Settembre 30, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Miocardite: il rischio di infezione è molto più alto di quello della vaccinazione

È lo studio scientifico più ampio e completo fino ad oggi sui rischi di miocardite dopo aver ricevuto una vaccinazione contro il virus Corona. All’inizio della campagna vaccinale nel 2021, i casi di miocardite associati alla vaccinazione MERS-CoV erano frequenti ma estremamente rari. Svezia e Danimarca Quindi ha sospeso fino all’assegnazione dei singoli vaccini.

Uno studio su 42,8 milioni di britannici ha ora dimostrato che la malattia del muscolo cardiaco si verifica dopo la vaccinazione, ma il rischio è molto inferiore rispetto a dopo aver contratto il virus. Quello appena pubblicato in Circolazione conseguenze Supportando così studi precedenti, come uno Studio israeliano Da agosto 2021.

Tutti i principali vaccini inclusi

Per l’indagine in corso, il team britannico ha analizzato uno statistico Martina Bottone Dall’Università di Oxford, dati per tutte le persone di età superiore ai 13 anni che hanno ricevuto almeno una vaccinazione contro il coronavirus in Inghilterra tra dicembre 2020 e dicembre 2021.

Durante questo periodo, quasi 3.000 persone in ospedale hanno dovuto essere curate per la miocardite o sono morte per miocardite. Meno di un terzo di loro – per un totale di 617 persone – si è ammalato nei primi 28 giorni dopo la vaccinazione contro il coronavirus.

“Alla luce dell’enorme quantità di dati, abbiamo potuto affermare che il rischio di sviluppare miocardite dopo la vaccinazione è molto basso, soprattutto rispetto alla cardiomiopatia dopo l’infezione da Coronavirus”, ha detto Patton in un comunicato stampa. I dati mostrano che gli individui hanno undici volte più probabilità di sviluppare miocardite dopo l’infezione rispetto a dopo aver ricevuto una vaccinazione.

READ  Il fumo aumenta significativamente il rischio di fratture e osteoporosi - una pratica curativa

Differenze legate all’età e al sesso

Oltre a differenziare i vaccini utilizzati, la popolazione è stata suddivisa in diversi gruppi di test in base all’età, al sesso e alle possibili malattie pregresse. Il gruppo che ha ricevuto il vaccino mRNA da BioNTech-Pfizer costituiva la proporzione più grande.

In tutti i gruppi, il rischio di sviluppare miocardite era maggiore dopo l’infezione da MERS che dopo la vaccinazione. L’unica eccezione è una seconda o più dose del vaccino Moderna, soprattutto negli uomini di età inferiore ai 40 anni.

“È importante capire che la miocardite è rara, anche dopo la vaccinazione”, ha detto. Nicola MuliniCoautore dello studio e cardiologo presso l’Università di Edimburgo. Mondo dell’epidemiologia Julia Hepsley Cox Dall’Università di Oxford, nel frattempo, ha delineato come lo studio potrebbe influenzare più campagne di vaccinazione: “I risultati sono preziosi per le future raccomandazioni sull’uso dei vaccini, in particolare per la vaccinazione nei giovani adulti”, afferma Hepsley Cox.