Agosto 17, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Mobilità elettrica: presto auto elettroniche con un’autonomia molto maggiore?

A partire dal: 27/07/2022 16:33

Le batterie delle auto elettriche stanno diventando sempre più potenti. Un veicolo di ricerca Mercedes-Benz ha ora percorso 1.200 chilometri con una singola carica. Quali intervalli diventeranno normali presto?

Scritto da Jochen Prattinger, SWR

I critici affermano che la gamma di auto elettriche è gestibile, almeno per i veicoli di produzione. La paura che la batteria si esaurisca sulla strada impedisce ad alcuni clienti di auto di acquistare, anche se le auto di grande serie possono ora percorrere tra 500 e 700 chilometri, a seconda dello stile di guida.

Entro la fine del decennio, la casa automobilistica sveva Mercedes-Benz voleva che fosse “tutto elettrico”. Entro il 2026 oltre 60 miliardi di euro saranno investiti in spese di ricerca e sviluppo per l’elettrificazione e la digitalizzazione dei veicoli. La Volkswagen sta seguendo un percorso simile con 89 miliardi di euro. La BMW vuole spendere un totale di 30 miliardi entro il 2025.

Grande divario nelle vendite

Secondo i dati dell’Automotive Management Center, le vendite delle case automobilistiche tedesche sono state significativamente inferiori a quelle delle società straniere: negli ultimi sei mesi, la casa californiana Tesla ha venduto 565.000 auto in tutto il mondo, e le case automobilistiche cinesi BYD e SAIC hanno venduto circa 330mila auto . La Volkswagen è arrivata al quarto posto, con 217.000 auto elettriche vendute. Mercedes-Benz è attualmente nella gamma a cinque cifre.

Ma: “I dati di vendita per i produttori tedeschi ora stanno aumentando”, afferma Stefan Bratzel del Center for Automotive Management di Bergisch Gladbach. Il motivo è anche la forza innovativa dei produttori, che è aumentata. Alla fine, la decisione di acquisto ruota principalmente intorno alla gamma, e questo dipende dalla tecnologia, ovvero dalla potenza della batteria, dalla resistenza dell’aria e dal peso.

READ  Chiusura del provider di telefonia mobile: la chiusura colpisce milioni di clienti

Il minor consumo possibile

Il denaro fluisce, ad esempio, nello sviluppo di nuove auto e concetti di guida, ad esempio in Mercedes-Benz. “Vision EQXX” è il nome di un nuovo sviluppo del gruppo che è designato come un veicolo elettrico vicino alla serie. Da Stoccarda, l’auto ha percorso circa 1.200 chilometri fino a Silverstone, in Inghilterra, con una sola carica. Questo non è mai stato pianificato, afferma il collaudatore e ingegnere Julian Bellas.

Ho guidato da Stoccarda all’Inghilterra con una sola carica della batteria: la nuova auto da ricerca Mercedes.

Foto: SWR

“Il nostro obiettivo con il progetto era quello di costruire un’auto efficiente che potesse percorrere più di 1.000 chilometri su strade reali”, afferma Bilas. Il risultato fu un’auto sportiva leggera. Il consumo medio durante la guida verso le isole britanniche è stato di 8,3 kWh per 100 km, convertito in carburante diesel, circa 0,8 litri sulla stessa distanza.

Più facile ottiene di più

Con un peso di 1.800 chilogrammi, la VISION EQXX pesa poco rispetto ad altre auto elettriche dei cosiddetti produttori premium. Questo era un obiettivo dichiarato per gli sviluppatori, poiché alla fine porta a una scala più ampia. Quindi i designer di Swabian hanno risparmiato peso. Ovunque ciò fosse tecnicamente fattibile e la stabilità non fosse compromessa, i materiali furono trascurati.

L’infrastruttura del tampone proviene dalla stampante 3D.

Foto: SWR

Gli sviluppatori hanno preso a modello gli schemi di piante e organismi viventi. “Abbiamo utilizzato la natura e copiato il modo in cui la natura migliora la crescita dei veicoli e le abbiamo permesso di influenzare il nostro design”, afferma Malte Sievers, uno degli ingegneri di sviluppo di Mercedes-Benz. Ad esempio, l’infrastruttura dei tergicristalli sembra simile a ciò che è noto in natura dalla crescita delle ossa o dagli alberi.

READ  Dopo che la Federal Network Agency ha bandito due offerte tariffarie: così interagiscono Telekom e Vodafone

Tutto si riduce all’aerodinamica

“La resistenza dell’aria rappresenta quasi i due terzi del consumo totale”, afferma Teddy Wall, responsabile dell’aerodinamica del veicolo di ricerca. Il cosiddetto coefficiente di resistenza aerodinamica è stato ridotto ad un minimo di 0,17. Questo non è mai stato raggiunto prima in un veicolo elettrico quasi di serie.

Di particolare interesse i passaruota anteriori. “Costituiscono circa un terzo della resistenza totale”, dice Wall. Più la turbolenza atmosferica viene evitata, meglio è.

Dovrebbe fornire al vento una superficie particolarmente piccola: i passaruota.

Foto: SWR

Le celle solari sono installate sul tetto del VISION EQXX. In questo modo l’elettricità può essere generata anche durante la guida, anche se non è sufficiente per “riempire”. Dopotutto, fornisce potenza aggiuntiva per più chilometri. “Generiamo in media circa 25 chilometri di autonomia aggiuntiva al giorno”, afferma l’ingegnere di sviluppo Malte Sievers. Secondo i piani iniziali, la piccola centrale solare potrebbe essere installata su una serie di veicoli a partire dal 2024.

117 celle solari nascoste sotto il tetto nero

Foto: SWR

Stato della ricerca come “scatola nera”

“Con veicoli di ricerca come questo Mercedes-Benz, la fattibilità tecnica può essere esplorata”, afferma Stefan Reindl del Geislingen Institute of the Automotive Industry. Mercedes-Benz vuole installare nei prossimi anni diversi nuovi sviluppi nei modelli di classe compatta e nella Classe S elettrica. “Quante altre case automobilistiche tedesche ci sono o ciò che stanno attualmente cercando è più simile a una scatola nera”, ha detto Rendl.

Ma il dinamismo è molto alto per tutti per continuare a sviluppare la tecnologia esistente, in particolare le batterie. Stefan Rendel prevedeva che in circa cinque anni tutte le case automobilistiche tedesche sarebbero state in grado di raggiungere un’autonomia di circa 700 chilometri su strada.

READ  Brutta truffa WhatsApp: i messaggi falsi degli amici attirano gli utenti in una trappola dei costi