Aprile 20, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Notizie sull’Ucraina: ++ Città in prima linea nell’Ucraina orientale sotto tiro ++

Notizie sull’Ucraina: ++ Città in prima linea nell’Ucraina orientale sotto tiro ++

DottSecondo fonti ucraine, l’esercito russo ha continuato i suoi attacchi al fronte nell’est dell’Ucraina. Lo stato maggiore ucraino ha annunciato che c’erano stati attacchi aerei e bombardamenti di artiglieria. Diverse città e paesi nella regione di Donetsk sono stati colpiti da un pesante fuoco. Le forze armate ucraine hanno respinto diversi attacchi.

I combattimenti continuarono a Bakhmut. Le forze russe continuarono a cercare di prendere il controllo della cittadina, che da mesi combatteva feroci battaglie.

Proprio lunedì, il capo nominato dai russi della regione occupata di Donetsk, Denis Pushlin, ha pubblicato un video sul servizio online Telegram, che sembra voler indicare guadagni significativi nel territorio russo. Secondo le sue dichiarazioni, lui stesso ha visitato il centro della città di Bakhmut, molto conteso.

Un edificio distrutto a Bakhmut.  Secondo Kiev, le forze armate ucraine hanno respinto circa 60 attacchi russi dalla domenica di Pasqua

Un edificio distrutto a Bakhmut. Secondo Kiev, le forze armate ucraine hanno respinto circa 60 attacchi russi dalla domenica di Pasqua

Fonte: dpa/LIBKOS

La battaglia di Bakhmut è l’offensiva più lunga della Russia in Ucraina da oltre un anno. La città, che aveva una popolazione di 70.000 abitanti prima dell’inizio della guerra, fu in gran parte distrutta e abbandonata dopo mesi di combattimenti. Tuttavia, la città nella regione industriale del Donbass ha ormai acquisito un’elevata importanza simbolica per entrambe le parti alla luce dei combattimenti che si protraggono da mesi e che hanno provocato pesanti perdite.

Qui è dove troverai i contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti richiedono tale consenso [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, acconsenti a questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati Dati personali in altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni su questo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite lo switch e la Privacy Policy in fondo alla pagina.

Tutti gli sviluppi nel live streaming:

08:40 – Il primo ministro polacco si reca agli incontri negli Stati Uniti

Il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki vuole rafforzare la cooperazione militare ed economica tra i due paesi visitando gli Stati Uniti. Si tratta di “rafforzare l’alleanza con il nostro alleato più forte, con un Paese che garantisce la sicurezza in Europa, che garantisce soprattutto la sicurezza nella nostra parte d’Europa”, ha detto Moravsky prima di partire per gli Stati Uniti martedì.

Leggi anche

8:12 – E l’avversario del Cremlino, Kara-Mersa, si attiene alla sua posizione

Il critico del Cremlino Vladimir Kara ha paragonato il suo processo a quelli sotto Stalin. Kara-Mrsa ha affermato in una dichiarazione pubblicata sui social media che il linguaggio usato contro di lui ricordava gli anni ’30, quando i cittadini sovietici venivano arrestati con accuse inventate e processati in processi farsa.

Kara Morsi è detenuta da un anno. È stato accusato in relazione a un discorso pronunciato davanti alla legislatura dell’Arizona in cui condannava l’azione militare della Russia contro l’Ucraina. È accusato di alto tradimento e diffusione di “false informazioni” sull’esercito russo in Ucraina.

02:01 – L’ex ambasciatore Melnik spera di ottenere il sostegno della Germania per un rapido ingresso nell’Unione europea

Il vice ministro degli Esteri ucraino Andriy Melnik spera che la Germania sosterrà i negoziati di adesione del suo paese all’Unione europea entro la fine di quest’anno. “Questo è un obiettivo ambizioso, ma realizzabile”, ha detto Melnik a RedaktionsNetzwerk Deutschland (martedì). La Germania deve svolgere un ruolo “molto importante, forse decisivo”. Spera di ottenere l’aiuto del cancelliere Olaf Scholz (SPD).

L’Ucraina ha ottenuto lo status di candidato all’UE lo scorso giugno, circa quattro mesi dopo che la Russia ha invaso il paese. Riferendosi alle riforme necessarie per l’adesione, Melnik ha detto: “I tedeschi e gli europei sanno che lo prendiamo molto sul serio, che non solo vogliamo prenderlo come una sorta di formalità, ma ci stiamo preparando adeguatamente, indipendentemente dalla guerra”. L’ex ambasciatore dell’Ucraina in Germania ha sottolineato che l’Ucraina potrebbe essere pronta prima del previsto, sia per l’adesione all’Unione Europea che per l’adesione alla NATO.

