Gennaio 27, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

nazione di auto elettriche Germania? Il successo ingannevole della mobilità elettrica

Opinione nazione di auto elettriche Germania?

Il successo ingannevole della mobilità elettrica

L'autore di WELT Nando Sommerfeld afferma che le condizioni strutturali per l'elettromobilità si stanno rapidamente deteriorando L'autore di WELT Nando Sommerfeld afferma che le condizioni strutturali per l'elettromobilità si stanno rapidamente deteriorando

L’autore di WELT Nando Sommerfeld afferma che le condizioni strutturali per l’elettromobilità si stanno rapidamente deteriorando

Fonte: Image Alliance / Rainer Keuenhof, WELT / Martin Lengemann

Gli ultimi numeri di immatricolazione indicano che sempre più persone stanno passando ai veicoli elettrici. La mobilità elettrica sta vivendo il suo ultimo boom? Vi sono tre ragioni contrarie e i Verdi dovrebbero esserne felici.

ioNegli ultimi mesi sembrava che la Germania sarebbe presto diventata un paese per i veicoli elettrici. Nel 2022 molti tedeschi acquisteranno per la prima volta un’auto elettrica. Secondo la Federal Motor Transportation Authority, 470.559 veicoli elettrici puri sono stati immatricolati di recente, oltre a 362.093 ibridi plug-in. Probabilmente, ogni auto venduta nel 2022 è stata elettrificata. Questo è qualcosa di cui dovremmo essere orgogliosi. Può andare avanti così.

Ma non lo farà. Perché le condizioni generali dell’elettromobilità sono rapidamente peggiorate. Da un lato, perché il sostegno del governo all’acquisto di automobili è diminuito notevolmente dall’inizio dell’anno. Quindi l’elevata domanda di auto elettriche alla fine dell’anno è stata più una sorta di svendita che una penetrazione di auto elettriche da parte dei tedeschi.

E così i primi esperti del settore stanno già ipotizzando che il numero di immatricolazioni potrebbe essere all’incirca dimezzato quest’anno, il che rappresenterebbe un’enorme battuta d’arresto per l’inversione di tendenza del traffico tedesco.

Leggi di più sulla mobilità elettrica

Un anno fatidico per la classe

Mazda MX 30 è un SUV compatto con una lunghezza di 4,40 metri

Lo scrittore francese François-Xavier Petrie è molto critico nei confronti della conversione forzata ai veicoli elettrici

Per alleggerire la rete, deve arrivare meno energia dalla linea dei veicoli elettrici

Tuttavia, è probabile che l’interesse diminuisca anche perché, oltre alla scomparsa dei premi, anche i prezzi di acquisto sono in forte aumento. Sebbene anche i motori a combustione stiano diventando più costosi al momento dell’iperinflazione, le auto elettriche sono molto più costose. Inoltre, non ci sono praticamente veicoli a batteria per le persone a reddito medio. Si guarda invano la fascia tra 20.000 e 30.000 euro.

Il mio annuncio Fortuna sicura

Ci sono alcune piccole macchine che si muovono in questa zona. Ma queste sono city car per brevi distanze. Non sono adatti a famiglie o al più tardi a lunghi viaggi.

Le auto elettriche sono diventate adatte all’uso quotidiano solo nel segmento di classe superiore. PorscheMercedes Audi E BMW Ora stiamo costruendo ottime auto elettriche. Ma i prezzi di partenza a partire da 80.000 euro possono essere finanziati solo da una piccola parte dei consumatori. L’ampia circolazione elettrica è impossibile.

La mobilità elettrica per le masse è ancora irrealistica

Naturalmente, i cosiddetti produttori di massa ora offrono auto elettriche. Ma indipendentemente dal fatto che VolkswagenOppure Nissan, Opel o Renault: o le loro auto costano più di 40.000 euro (di solito più vicine ai 50.000) oppure i modelli non superano i test giornalieri – purtroppo spesso accade entrambe le cose.

Poi c’è l’elettricità, che sta diventando sempre più costosa. Anche tenendo conto dei maggiori costi di benzina e diesel, il vantaggio del costo del carburante dei modelli elettrici scompare. E mentre i prezzi del carburante stanno già scendendo di nuovo, il prezzo dell’elettricità in Germania ha conosciuto solo una direzione da decenni.

Con l’attuale crisi energetica, abbiamo una situazione particolare. In primo luogo, nessuno sa quando la situazione geopolitica si calmerà di nuovo e, in secondo luogo, è anche chiaro che è improbabile che i prezzi dell’energia scendano a medio termine anche dopo la fine della guerra in Ucraina. Il rendimento delle energie rinnovabili è molto basso e i prezzi del gas che in futuro pagheremo al Qatar o alla Norvegia sono molto alti.

Leggi anche

Daniel Werner ha iniziato a testare l'EQE 350+ con molto scetticismo

Quindi cosa facciamo? I premi massimi di acquisto sono una misura poco convinta. Tanto più che il redditizio sistema di tasse automobilistiche dell’azienda è ancora in vigore. Mezzi: i redditi più alti continuano a ricevere lo stesso sussidio statale per le loro auto molto grandi e costose.

normale f Stipendi bassi D’altra parte, sebbene i veicoli e l’elettricità stiano diventando sempre più costosi, devono accontentarsi di tassi di sovvenzione più bassi. La mobilità elettrica per le masse è ancora irrealistica.

I Verdi potrebbero anche fare a meno delle auto elettriche

Ma forse è così che dovrebbe essere. Non è un segreto che la mobilità in solitaria sia una spina nel fianco soprattutto dei Verdi. Sicuramente andrebbe bene per loro se il pubblico in generale non possedesse più un’auto. Invece, la condivisione di auto, biciclette, treni e mezzi pubblici è politicamente favorita.

Ma a parte il fatto che la maggior parte di queste opzioni è già sovraccarica, un tale piano sarebbe estremamente miope. Per gli abitanti delle città, per lo più elettori verdi, potrebbe sembrare una buona idea essere meno individualisticamente mobili. Possedere la propria auto continuerà ad essere indispensabile per i residenti rurali nei decenni a venire.

Resta il richiamo al mercato. Tasse più elevate sull’anidride carbonica su benzina e diesel potrebbero significare che le persone smettono di acquistare motori a combustione. E per portare le auto ai consumatori su larga scala, le case automobilistiche dovranno espandere lo sviluppo e la produzione di auto elettriche a tutta velocità.

Il risultato: più auto a prezzi più bassi. Movimento elettrico delle masse. Questo sarà l’hack.

Puoi ascoltare il podcast di WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti richiedono tale consenso [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, acconsenti a questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati Dati personali in altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni su questo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite lo switch e la Privacy Policy in fondo alla pagina.

“It’s All in Stocks” è l’istantanea giornaliera delle azioni della redazione aziendale di WELT. Ogni mattina dalle 7 del mattino con i nostri giornalisti finanziari. Per esperti di borsa e principianti. Iscriviti al podcast su SpotifyE Podcast AppleE Musica Amazon E Dezer. o direttamente tramite RSS Feed.

READ  Rossmann tranquillizza gli acquirenti di criceti e fa salire i prezzi