Ottobre 6, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Marte: il rover della NASA scopre un “animale”: non sarebbe dovuto esistere affatto

Il rover Perseverance della NASA sta cercando segni di vita su Marte. (una precisazione)

© Nasa

Il rover Perseverance della NASA sta cercando segni di vita su Marte. Scopre un misterioso “animale” che in realtà non dovrebbe essere lì.

WASHINGTON, DC – Due rover della NASA stanno attualmente sorvolando il Pianeta Rosso e non solo stanno scoprendo cose scientificamente importanti, come l’acqua su Marte o la storia del sito di atterraggio del cratere Jezero. Di tanto in tanto, le immagini scattate dai rover Perseverance e Curiosity includono anche immagini di cose che in realtà non dovrebbero esistere su Marte. Il persistente rover, che ha viaggiato sul Pianeta Rosso per quasi un anno, ha recentemente inviato immagini di “scheletri parzialmente sepolti” sulla superficie di Marte.

Gli spettatori almeno hanno avuto modo di conoscere gli scheletri nella foto. “È così che i venti hanno spogliato la superficie per rivelare gli strati di roccia sottostanti. È davvero un pianeta da cimitero”, ha scritto un utente su Twitter. In effetti, l’immagine mostrava rocce che la sonda ha esaminato e successivamente scavato per campionare le rocce.

Missione su Marte: il rover “perseverante” della NASA raffigura “animale”

L’immagine scattata dalla navicella spaziale statunitense “Perseverance” nel settembre 2021 non è così spaventosa come l’immagine di “scheletri parzialmente sepolti”. Immagine fornita dalla NASA nell’ottobre 2021 Inserito come ‘Foto della settimana’., sembra mostrare una rana che galleggia sulla superficie rossa di Marte.

Trovare una rana su Marte, il pianeta che la vita ha cercato per molti anni, sarebbe una sensazione enorme. In effetti, la presunta rana è una formazione rocciosa che ricorda la forma di una rana. L’immagine è stata scattata dalla Mastcam-Z sinistra sulla “testa” del rover.

Il rover della NASA ha scoperto una “rana” sulla superficie di Marte. In realtà, è una formazione rocciosa.

©NASA/JPL-Caltech/Arizona State University

NASA: La perseveranza e la curiosità cercano la vita su Marte

Ma perché vengono scoperte cose su Marte che in realtà non potrebbero esistere lì? Ciò è dovuto a un fenomeno chiamato pareidolia, un tipo di “autocompletamento” nel cervello che consente alle persone di riconoscere le cose familiari in quelle non familiari. C’erano già immagini di Marte in cui è stato scoperto un “cucchiaio galleggiante”, una “figura femminile” o una “piramide” – è qui che ha colpito Paredolia. Ma questo fenomeno non è limitato a Marte, ci sono anche casi tipici sulla Terra in cui si verificano allucinazioni: ad esempio, quando si crede che gli oggetti terrestri possano essere visti in formazioni nuvolose o una faccia di luna piena.

READ  Anniversario della nascita e morte della grande astronoma Mary Leah Heeger e il segreto delle linee oscure

Cosa sta succedendo su Marte e nell’universo? Iscriviti alla newsletter gratuita di HNA e rimani informato.

Anche se la “rana” scoperta dal rover “persevera” della NASA non è un’indicazione di vita su Marte: infatti, i due rover attivi della NASA sono sul Pianeta Rosso per trovare prove della vita passata o presente lì. Finora questo non ha avuto successo, ma i ricercatori nutrono grandi speranze per una futura missione su Marte: in futuro riporterà campioni di roccia e suolo sulla Terra dal Pianeta Rosso, dove i ricercatori potranno poi esaminarli in dettaglio. Il rover “perseveranza” sta attualmente gettando le basi per questo: preleva campioni da Marte e li confeziona in modo tale che una futura missione possa rispedirli sulla Terra. Lì, i ricercatori attendono con impazienza campioni da uno “scrigno del tesoro” che fornisce indizi sul passato di Marte. (Stendardo di Tania)