Febbraio 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Italia ha inferto un duro colpo a Xi sulla ‘Nuova Via della Seta’.

L’Italia ha inferto un duro colpo a Xi sulla ‘Nuova Via della Seta’.

I tappi di champagne sono spuntati a Pechino quando l’Italia è diventata l’unico paese del G7 a firmare un memorandum d’intesa con la Cina nel 2019. L’Italia ha voluto partecipare al progetto da sogno di Xi Jinping “Nuova Via della Seta”.

Il leader cinese ha utilizzato la Belt & Road Initiative dal 2013 per acquistare influenza politica in tutto il mondo investendo in progetti infrastrutturali come porti e strade.

A partire dal 2019 solo la Grecia è inclusa nella “Nuova Via della Seta”.

Pechino ha avuto particolarmente successo in paesi che non potevano prendere in prestito in nessun altro modo. La Cina stipula in accordi pertinenti che le aziende e i lavoratori cinesi devono realizzare i progetti.

Oltre all’influenza politica, G ha una leva per generare più crescita per l’economia domestica. D’altra parte, i paesi europei, la cui solvibilità è migliore di molti paesi del sud-est asiatico o dell’Africa, hanno ricevuto nuovo denaro in altri modi.

A partire dal 2019, solo la Grecia è stata integrata nella “Nuova Via della Seta” con il porto del Pireo, e anche la Cina ha avuto un passo nella porta dei Balcani con il suo coinvolgimento in Serbia.

Dal punto di vista di Pechino, l’Italia sembrava l’ideale per entrare nel cuore dell’Unione Europea, poiché Roma aveva più volte incontrato difficoltà nel pagare i propri debiti.

Maloney non è rimasto con la Cina tanto quanto inizialmente sperava

Spinta dalle agenzie di rating e sollecitata all’austerità dal nord Europa, la nomenclatura di Pechino sembrava una promettente via verso l’Italia.

In questo modo Pechino voleva acquisire influenza su ciò che faceva Bruxelles. Ma non è seguito molto alla festosa decisione di lavorare insieme in futuro. Il MoU scade quest’anno.

Il governo di estrema destra italiano, guidato dal primo ministro Giorgia Meloni, ha annunciato che non estenderà la dichiarazione di intenti, sfidando Pechino. Sin dalla firma, si dice da Roma che si è osservato da vicino come si è sviluppata la Repubblica Popolare.

La leadership della Repubblica popolare, divenuta sempre più autoritaria e repressiva nelle relazioni internazionali, ha portato a un ripensamento. Questo ha sorpreso alcuni osservatori.

Quando Maloney è entrato in carica, c’erano reali timori che il nuovo governo si sentisse più vicino a dittature come quella russa e cinese che ai principi democratici e costituzionali dell’Europa libera.

Per la Cina, il declino delle relazioni con l’Europa è doloroso

Quindi le cose non stanno andando bene per Xi Jinping quando si tratta della “Nuova Via della Seta”. Dall’Italia alle remote Isole Salomone, i governi stanno rinegoziando i loro accordi con Pechino. Ora è chiaro che l’investimento non riguarda l’economia.

Allo stesso tempo, i matematici di Pechino lanciano l’allarme: troppi soldi sono stati prestati e non verranno restituiti. La ristrutturazione del debito è essenziale, anche la riduzione del debito. I paesi africani e del sud-est asiatico sono particolarmente colpiti.

Quindi si danno meno soldi, e si investe ormai solo in progetti legati alle nuove tecnologie ambientali e ad altri settori strategici da cui Pechino si aspetta reali benefici.

Date queste mutevoli prospettive, la fine della “Nuova Via della Seta” in Italia avrà un effetto molto negativo su Pechino. Perché con l’Unione Europea e il suo radicamento nelle istituzioni occidentali, l’Italia sarà un candidato dal quale potrai in qualche modo riscuotere i tuoi debiti. Forse ora non lo farà.

Libro di Alexander Görlach (pubblicità)

Allarme rosso: come la politica estera aggressiva della Cina nel Pacifico sta portando alla guerra globale