Febbraio 8, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Mondiali 2022: Dopo la sconfitta, affronta il marocchino Gianni Infantino

gli sport Coppa del Mondo 2022

Dopo la sconfitta, i giocatori marocchini affrontano Gianni Infantino

Con il gol da sogno di Schlenzer, la Croazia è salita al terzo posto, il momento clou del video

Dopo il secondo posto della Coppa del Mondo 2018, la Croazia questa volta si è assicurata il terzo posto. In una divertente partita per il terzo posto, un bel colpo decisivo contro la fantastica squadra di Coppa del Mondo del Marocco. Punti salienti nel video.

Alla fine di un torneo di successo, la frustrazione ha preso il sopravvento. Dopo aver perso la partita per il terzo posto, i marocchini hanno affrontato l’arbitro del Qatar e la FIFA. Il presidente Gianni Infantino è stato insultato dai giocatori in campo.

DottIl Mondiale di maggior successo nella storia del calcio per una squadra africana è finito con rabbia. La mafia della FIFA si è riverberata allo stadio internazionale Al Shalifa del Qatar quando sabato sera il presidente della FIFA Gianni Infantino ha onorato il vincitore della mini-finale.

I marocchini no. Hanno perso la partita per il terzo posto contro la Croazia meritatamente 1: 2 (1: 2). Ma anche se erano andati tanto lontano quanto qualsiasi rappresentante del loro continente aveva mai fatto in una finale di Coppa del Mondo, al momento erano tutti furiosi.

Aggressività dopo il fischio finale: i giocatori del Marocco corrono alle spalle dell’arbitro Abdelrahman El Jassim

Fonte: dpa / Francisco Seco

I giocatori marocchini hanno messo sotto pressione l’arbitro Abdel Rahman Al Jassim dopo il fischio finale. La stragrande maggioranza dei tifosi marocchini tra i 44.137 spettatori ha rivolto la propria rabbia su Infantino, anche perché un arbitro con poca esperienza internazionale proveniente dal Qatar, che ospita la Coppa del Mondo, è stato autorizzato ad arbitrare questa partita, per loro così importante. Secondo quanto riferito, il presidente della FIFA è stato insultato verbalmente dai giocatori marocchini mentre si recava negli spogliatoi. E tutto perché Al Jassim ha negato alla squadra sorprendentemente grande della Coppa del Mondo due presunti calci di rigore nelle fasi finali.

L’allenatore Regragui è ancora sobrio

L’unico che ha mantenuto la calma in mezzo alle turbolenze è l’allenatore della nazionale marocchina Walid Rekragui. L’arbitro ha stretto la mano in modo equo. Da un lato, queste due decisioni controverse erano almeno giustificate. D’altra parte, l’immagine della sua squadra, che ha avuto molto successo e ha festeggiato molto, è molto importante per re-kura in questo Mondiale. Non devi subire un graffio dopo le ultime sette partite in Qatar.

Leggi anche

“Quando perdiamo una partita, siamo sempre delusi. Se a volte reagisci in modo eccessivo dopo la partita, può succedere”, ha detto il 47enne. “I miei giocatori sono molto ambiziosi, non è stata una mancanza di rispetto”. La pressione sull’arbitro dopo la partita “non era il modo marocchino”. Alla fine del torneo, era tutto troppo per loro: troppe partite, troppi giocatori chiave falliti, “tanta stanchezza”, ha detto Regracchi.

Disordini: il marocchino Achraf Hakimi (a sinistra) indica l'arbitro.  Placare l'allenatore Walid Rekragui

Disordini: il marocchino Achraf Hakimi (a sinistra) indica l’arbitro. Placare l’allenatore Walid Rekragui

Fonte: dpa / Francisco Seco

Il tecnico, che è in carica solo da agosto, è comunque sicuro: “Quando ci sveglieremo domani, ci renderemo conto delle grandi cose che abbiamo fatto in questo Mondiale”, ha detto Regragui. “Se me lo avessi detto prima della Coppa del Mondo: il Marocco è una delle prime quattro squadre al mondo, me lo sarei perso”.

Leggi anche

Coppa del Mondo FIFA Qatar 2022 - Ottavi di finale - Paesi Bassi vs Stati Uniti

Dall’inizio di questo torneo, l’ex giocatore francese ha voluto fare di più che allenare il Marocco. Ha sempre voluto essere un esempio del fatto che il calcio africano nel suo insieme può fare molto di più di quello che spesso vediamo in altre parti del mondo. Solo tre settimane fa, Regragui parlava ancora di sopravvivere al turno preliminare, e ora di un obiettivo completamente diverso.

“Abbiamo dimostrato che in Africa stiamo lavorando sodo e sviluppandoci. Sono fiducioso che un giorno una squadra africana vincerà la Coppa del Mondo”. “Altre squadre africane vogliono seguire il nostro esempio. Avremo più esperienza nel 2026. Stiamo progredendo passo dopo passo. Anche nel nostro Paese non hanno creduto in noi. Ma abbiamo dimostrato il contrario”.

Leggi anche

L'obesità guida molte persone.  Un nutrizionista spiega perché non è affatto colpa tua

Al termine della sua conferenza stampa, Regragui si è alzato in piedi e ha ringraziato tutti i presenti. con giornalisti e personale. Non balbettava come i suoi giocatori dopo il fischio finale. La sua frase quando ha salutato questo Mondiale è stata: “Lunga vita all’Africa!”

READ  Villarreal - Bayern Monaco oggi: Champions League