Febbraio 8, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Manta, Bulli e R4: la rischiosa scommessa retrograda per le case automobilistiche

FQuesto è stato il lancio di prodotto più importante dell’anno per Volkswagen: quando l’allora amministratore delegato, Herbert Diess, ha presentato l’elettrica id. Buzz si è presentato ad Amburgo all’inizio di marzo e il premier della Bassa Sassonia Stefan Weil, che siede anche nel consiglio di sorveglianza della VW, ha persino fatto il viaggio.

I ragazzi hanno apprezzato i ricordi d’infanzia di “The Iconic” Volkswagen Polly, il cui autobus elettrico dovrebbe essere una rinascita. Auto appassionante con quantitativi programmati inferiori alle 100.000 auto l’anno, poco importanti in un gruppo che vende nove milioni di auto l’anno.

Tuttavia, l’id. ronzio l Volkswagen Più importante di molte auto moderne. “I vecchi modelli possono fungere da ancoraggio per il marchio. I clienti lo associano a un certo atteggiamento nei confronti della vita e alle emozioni positive”, afferma Helena Weisbert, professore di economia automobilistica presso l’Università della Vestfalia e presso il Centro speciale per la ricerca automobilistica.

Crede che riportare in vita la vecchia Volkswagen Polly sia “un’ottima mossa strategica”. Il collegamento a un modello di successo precedente può anche essere visto come una contromossa ai concetti futuristici delle moderne auto elettriche, afferma sussurrato

La R4 ricorda solo lontanamente il modello storico

Anche altre case automobilistiche si affidano a prodotti di punta dei presunti bei vecchi tempi. Il gruppo Renault francese, che vuole lanciare la sua classica Renault 5 come auto elettrica in una nuova revisione, lo sta facendo in modo particolarmente intenso. L’amministratore delegato Luca de Meo ha presentato un prototipo della nuova R5 lo scorso anno e l’auto dovrebbe arrivare sul mercato nel 2023.

De Meo sta progettando qualcosa di simile per la R4, originariamente sviluppata negli anni ’60. Al Motor Show di Parigi, una fiera internazionale, ha presentato una corrispondente “show car” con proporzioni da SUV. Tuttavia, a differenza della nuova R5, l’auto ricorda solo lontanamente il modello storico.

De Meo è uno dei più grandi appassionati di auto d’epoca nel settore automobilistico in Europa, anche se non gli piace questo termine. “Lo chiamo più un classico”, ha detto in un’intervista a WELT AM SONNTAG. Proprio come l’esperto di marketing Wisbert, anche lui vede questi veicoli come uno strumento per dare un profilo al marchio. Con la nuova versione, ha detto, Renault sta costruendo sui tempi di maggior successo dell’azienda.

Leggi anche

Invece delle visioni, Oliver Blum, CEO di Volkswagen, si occupa dei problemi a livello

Oliver Blum, CEO di Volkswagen

Questa strategia funziona per tutta la carriera di De Meo nell’industria automobilistica europea. Prima della sua ascesa alla carica di Presidente della Renault, il direttore è stato, tra l’altro, a lungo direttore marketing della Volkswagen e della concorrente italiana Fiat. Lì gli italiani fecero rivivere la classica Fiat 500. Questa macchinina è ora un bestseller, anche come auto elettrica.

Se si includono le varianti 500 X, L e Abarth, dall’inizio dell’anno il costruttore ha venduto in Europa oltre 180.000 Fiat 500. Questo porta la vettura al primo posto nella classifica delle nuove immatricolazioni, davanti alla Peugeot 208.

Grandi aspettative: Opel vuole anche rivitalizzare la sua classica Opel Manta

Grandi aspettative: Opel vuole anche rivitalizzare la sua classica Opel Manta

Fonte: Opel

Come la Peugeot, la Fiat appartiene ora al gruppo Stellantis, il cui presidente Carlos Tavares non è un nostalgico, ma un tipo simpatico. Finché il classico vende bene e realizza un generoso profitto, ovviamente anche Tavares adorerà il modello. Per Opel, anch’essa parte di Stellantis, l’asticella è impostata: il marchio di Rüsselsheim sta progettando una nuova versione della classica Opel Manta come auto elettrica.

