Maggio 25, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Putin in collera: “Li schiacceremo”

Putin in collera: “Li schiacceremo”
  1. Pagina iniziale
  2. Politica

creatura:

da: Tobia Otz

Vladimir Putin è furioso dopo un presunto “atto di vandalismo” da parte delle forze ucraine. Una frase mostra quanto siano confuse le dichiarazioni del Cremlino.

MOSCA – La Russia ha accusato l’Ucraina di aver compiuto un “attacco terroristico”. Nella lingua del Cremlino, la colpa è dei “neonazisti” di Kiev. Non ci sono ancora prove di questo. I risultati dell’indagine delle autorità russe sono inconcludenti. Tutto ciò che si sa finora è che la sparatoria è scoppiata in diversi villaggi nella regione di Bryansk, vicino ai confini ucraini e bielorussi.

L’FSB russo afferma che due civili sono stati uccisi nell’attacco. Di conseguenza, dietro ci sono i “sabotatori ucraini”. Il governo ucraino lo nega con veemenza. Mykhailo Podolak, consigliere del presidente Volodymyr Zelensky, ha confermato che la Russia non è sotto attacco. Ora è chiaro che dietro l’operazione c’è un gruppo partigiano guidato da un estremista di destra tedesco.

La presunta battaglia di Putin contro i “neonazisti”

Il presidente russo Vladimir Putin ha rilasciato una dichiarazione significativa dopo la riunione del Consiglio di sicurezza. “Li elimineremo”, ha detto l’agenzia di stampa russa citandolo. TASS. “Loro” sono i “neonazisti” menzionati all’inizio. Un racconto che Putin ha ripetuto regolarmente da quando è iniziata l’invasione lo scorso febbraio e ne ha parlato anche nel suo recente discorso sullo Stato dell’Unione.

Il presidente russo Vladimir Putin. (Foto d’archivio) © Sergei Bobylov / AFP

In seguito, Putin ha detto: “Sono sicuro che gli stessi leader [der ukrainischen „Neonazis“; Anm. d. Red.] L’attacco di oggi sarà dimenticato. Nessuno ci presterà attenzione”. Una frase che suona confusa e rabbiosa allo stesso tempo. Non è ancora chiaro perché l'”attacco terroristico”, come ha classificato l’evento il Cremlino, debba essere dimenticato. In precedenza, il governo di Mosca ha fatto tutto per richiamare l’attenzione su questo provvedimento, ora a quanto pare “no”, qualcuno dovrebbe prenderne atto.

Ad esempio, il portavoce di Putin, Dmitry Peskov, ha affermato giovedì che l’intera comunità internazionale dovrebbe esaminare le azioni terroristiche dell’Ucraina. Essere sulla scena internazionale [wir] Continuiamo a portare gli attacchi di queste persone all’attenzione della comunità internazionale”. TASS E RIA Novosti.

Naturalmente, ogni dettaglio è controllato e controllato. […] Le nostre autorità di sicurezza si occuperanno di tutto questo. Quindi Pescoe ha indicato che le informazioni sarebbero arrivate da loro. Ma al momento “l’attacco terroristico” non influisce sull ‘”operazione speciale” in Ucraina. rapporti di agenzia di stampa intrafax. Si può giudicare se questo è il caso solo entro diverse settimane. (Fare)