Dicembre 9, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Lotta all’inflazione: il capo della Bundesbank chiede aumenti dei tassi più aggressivi nell’eurozona | newsletter

Ha detto a Süddeutsche Zeitung (edizione di sabato): “Se c’è un’inflazione al 10 percento e gli interessi solo all’1,25 percento, la necessità di agire è chiara per me. Sì, i tassi di interesse dovrebbero continuare a salire – e in modo significativo”.

Nagel, membro del Consiglio della Banca centrale europea (BCE) coinvolto nella decisione sulle variazioni dei tassi di interesse, prevede un aumento dell’inflazione in Germania il prossimo anno. “Per il 2023, il personale della Banca centrale europea prevedeva un’inflazione del 5,5% nella zona euro. In Germania, penso che sei prima della virgola decimale sia realistico”, ha affermato.

Il capo della Bundesbank ha negato che l’elevata inflazione abbia danneggiato la reputazione dell’istituto: “Non vedo che la fiducia nella Bundesbank o nella Bce venga persa”. Nagel ha sottolineato che i banchieri centrali prendono sul serio le preoccupazioni delle persone. “Il nostro lavoro è la stabilità dei prezzi ed è per questo che reagiremo alla politica monetaria fino a quando l’inflazione non scenderà di nuovo. Lo faremo”.

Nagel ha invitato le banche centrali europee non solo a pensare a tassi di interesse più elevati, ma anche a ridurre le loro partecipazioni in titoli di stato. “Dovrebbe essere nostro politica monetaria attuato con vigore. “In futuro, il sistema dell’euro dovrà anche ridurre i suoi averi obbligazionari”, ha affermato il capo della Bundesbank. Riguardo alle prospettive economiche della Germania, Nagel ha dichiarato: “È possibile che assisteremo a una recessione temporanea e quindi a numeri di insolvenza più elevati, ma dalla prospettiva odierna non mi aspetto un’ondata di fallimento”.

/Hey

Monaco di Baviera (dpa-AFX)

Fonti immagine: Zerbor/Shutterstock.com

READ  Protezione del 23 percento: un'alleanza con una probabilità del 16 percento