’Oye Pavel Dochev, 57 anni, ha dichiarato dopo la fine della striscia di vittorie della sua squadra: “Alcune cose sicuramente non hanno funzionato per noi, ma anche perché avevamo un avversario forte. Il 60 ha qualità – lo hanno dimostrato oggi. ” (ulk)