Maggio 19, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’imprenditore mette incinta tre dipendenti in dieci mesi

L’imprenditore mette incinta tre dipendenti in dieci mesi
  1. Pagina iniziale
  2. il mondo

Creato da:

Da: Martina Liebl

Italia: tre donne, tre bambini e tutti a 10 mesi – capo azienda (32) rifiutato test di paternità (foto codice). © Paolo Hakimata/immagine

Un caso di paternità suscita entusiasmo in una piccola città italiana. Una madre va in tribunale. Incoraggia i suoi colleghi a fare lo stesso.

Frosinone – Essere padre non è difficile, ma essere padre è molto difficile – questo è uno dei proverbi che viene subito in mente leggendo questa storia. Un uomo si rifiuta di riconoscere ufficialmente un bambino. Questa è la decisione dell’uomo d’affari Italia In realtà in una grande azienda. Ma in questo caso la situazione è un po’ più complicata. Si dice che il 32enne abbia avuto tre figli in dieci mesi con tre donne diverse. I media italiani hanno riferito che le madri erano tutte sue dipendenti. La prima madre ora fa causa all’imprenditore per riconoscere la paternità.

Italia: un imprenditore (32) avrebbe messo incinta tre dipendenti entro dieci mesi

Il quotidiano italiano riporta che il capo di un’azienda sanitaria (32) con tre sedi nel Lazio dà lavoro a circa 30 persone. Corriere della Serra. Nel febbraio 2022, Mario S. Inizia una relazione con un dipendente. I due decisero presto di andare a vivere insieme. In tre mesi la donna rimase incinta.

Tuttavia, i problemi sono sorti fin dall’inizio della gravidanza. La giovane ha espresso il dubbio di poter conciliare il suo lavoro nel servizio di soccorso con una gravidanza ad alto rischio senza mettere a rischio la salute del nascituro. È qui che si dice che abbia avuto luogo la prima disputa. Il rapporto tra i due si è rotto. Alla fine, la ragazza è tornata dai suoi genitori.

Italia: il capo dell’azienda inizia una relazione con tre donne, tre bambini e tutti i dipendenti in 10 mesi

Nel frattempo, l’uomo ha iniziato un’altra relazione con una dipendente, che presto è rimasta incinta. Si dice che il problema sia iniziato per il primo ufficiale. Prima ha promesso alla sua prima compagna che avrebbe contribuito alle spese della gravidanza e del bambino. Poi si è allontanato sempre di più dalla madre del suo primo figlio. Più recentemente, rifiuta di riconoscere suo figlio (nato nel gennaio 2023). Nel frattempo, partecipa a un “baby shower” con la sua seconda compagna incinta (dovuta a giugno).

Il capo dell’azienda rifiuta categoricamente la paternità del primo figlio

Il primo partner contatta un avvocato per richiedere un test di paternità. Quindi appare sulla scena una terza donna incinta. Si dice anche che l’uomo d’affari abbia iniziato una relazione romantica con questo dipendente. Il bambino nascerà ad ottobre.

Il primo partner fa appello al senso di responsabilità del padre

“Spero che quella persona accetti la responsabilità che deriva dall’essere padre. Ci sono almeno due madri single e almeno una terza spera che vada bene. Presto, tra qualche mese, tre fratellastri nascerà, affiancato dallo stesso padre”, dice la madre del primo figlio. La ragazza “State attenti, non fatevi ingannare”, si appella ai suoi colleghi. Non è giusto che un datore di lavoro si comporti così.

A settembre, il tribunale si pronuncerà su una causa di paternità e alimenti promossa dal primo partner. Il boss dell’azienda ha ancora qualche mese per pensare ai suoi dubbi sulla sua prole. (ml)