Gennaio 26, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Nucleare: l’Italia prevede un’inversione di marcia nella politica energetica | Politica

Energia atomica

Nucleare: l’Italia punta a una svolta nella politica energetica

10.12.2022, 13:41

| Tempo di lettura: 5 minuti

La crisi energetica: il nucleare può essere parte della soluzione?

Crisi energetica: il nucleare può essere parte della soluzione?

In Germania, la maggior parte dei politici è favorevole al funzionamento delle ultime tre centrali nucleari, anche con i Verdi, un argomento che non è apertamente tabù. Ma le ciminiere possono sostituire la mancanza di approvvigionamento di gas?

Video: Meteo, Ambiente, Politica, Economia e Finanza, Varie, Persone

Mostra spiegazione

Roma.
Perché il nuovo governo italiano sta pianificando un’inversione di marcia sulla politica energetica dopo l’eliminazione graduale del nucleare.

Ultimi tre giorni Germania Vengono conteggiate le centrali nucleari ancora in funzione. Anche se lei ha Governo centrale L’ho deciso I reattori sono collegati alla rete per alcuni mesi Sarà più di quanto inizialmente previsto. Ma poi avrebbe dovuto essere finita. Così, mentre la Germania dice addio al nucleare, la tecnologia si diverte ItaliaSta tornando da dove era quasi 40 anni fa.

Questo è significativo perché l’Italia è l’unico grande paese europeo ad aver eliminato gradualmente l’energia nucleare, insieme alla Germania. Sotto pressione Crisi energetica Gli italiani si sono improvvisamente resi conto di essere fortemente dipendenti dall’elettricità proveniente dall’estero. L’argomento commuove i cittadini poiché sentono chiaramente che le bollette dell’elettricità stanno aumentando nonostante il sostegno del governo.

Italia: il 75 per cento dell’energia è importato

L’Italia produce solo il 25 per cento del suo fabbisogno energetico; Il restante 75 per cento viene importato dall’estero sotto forma di gas, prodotti petroliferi e carbone. Sebbene le energie rinnovabili si siano notevolmente ampliate negli ultimi anni, la produzione Elettricità verde Ma non abbastanza. russo Una guerra di aggressione In Ucraina potenza Italia Ormai dipendente dall’estero per l’energia, espone il Paese ad elevati rischi di approvvigionamento ea una dinamica volatile e speculativa.


Non c’è da stupirsi che il nuovo governo ruoti attorno ai populisti di destra Georgia Meloney A seguito di un referendum nel 1987, gli italiani abbandonarono il ritorno al nucleare come soluzione ai loro problemi energetici.




AKW: Salvini sostiene la costruzione

Un sostenitore molto importante per il riavvio della produzione nucleare Il ministro delle Infrastrutture Matteo Salvini, La sua Lega è il secondo partito di coalizione più forte. “Sto lavorando molto perché l’Italia torni al nucleare. In sette anni l’Italia può costruire una centrale nucleare e produrre energia a un costo inferiore rispetto a oggi”, ha detto Salvini.Il leghista è molto favorevole al progetto, un centrale nucleare nella sua città natale, Milano, metropoli finanziaria e industriale, e accoglierà anche la costruzione di una centrale elettrica.

“L’Italia non può essere l’unico grande Paese non nucleare al mondo. “Non possiamo parlare di eliminazione graduale di gas, benzina e diesel senza discutere del nucleare”, ha detto Salvini. Centrale nucleare a Milano, nel suo quartiere Baguio.

Ha risposto alle obiezioni degli ambientalisti secondo cui l’Italia è un paese con una popolazione numerosa, vulnerabile a terremoti, frane e inondazioni, e su quale terreno è meglio non costruire reattori nucleari. SalviniCi sono 440 reattori nucleari in funzione nel mondo, molti dei quali nel Giappone sismicamente attivo e una dozzina in Francia, appena oltre il confine italiano. «I reattori di ultima generazione sono la forma più sicura e pulita di produzione di energia e questo è il futuro», assicura il leghista.

Dopo Chernobyl, gli italiani hanno detto no al nucleare

Lo condivide il nuovo ministro dell’Ambiente e dell’Energia Gilberto Pichetto Frattin. “L’Italia giocherà un ruolo importante nello sviluppo delle tecnologie di fusione nucleare nel progetto europeo Eurofusion”, ha sottolineato il ministro.

Italiani nel 1987 – un anno dopo il disastro nucleare Chernobyl – Votato in un referendum per eliminare gradualmente l’energia nucleare. Di conseguenza, le due centrali nucleari allora in funzione furono ufficialmente chiuse il 1° luglio 1990. La moratoria sulla costruzione di nuove centrali nucleari, originariamente dal 1987 al 1993, è stata prorogata a tempo indeterminato.

L’allora primo ministro si è dimesso nel 2009 Silvio Berlusconi Voleva reinvestire nell’energia nucleare, ma ha sospeso i suoi piani dopo il disastro di Fukushima. In un altro sondaggio del 2011, il 94,5 per cento degli italiani ha votato contro le nuove centrali nucleari.

L’opposizione al nucleare si sta sgretolando

Resistenza dentro Italia, che ha raggiunto il picco dopo Chernobyl, sta ora iniziando a sgretolarsi sotto la pressione della crisi energetica. Ecco perché il primo ministro Maloney vuole riavviare il progetto della centrale nucleare. Tuttavia, deve spiegare il cosiddetto fenomeno “nimby” – l’acronimo sta per “non nel mio cortile”. Molte persone sono a favore dell’energia nucleare in linea di principio, ma non nel loro cortile.

Dall’altro lato dello spettro politico, i socialdemocratici italiani sono favorevoli all’edilizia Terminali GNL Le importazioni di gas naturale liquefatto dovrebbero essere accelerate. Nel 2023 è prevista l’apertura di due terminal nella città portuale toscana di Piombino e nel porto adriatico di Ravenna. In questo modo l’Italia vuole ridurre la sua dipendenza dalle importazioni di gas russo. Tuttavia, il leader del partito Enrico Letta insiste sul fatto che il GNL può essere solo una soluzione temporanea. Secondo il Partito di centrosinistra, il Terminali GNL Sarà in vigore solo per pochi anni e sarà gradualmente eliminato prima del 2050 “per non interrompere l’opportunità di una transizione verde”.

I socialdemocratici vedono questa “transizione verde” come un’opportunità per l’economia del Paese. Tu respingi Energia atomica Perché, a loro avviso, la tempistica e le tecnologie esistenti non sono associate a una riduzione significativa della CO2.2Le emissioni saranno conformi entro il 2030.

Questo articolo è originariamente apparso su morgenpost.de




READ  È morto il fidanzato dell'americano KP Petito assassinato