Dicembre 7, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’osservazione astronomica contraddice la teoria popolare della gravità

  1. Pagina iniziale
  2. Conoscenza

creatura:

a: Tanya Banner

Gli ammassi aperti come le famose Pleiadi sono ammassi sciolti di poche decine o diverse migliaia di stelle legati insieme da deboli forze gravitazionali. © Immagini Imago / Shot Shop

L’osservazione di ammassi stellari aperti porta i ricercatori a una scoperta che contraddice le leggi di gravitazione di Newton.

Bonn – un gruppo di ricerca internazionale, con la partecipazione di ricercatori dell’Università di Bonn, ha preso parte all’osservazione astronomica ammasso stellare aperto Ha fatto una misteriosa scoperta. Sfida le leggi di gravitazione di Newton, hanno scritto i ricercatori nel loro studio pubblicato in giornale commerciale Avvisi mensili della Royal Astronomical Society Di ritorno lui è.

Gli ammassi aperti, come le famose Iadi o Pleiadi nella costellazione del Toro, si formano quando migliaia di stelle nascono in un breve periodo di tempo in un’enorme nuvola di gas. Quando si “accende”, gonfia i resti di una nuvola di gas, provocando l’espansione del tumulo. Si forma una rete lasca di poche dozzine a diverse migliaia di stelle, che sono collegate tra loro da deboli forze gravitazionali. “La maggior parte degli ammassi aperti vive solo poche centinaia di milioni di anni prima di svanire”, spiega Pavel Karpa dell’Università di Bonn. Messaggio. Gli ammassi stellari perdono regolarmente stelle, che sono raggruppate nei cosiddetti “bracci di marea”. Un braccio è dietro l’ammasso stellare e uno è di fronte ad esso.

Il comportamento di un ammasso stellare aperto contraddice le leggi di gravitazione di Newton

Il Leggi di gravitazione di Newton È solo una coincidenza che la stella scomparsa sia caduta tra le braccia, afferma il coautore dello studio Jan Pflamm-Altenburg. Di conseguenza, entrambe le braccia dovrebbero contenere approssimativamente lo stesso numero di stelle. “Nel nostro lavoro, siamo stati in grado di dimostrare che questo non è vero per la prima volta”, spiega Pflamm-Altenburg, e continua: “Negli ammassi che abbiamo esaminato, il braccio anteriore conteneva sempre un numero significativamente maggiore di stelle rispetto al braccio posteriore”.

READ  Roulette svizzera Omicron: perché il governo preferisce aspettare e vedere

La cosa sorprendente: che i dati osservativi raccolti e valutati dai ricercatori per il loro studio non rientrano nelle leggi di gravitazione di Newton, ma si inseriscono in una tesi che gli esperti chiamano MOND (Modified Newton Dynamics). “In parole povere, le stelle possono lasciare un blocco attraverso due porte diverse, secondo MOON”, spiega Kroupa. “Uno conduce indietro le maree e l’altro avanti. Tuttavia, la prima è molto più stretta della seconda, il che rende meno probabile che la stella esca dall’ammasso attraverso di essa. D’altra parte, la teoria gravitazionale di Newton prevede che entrambe le porte dovrebbero essere le stesse larghezza.”

bollettino satellitare

subordinare newsletter spazio libero Ti tiene informato due volte al mese.

La teoria alternativa della gravità risolve molti misteri

Ingo Thies, che è stato coinvolto nelle simulazioni corrispondenti, afferma che la distribuzione stellare prevista “è in accordo sorprendentemente buono con le osservazioni”. Secondo una dichiarazione dell’Università di Bonn, le simulazioni concordano anche con le osservazioni d’altra parte: predicono per quanto tempo sopravviveranno gli ammassi aperti di stelle — e molto più brevi del previsto secondo Newton. “Questo spiega un mistero noto da tempo, ovvero che gli ammassi stellari nelle galassie vicine sembrano scomparire più velocemente di quanto dovrebbero”, spiega Kroupa.

La teoria MOND è controversa nel mondo professionale

Ma c’è un problema: la teoria MOND è controversa nel mondo professionale. In esso, le leggi gravitazionali di Newton non si applicheranno in determinate condizioni, ma dovranno essere modificate, il che avrà conseguenze di vasta portata per altre aree della fisica. “D’altra parte, risolve molti dei problemi con cui la cosmologia deve lottare oggi”, osserva Kroupa.

READ  Analisi del cerotto secco: il morbo di Alzheimer può essere diagnosticato poco prima della comparsa dei sintomi?

Un’altra cosa diversa nella teoria della LUNA: non c’è niente in essa materia oscura Un materiale creato negli anni ’30 per spiegare le contraddizioni nel movimento osservato di stelle e galassie. La materia oscura riempie i buchi con grandi quantità di massa invisibile che i ricercatori hanno cercato per così tanto tempo. Finora non hanno trovato nulla. Non è ancora chiaro se questo significhi che MOND sia la teoria più valida: i ricercatori in questo studio stanno lavorando su ulteriori simulazioni che dovrebbero trovare più prove a favore o contro la teoria MOND. (scheda)