Il Maggiolino è rimasto un modello specializzato

Il rischio di ribaltamento è sempre presente nelle auto più vecchie. E lo sanno anche alla Volkswagen. Il Maggiolino, per vendetta contro il Maggiolino VW, ha venduto più di 100.000 unità in soli due anni, altrimenti sempre meno. È rimasto un modello di nicchia che non ha potuto sfruttare il successo dello storico modello di ruolo, anche perché i clienti ora preferiscono acquistare i SUV rispetto alle auto compatte. Le ultime auto sono uscite dalla catena di montaggio nel 2019.

Il gruppo sta attualmente avviando un nuovo esperimento negli Stati Uniti, che vuole costruire sulla tradizione: il marchio Scout degli anni ’60 e ’70 tornerà come una nuova azienda. I diritti sullo Scout sono passati alla VW attraverso un’acquisizione nel mercato dei camion. E ora l’ex presidente nordamericano la sta costruendo di nuovo, in una sorta di ripartenza intragruppo. Anche la costruzione della propria fabbrica è in discussione.

Leggi anche

Riprese aeree di diverse auto prima della vendita.

Volkswagen, Mercedes Benz e Co.

Sono previsti due grandi modelli Scout elettrici, un pick-up e un SUV. A differenza del Maggiolino, le vetture sono rivolte al cuore del mercato statunitense, dove la Volkswagen ei marchi del gruppo non sono ancora rappresentati. “Una casa automobilistica può sperimentare i modelli più vecchi molto meglio che con un prodotto di punta come la Golf. Perché la posta in gioco economica è molto più bassa in un mercato di nicchia”, afferma Weisbert. “È più importante per i modelli di volume che sopravvivono dalla generazione alla generazione”.

Hyundai ha aggiornato il suo concetto di coupé pony fino ad oggi

Hyundai ha aggiornato il suo concetto di coupé pony fino ad oggi

Fonte: Hyundai

Questi promemoria sono anche un modo per differenziarti dai nuovi concorrenti. I produttori cinesi o Tesla, che esiste solo da pochi anni, semplicemente non possono trattenersi. Ma il gruppo coreano Hyundai sì. Dimostra la sua tradizione con un prototipo che porta il Pony Coupé Concept dal 1974 ai giorni nostri. Con questo modello iniziò l’espansione dell’azienda in una casa automobilistica con un mercato di vendita globale. Quattro generazioni di pony vendute Hyundai Fino al 1994, poi la serie è stata interrotta.

Mercedes e BMW rimangono fedeli ai loro classici

I produttori tedeschi premium hanno mostrato molta forza. Mercedes-Benz costruisce l’undicesima generazione della Classe S dal 1972. BMW Ha appena lanciato sul mercato una nuova Serie 7, ed è la Serie Sette dal 1977. Coloro che sono rimasti fedeli ai propri classici per troppo tempo non hanno bisogno di rivolgersi a modelli più vecchi.

Anche il nuovo CEO della Volkswagen Oliver Blum proviene da un marchio che sostiene la tradizione. in un PorscheIl suo capo è Bloom in un’unione personale, in bilico 911 sopra ogni altra cosa. L’azienda di famiglia presentò l’auto nel 1963 all’IAA Show. A quel tempo, il Maggiolino VW era ancora in piena fioritura.

Ora le persone a Wolfsburg si chiedono cosa succederà dopo con il Golf come successore del Maggiolino. Infatti, le auto elettriche ID.3 e ID.4 dovrebbero sostituire il prodotto di massa dell’era dei motori a combustione. Ma il gruppo ci ripensa. Si saprà solo tra qualche decennio se un vecchio golf apparirà sul mercato come l’odierno Retro Bulli.

Qui è dove troverai i contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti richiedono tale consenso [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, acconsenti a questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati Dati personali in altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni su questo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite lo switch e la Privacy Policy in fondo alla pagina.

Puoi ascoltare il podcast di WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti richiedono tale consenso [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, acconsenti a questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati Dati personali in altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni su questo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite lo switch e la Privacy Policy in fondo alla pagina.

“It’s All in Stocks” è l’istantanea giornaliera delle azioni della redazione aziendale di WELT. Ogni mattina dalle 7 con i giornalisti finanziari di WELT. Per esperti di borsa e principianti. Iscriviti al podcast su SpotifyE il Podcast AppleE il Musica Amazon E il Dezer. o direttamente tramite RSS Feed.