Gennaio 27, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Next Generation: secondo Metaverse: il Web3 basato su blockchain vuole rivoluzionare Internet | newsletter

Web3 vuole democratizzare Internet e spezzare il potere delle aziende
Blockchain e criptovalute dovrebbero portare il cambiamento
Per il lancio e il successo di Web3 ci sono ancora dei problemi da risolvere

Dal web 1.0 all’internet di oggi

Per capire cosa si intende effettivamente per Web3, è importante conoscere prima Web 1.0 e Web 2.0. Come si può vedere, a differenza della terza generazione, entrambi i predecessori erano scritti con un punto pieno e uno zero. Questo è stato eliminato nell’ultima versione.

Come descrive Deutschlandfunk Kultur in un rapporto, il Web 1.0 è stato l’inizio del World Wide Web. Era una raccolta di molte pagine Internet, tutte collegate da collegamenti ipertestuali. Il Web 1.0 era tutto basato sull’informazione. Non c’era nessuno scambio o interazione. Dopo questo è arrivato il Web 2.0 piuttosto noioso. Questo è il tipo di Internet che il pubblico oggi conosce e utilizza quotidianamente. Dall’inizio del millennio, questo luogo si è sviluppato in un luogo di incontro che collega persone provenienti da tutto il mondo. È reso possibile attraverso i social network. In breve tempo, la rete è cambiata completamente ed è diventata un luogo di comunicazione, raccolta e consumo di informazioni. Questo sviluppo è stato formato principalmente da grandi aziende. Aziende come Google, Facebook o Twitter hanno assunto una straordinaria posizione di potere in Internet oggi con l’accumulo di innumerevoli dati personali. Quindi, se chiedi a chi appartiene il Web 2.0, puoi dire che nel mondo di Internet di oggi la colpa è soprattutto delle aziende.

Web3: Blockchain dovrebbe rivoluzionare Internet

Web3 vuole spezzare il potere aziendale e democratizzare Internet. Almeno questa è la visione di alcuni leader di pensiero della Silicon Valley. La blockchain dovrebbe portare nuovi cambiamenti. Secondo Tagesschau, è il mezzo preferito per trasformare Internet in una rete decentralizzata in cui ogni utente può possedere una parte. Né i giganti della tecnologia come Google o Facebook, né le banche o le organizzazioni governative avranno il sopravvento qui. Non c’è controllo o supervisione della rete. La blockchain rende tutte le transazioni trasparenti e tracciabili. Ciascun individuo ha l’autorità e la responsabilità per la propria disposizione dei dati. E dovrebbe essere facile spostare questi dati con te da un’offerta all’altra, senza alcuna perdita. “Se guidi in Uber e ottieni una valutazione a 5 stelle e poi passi a un concorrente di Lyft, ricomincerai da zero. In Web3 posso portarlo con me. In Web 2, c’erano solo repository di dati”, Sddeutsche Zeitung Christoph Jentzsch, co-sviluppatore di Ethereum. Per data warehouse, Jentzsch significa grandi insiemi di dati che sono solo nelle mani di grandi aziende Internet e a cui nessun altro può accedere. Si potrebbe voler annullarli completamente con Web3. I social network corrispondenti non dovrebbero più essere sotto il controllo dei singoli fornitori di servizi, ma dovrebbero essere creati e gestiti dalla comunità.

READ  Attraverso il deserto con l'idrogeno: il race truck H2 per il Rally Dakar

Problemi Web3

Con Web3, gli utenti devono finalmente controllare Internet. Ciò che suona bene in teoria non è facile da implementare in pratica. Prima che Web3 possa avviarsi e avere successo, alcuni problemi devono essere prima risolti.

Affinché il passaggio dalla seconda alla terza generazione abbia successo, è necessario un grande capitale di investimento. Secondo Tagesschau, questo proviene principalmente dalla Silicon Valley e dagli stessi investitori che hanno già sostenuto i big del Web 2.0. Milioni, se non miliardi di dollari saranno investiti nel sogno delle criptovalute. I finanziatori non sono altro che altruisti. I loro investimenti rischiosi prima o poi dovranno ripagare. Ecco perché ne hanno bisogno rendimenti E un certo diritto nel decidere di condividere deve eventualmente essere trasmesso loro da qualcuno. E le stesse grandi aziende tecnologiche, che dovrebbero già essere espulse, sono molto attive nello sviluppo del livello successivo di Internet. Quindi Facebook si è ribattezzato Meta e sta perseguendo l’obiettivo di creare un metaverso, che in realtà è solo un altro termine per Web3. Quindi resta da vedere se il potere delle singole aziende può davvero essere spezzato con Web3. Tanto più che bisogna anche fare affidamento sull’aiuto dei player del Web 2.0. Senza l’aiuto di Twitter, ad esempio, molti utenti non si accorgono molto di Web3 e un passaggio dalla seconda alla terza generazione è difficilmente possibile.

Vuoi investire in criptovalute? Le nostre guide spiegano come farlo in 15 minuti:

comprare bitcoin, comprare ondulazione, comprare IOTA, comprare litecoin, comprare ethereum, Acquista Monero.

Il prossimo problema è con la blockchain e le sue risorse crittografiche. Sddeutsche Zeitung scrive che il programmatore e blogger britannico Stephen Dell considera le risorse crittografiche prive di valore “come quelle opere di singole star nello spazio vendute da abili imprenditori negli anni ’90”. Se applichi questa analogia alla partecipazione dei singoli utenti nella blockchain, allora forse la partecipazione a Web3 è pari solo a quanto è stato promesso a un pezzo dell’azienda. La domanda sorge spontanea, cosa porta veramente la condivisione in Web3 agli utenti? Se guardi alla creazione di risorse crittografiche come una sorta di valore aggiunto dal nulla, ti rendi conto che quando le acquisti, hai più criptovaluta come risorsa nelle tue mani virtuali. Con blockchain e NFT, mentre è ovvio e certo che possiedi un oggetto, il valore dietro di esso dipende in gran parte dalle credenze della comunità. Simile alle valute legali, le criptovalute hanno valore principalmente perché il pubblico crede fermamente in esse. A differenza del denaro, nessuna istituzione con asset crittografici e Web3 garantisce il loro valore intrinseco.

READ  Fondatore di Innocent Meat: "La carne dovrebbe essere fatta in modo diverso"

Questo porta al problema della mancanza di regolamentazione e supervisione. La grande libertà e indipendenza di Web3 vanno di pari passo con una piccola protezione. Per i sostenitori di una rete decentralizzata, i controlli e le forti organizzazioni centralizzate che controllano ciò che accade sono cose cattive. Non vuoi essere monitorato o controllato e non vuoi dare a nessuno il potere di decidere gli altri. Tuttavia, c’è una ragione per lo sviluppo della vigilanza nel sistema bancario ed economico. Chi vede in lui solo cose negative e una restrizione dei diritti lascia del tutto la sua ragion d’essere. Questo apre le porte a frodi e attività illegali su Web3. Ad esempio, uno studio della società di ricerca Satis Group ha mostrato che quasi l’80% delle offerte iniziali di monete (ICO) sono frodi. In queste truffe, gli attori raccolgono denaro dagli investitori in cambio dell’emissione di token e poi scompaiono senza lasciare traccia. In un mercato in cui le persone si assumono la piena responsabilità delle loro azioni e dichiarazioni, non c’è protezione dei consumatori. Pertanto, le attività economiche sul Web 3 sono associate a un grande rischio.

Nicholas Flühr / Redattori finanzen.net

Fonti di immagini: Alexander Yakimo / Shutterstock.com, dencg / Shutterstock.com