00:21 – Kara Mersa, la critica russa accusata del Cremlino, “non si pente”

L’accusato dissidente russo Vladimir Kara-Mersa afferma di non pentirsi di nessuno dei suoi commenti, anche se ora rischia 25 anni di carcere per i suoi commenti contro l’offensiva ucraina. “Io firmo ogni parola che ho detto e per la quale sono accusato oggi”, un giornalista ha citato le ultime parole di Kara Mers in tribunale su Telegram lunedì. Ha continuato: “Non ho rimpianti, ne sono orgoglioso”.

Il 41enne deve affrontare molteplici accuse, tra cui alto tradimento e diffusione di disinformazione sull’esercito russo. In un’udienza a porte chiuse la scorsa settimana, i pubblici ministeri hanno chiesto 25 anni di carcere per Kara Marsa.

“Incolpo solo me stesso”, ha continuato il critico del Cremlino. “Non sono riuscito a convincere abbastanza i miei compatrioti e politici nei paesi democratici del pericolo che l’attuale regime del Cremlino rappresenta per la Russia e per il mondo”. Il verdetto di Kara-Marsa è atteso lunedì prossimo.

Leggi anche

Il giornalista Ivan Gershkovich siede su un camioncino davanti a un tribunale di Mosca

arrestato e imprigionato

22:58 – Zelensky accoglie favorevolmente lo scambio di prigionieri con Mosca

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha accolto con favore lo scambio di oltre 200 prigionieri di guerra tra Mosca e Kiev. “Queste sono 100 famiglie che hanno ricevuto vera gioia prima di Pasqua”, ha detto Zelensky nel suo video discorso serale sui rimpatriati ucraini. Le chiese ortodosse celebrano la Pasqua domenica prossima. Secondo Zelensky, sono state rilasciate anche 20 lavoratrici.

Il capo dello Stato ha anche ringraziato la Germania per l’ulteriore assistenza militare. Nelle ultime due settimane sono stati consegnati tecnologia per armature, sistemi di difesa aerea, munizioni, macchinari e tecnologia medica. Tutto ciò rafforza l’Ucraina nella sua lotta difensiva contro la Russia. Riferendosi alla Russia, Zelensky ha aggiunto: “La parola ‘perdente’ deve accompagnare la parola ‘aggressore’. Solo una vittoria ucraina può garantirlo”.

22:18 – Ucraina, obiettore di coscienza condannato a tre anni di carcere

In Ucraina un obiettore di coscienza viene condannato a tre anni di carcere. Secondo l’ufficio del procuratore nella regione occidentale di Tkachev, il 40enne ha ripetutamente omesso di rispettare le bozze di avviso. L’uomo di un villaggio vicino al confine rumeno ha detto che non poteva portare una pistola per uccidere altre persone. La sentenza non è ancora giuridicamente vincolante.

La costituzione ucraina consente l’obiezione di coscienza solo per motivi religiosi. Secondo la Procura della Repubblica, il condannato non appartiene a nessuna confessione religiosa che rifiuti fortemente la violenza. Alcuni ucraini stanno cercando di riscattare il servizio militare o fuggire all’estero con documenti falsi.

Un divieto generale di lasciare uomini ucraini di età compresa tra i 18 ei 60 anni è stato imposto subito dopo l’invasione russa dello scorso febbraio.

20:15 – Il Pentagono definisce il rilascio di documenti statunitensi classificati un “rischio per la sicurezza estremamente grave”

Secondo il Pentagono, la pubblicazione di documenti statunitensi classificati su Internet rappresenta un rischio per la sicurezza “molto significativo”, e lunedì un portavoce del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha affermato che i documenti che circolano su Internet “rappresentano un rischio per la sicurezza nazionale molto significativo”.

Secondo le informazioni dei media statunitensi, i documenti contengono, tra le altre cose, informazioni sui piani degli Stati Uniti e della NATO per sostenere l’offensiva militare dell’Ucraina contro la Russia in primavera.

Puoi ascoltare il podcast di WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti richiedono tale consenso [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, acconsenti a questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati Dati personali in altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni su questo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite lo switch e la Privacy Policy in fondo alla pagina.

“Kick-off” è il podcast di notizie quotidiane di WELT. Argomento principale analizzato dagli editori WELT e le date di oggi. Iscriviti al podcast su SpotifyE Podcast AppleE Musica AmazonE GooglePodcast o direttamente tramite RSS Feed.