Settembre 27, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Notizie dall’Ucraina: la Gran Bretagna afferma che i piani della Russia per l’annessione di Donetsk sono troppo avanzati

nastro dal vivo Notizie dall’Ucraina

La Gran Bretagna afferma che i piani della Russia per annettere Donetsk sono troppo avanzati

Mikolaev ha attaccato con bombe a grappolo e artiglieria pesante

La città ucraina di Mykolaiv è stata bombardata più volte, con gli aggressori russi che avrebbero utilizzato bombe a grappolo e artiglieria pesante. Il giornalista di WELT Stephen Schwarzkopf riferisce sulle rovine della città e sulla guerra al fronte.

La Russia vuole annettere formalmente Donetsk con l’aiuto di un referendum. Secondo i media statali nordcoreani, Putin ha annunciato che mira a legami più stretti con la Corea del Nord. Kim Jong Un ha sostenuto il percorso di Putin in passato. Altro nel live streaming.

RSecondo gli esperti dell’intelligence britannica, i piani della Russia di tenere un referendum nella regione ucraina di Donetsk sull’adesione alla Federazione Russa sono andati avanti bene. Non è ancora chiaro se la decisione finale sia stata effettivamente presa a Mosca per tenere un tale referendum, secondo l’aggiornamento quotidiano dell’intelligence del ministero della Difesa britannico sulla guerra in Ucraina lunedì.

Gli esperti hanno affermato che il fatto che la regione non sia ancora sotto il pieno controllo russo sarà probabilmente visto dal Cremlino come una battuta d’arresto verso i suoi “obiettivi finali in Ucraina”.

Dall’inizio della guerra di aggressione russa contro l’Ucraina alla fine di febbraio, il governo britannico pubblica regolarmente informazioni sui suoi progressi. Mosca accusa Londra di aver lanciato un’intensa campagna di disinformazione.

Qui è dove troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

Tutti gli sviluppi nel nastro della trasmissione in diretta:

10:28 – Dusseldorf davanti agli stendardi di Mosca

Düsseldorf rimuoverà e immagazzinerà tutti i segnali che si riferiscono alla città gemella di Mosca. Il sindaco Stefan Keeler (CDU) ha annunciato lunedì che verranno invece affissi cartelli che indicano la nuova città gemella ucraina di Chernivtsi. Il gemellaggio di Dusseldorf con Mosca è stato sospeso pochi giorni dopo l’attacco della Russia all’Ucraina. Quindi la capitale dello stato ha deciso di stabilire una nuova partnership con la città di Chernivtsi nell’Ucraina occidentale.

6:26 – Zelensky fa appello ai russi: chi rimane in silenzio sostiene la guerra

Il presidente ucraino Zelensky ha invitato i russi a protestare contro la guerra. “Il male si sta verificando su una scala tale che il silenzio equivale a complicità”, ha detto domenica nel suo discorso video. “Se hai la cittadinanza russa e rimani in silenzio, significa che non stai combattendo, il che significa che la sostieni”, ha detto Zelensky. Contrariamente ai precedenti appelli rivolti agli abitanti del bellicoso Paese limitrofo, il presidente si è rivolto loro non in russo, ma in ucraino.

Secondo i sondaggi, la maggioranza dei russi sostiene il corso del presidente Vladimir Putin. Tuttavia, la validità è incerta. L’apparato di potere russo punisce severamente le critiche esplicite alla guerra.

02:35 – L’esercito russo avanza nel Donbass

Secondo lo Stato Maggiore ucraino, l’esercito russo ha vinto sul campo vicino alla cittadina di Pakhmot nel Donbass, da giorni sotto attacco. Report sulla situazione a Kiev ha parlato del “parziale successo” dei russi. Gli attacchi sono stati respinti in altri luoghi, come Pisky fuori Donetsk. Con forti posizioni vicino a Pesci, l’esercito ucraino ha impedito ai separatisti filo-russi di riparare e utilizzare militarmente l’aeroporto devastato della città dal 2014.

Leggi anche

01:10 – Corea del Nord e Russia vogliono espandere le relazioni

Il presidente russo Vladimir Putin e il sovrano nordcoreano Kim Jong Un vogliono espandere le relazioni tra i loro paesi. I media statali nordcoreani hanno riferito lunedì, in una lettera a Kim il giorno in cui la Corea è stata liberata dal dominio coloniale giapponese (dal 1910 al 1945), che Putin ha scritto che entrambe le parti condividono una tradizione di amicizia e cooperazione bilaterale.

Putin avrebbe affermato che è nell’interesse dei popoli dei due paesi sviluppare le relazioni. Aiuterà anche a “rafforzare la sicurezza e la stabilità nella penisola coreana e in tutta la regione del nordest asiatico”.

Dopo l’invasione russa dell’Ucraina, la Corea del Nord, in gran parte isolata, ha promesso il suo sostegno politico al percorso di Putin. A luglio, ad esempio, la dirigenza di Pyongyang, dopo Russia e Siria, ha riconosciuto le regioni di Donetsk e Luhansk, separate da Kiev, come Stati indipendenti. Di conseguenza, l’Ucraina ha interrotto le relazioni diplomatiche con la Corea del Nord.

Secondo quanto riferito dalla Corea del Nord, Kim ha anche inviato un saluto a Putin. Nella lettera, Kim, da parte sua, ha espresso la convinzione che le relazioni amichevoli “si stiano consolidando in tutte le aree”. La base di ciò sono gli accordi raggiunti dai due paesi al vertice dell’aprile 2019 nella città russa di Vladivostok.

01:00 – 42 paesi chiedono il ritiro delle truppe russe dalle centrali nucleari

Nella disputa sulla centrale nucleare di Zaporizhia occupata dalla Russia, l’Ucraina può contare sull’ampio sostegno dei paesi occidentali. 42 paesi e l’Unione Europea hanno rilasciato una dichiarazione a Vienna chiedendo il ritiro immediato delle forze russe dalla centrale elettrica e il ritorno del controllo all’Ucraina. Nella città di Enerhodar, adiacente alla centrale nucleare, i proiettili di artiglieria sono caduti di nuovo. Per settimane, Ucraina e Russia si sono accusate a vicenda di aver bombardato la più grande centrale nucleare d’Europa, provocando un disastro nucleare.

“La concentrazione dell’esercito e delle armi russe nell’impianto nucleare è inaccettabile”, ha affermato domenica la dichiarazione di Vienna su Zaporizhia. È firmato a nome dell’Unione Europea e dei suoi Stati membri, ma anche da paesi come USA, Gran Bretagna, Norvegia, Australia, Giappone e Nuova Zelanda. La Russia sta violando i principi di sicurezza a cui hanno aderito tutti gli Stati membri dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica.

Puoi ascoltare il podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

“Kick-off Politics” è il podcast di notizie quotidiane di WELT. L’argomento più caldo analizzato dai redattori di WELT e le date di oggi. Iscriviti al podcast su spotifyE il Podcast di AppleE il musica amazzonica O direttamente tramite feed RSS.

READ  Due giorni dopo il test positivo: Sarah Palin infetta visita il ristorante