Ottobre 6, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Marc Marquez: “Se guidi tranquillo, duri” / MotoGP

Marc Marquez sperava che ci sarebbe voluto più tempo prima della prima caduta dopo la rimonta. Ma nelle FP3 ad Aragon c’era già.

Marc Marquez è arrivato all’allenamento della MotoGP al MotorLand Aragón abbastanza tranquillamente, ma presto ha ripreso la febbre delle corse; Il capo dell’equipaggio Santi Hernandez non vedeva l’ora che il suo studente tornasse. Perché solo un 59 volte vincitore della MotoGP può nascondere le evidenti debolezze della Honda RC213V essendo disposto a correre dei rischi. Di conseguenza, ha perso solo 0,319 secondi contro il miglior tempo di Jorge Martin Pramac Ducati nelle FP2.

Marquez ha avuto due momenti di shock nelle FP2 venerdì e poi ha detto: “Ad un certo punto cadrò di nuovo, e questo fa parte del rischio professionale”. Poi la stella della Honda ha lottato Questa mattina nelle FP3 Ha lottato per arrivare direttamente alle Qualificazioni 2, dove vengono accettate le prime dieci classifiche generali di FP1, FP2 e FP3. Nel primo quarto i due più veloci sono risaliti.

Marc Marquez si è salvato per primo da una caduta nelle FP3 con una grande parata alla curva 17, ma uno slittamento della ruota anteriore alla curva 7 ha poi portato alla sua prima caduta da quando era tornato dal suo quarto intervento all’omero. Quindi non è rimasto molto dell’approccio calmo pianificato. Giovedì il GP di Aragon è ancora chiamato “allenamento”, Anche dal caposquadra Santi Hernandez.

Nel frattempo, il mantra tutto o niente sembra essere tornato alla ribalta. L’attuale Honda RC213V semplicemente non è adatta per i primi 6 e di solito nemmeno per i primi 10.

READ  Come reagiscono HSV e Wüstefeld allo spettacolo di Kühne? | NDR.de - Sport

Ecco perché Marc Marquez è ora solo 12° davanti alle FP4 e alle qualifiche.

Mark aveva già notato venerdì che aveva bisogno di più tempo per riscaldarsi i muscoli al mattino che al pomeriggio.

“Non so come reagirà il mio corpo allo stress di sabato e domenica. Dal momento che non corro su lunghe distanze, non ho idea di come gestire la gara di 23 giri”, afferma Mark. “Ma una cosa è chiara: se oggi te la cavi con calma in MotoGP, sarà l’ultima. Perché i tempi sono così vicini. Anche se sto difendendo, è difficile entrare nella top 10. Ecco perché corro come me faccio sempre, spingendo e cercando di trovare Max. Ecco perché mi era chiaro: prima o poi arriverà il primo crollo. Più tardi stavo meglio… Ma devo accettarlo”.

“Ho ancora bisogno di costruire e rafforzare i miei muscoli, ma le ossa sono completamente guarite”, ha aggiunto il 29enne spagnolo. “So che lotterò in gara. Ma con l’adrenalina nel sangue, è facile superarlo. Se rallento un po’, soffrirò di meno. Se vedo in gara che non sono abbastanza forte, mi allenterò. L’ho fatto a Le Mans e al Mugello, nelle mie ultime gare. Farò lo stesso qui. Poi vedremo se la ripresa sta andando in una direzione positiva per le ultime gare della stagione e se riuscirò a guidare al mio livello del 100% dall’inizio alla fine”.

Tempi MotoGP combinati dopo le FP3, Aragon (17 settembre):

1- Miller, Ducati, 1:46.992 min
2. Bagnaia, Ducati, +0,030 sec
3. Bezzecchi – Ducati +0.056
4. Bastianini, Ducati, +0.065.65
5. Martin, Ducati, +0,090
6. Brad Bender, KTM, +0,175
7. Olivera, KTM +0.232
8. Quartararo, Yamaha +0.266
9- Nakagami-Honda +0.274.274
10. Rins, Suzuki +0.280
11. Alex Espargaro, Aprilia, +0.329
12. Marc Marquez – Honda +0.437
13- Marini – Ducati +0.445
14. Di Gianantonio, Ducati, +0.463
15. Zarco, Ducati: +0.486
16. Alex Marquez, Honda +0.630
17. Vinales, Aprilia +0.686
18. Gardner, KTM +0.726.726
19. MIR, Suzuki +0.771.771
20. Morbidley, Yamaha +0.820
21. Crutchlow, Yamaha +0,961
22. Paul Espargaro, Honda +0.989
23. Darren Bender, Yamaha +1.211
24. Fernández, KTM, +1.650

READ  Il Bayern Monaco vende Michael Cousins ​​al Venezia