Maggio 19, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Linfonodi ingrossati: quali sono le malattie di base

Linfonodi ingrossati: quali sono le malattie di base
  • daNatalie Hall con un pene

    Vicino

In caso di infezione, non è insolito che anche i linfonodi siano ingrossati. Ma non è sempre solo un virus innocuo dietro di esso. Quali sintomi cercare.

Molte persone probabilmente sanno di trovare i linfonodi ingrossati da soli o attraverso un medico come parte di un’infezione. A volte questo può essere molto doloroso, ma di solito scompare entro pochi giorni durante o dopo la malattia. I linfonodi svolgono un ruolo importante nel corpo nella lotta contro infezioni e malattie. Mentre un raffreddore relativamente innocuo può anche essere causato da una vera influenza, influenza o infezione da corona, ci sono altri fattori scatenanti che possono portare a linfonodi ingrossati. Fai anche attenzione ai possibili sintomi di accompagnamento come affaticamento e perdita di peso.

Linfonodi: che ruolo svolgono nel corpo

I linfonodi ingrossati possono avere molte cause.

© Fototeca Scienza / Imago

Oltre al sistema vascolare, il corpo umano è costituito anche da un sistema linfatico, o sistema linfatico, che trasporta le scorie e l’acqua dai tessuti con l’ausilio dei circa cinque litri di fluido linfatico prodotti ogni giorno. A differenza del sistema vascolare, il sistema linfatico non forma un circuito, perché minuscoli vasi linfatici iniziano in diversi punti del corpo, come un portale ARD alfa menzionato. I vasi linfatici trasportano quindi il fluido linfatico ai circa 600 linfonodi, che si trovano in particolare nel collo, nelle ascelle, nell’inguine e nella parte posteriore del ginocchio. Nei linfonodi locali, ognuno dei quali ricorda un fagiolo, il fluido linfatico viene filtrato dalle sostanze nocive. Una volta che la linfa è stata ripulita e ridotta a due litri, viene immessa nel circolo sanguigno attraverso la vena succlavia sinistra.

Puoi trovare argomenti sulla salute ancora più entusiasmanti nella nostra newsletter gratuita di 24vita, a cui puoi iscriverti qui.

Rafforzare il sistema immunitario e prevenire così influenza e corona: otto semplici regole

Una donna tiene in mano un bicchiere d'acqua.
Bere abbastanza acqua mantiene umide le mucose della bocca e della gola. Questo è importante perché questi sono la prima linea di difesa del corpo contro virus e batteri. Se le mucose si seccano, i virus possono attraccare più facilmente e farsi strada nel corpo. Succhiare caramelle aiuta anche a mantenere umide le mucose. © Tanya Yatsenko / Imago
Un cesto pieno di frutta e verdura
Una dieta equilibrata che includa molte verdure assicura che il corpo riceva importanti vitamine, minerali e oligoelementi. Presumibilmente esiste un legame tra un intestino sano e un sistema immunitario sano, perché gran parte delle cellule produttrici di anticorpi si trova nell’intestino, secondo Munich Clinic Portal, un operatore sanitario di Monaco. © Oleksandr Latkun / Imago
Donna che striscia in piscina
L’esercizio ci rende anche meno suscettibili agli agenti patogeni. L’effetto antinfiammatorio dello sport e dell’esercizio fisico sul nostro corpo è in parte responsabile. Ne beneficia anche il nostro sistema immunitario, secondo il professor Karten Krüger dell’Università Justus Liebig di Giessen in un’intervista con la compagnia di assicurazione sanitaria BKK Provita. La sua area di ricerca: l’effetto dell’esercizio sul nostro sistema immunitario. Secondo lui, ti ammali meno e guarisci meglio se ti alleni regolarmente, dormi bene, mangi una dieta equilibrata e usi una buona gestione dello stress. © Imago
Mano che tiene bicchiere di vino e sigaretta
I componenti del fumo di sigaretta e dell’alcool sopprimono le difese del nostro corpo, rendendoci più suscettibili alle malattie. Secondo gli studi, dopo una notte di bevute, il sistema immunitario non può funzionare come al solito fino a 24 ore, secondo il Federal Center for Health Education. Il fumo, come l’alcol, favorisce anche i processi infiammatori nel corpo, che possono portare ad una maggiore suscettibilità alle infezioni respiratorie. Il fumo di sigaretta secca anche le mucose, indebolendo la loro resistenza. © macondo / Imago
La donna apre la finestra per prendere aria
La stanza dovrebbe essere regolarmente ventilata, soprattutto in autunno e in inverno. Perché l’aria secca del riscaldamento asciuga le mucose della bocca e del naso. Questi rappresentano la prima barriera nei confronti di virus e batteri e, quando si seccano, le mucose sono meno resistenti. © Roman Mobius / Imago
Sentiero escursionistico nel Bergisches Land vicino al ponte Müngsten
L’esercizio all’aperto rafforza il sistema respiratorio. Benefica anche il sistema immunitario perché la vitamina D è prodotta dalla pelle attraverso l’esposizione alla luce solare. “Non c’è dubbio scientifico sul fatto che un adeguato apporto di vitamina D contribuisca al normale funzionamento del sistema immunitario. Gli studi indicano anche che le persone con carenza di vitamina D hanno un rischio maggiore di sviluppare infezioni respiratorie acute e possono trarre beneficio dall’assunzione di preparati a base di vitamina D, Come affermato in un rapporto rilasciato dall’Istituto federale per la valutazione dei rischi. © Olaf Doring / Imago
Donna stressata in ufficio
Lo stress è un vero killer immunitario. Rilasciando gli ormoni dello stress, le cellule immunitarie perdono la capacità di moltiplicarsi per uccidere i patogeni. Anche la quantità di anticorpi nella nostra saliva diminuisce, secondo le informazioni dell’ospedale universitario di Zurigo. © Joseffson / Imago
Una donna spegne la sveglia
Un sonno adeguato è uno dei capisaldi di un sistema immunitario sano. Secondo la rivista medica, gli scienziati dell’Università di Tubinga e dell’Università di Lubecca sono stati in grado di dimostrare che la funzione delle cellule T è stata effettivamente interrotta dopo tre ore senza dormire. “Le cellule T circolano costantemente nel flusso sanguigno alla ricerca di agenti patogeni. L’adesione (ndr: significa qualcosa come ‘forza adesiva’) ad altre cellule consente loro di migrare nel corpo e, ad esempio, di attaccarsi alle cellule infette per eliminare su di lei “. © Oleksandr Latkun / Imago

In caso di malattia, i linfonodi assorbono i patogeni attraverso il fluido linfatico, che attiva le cellule immunitarie e le stimola a produrre anticorpi. Più germi e agenti patogeni devono essere combattuti, più cellule immunitarie vengono attivate, provocando l’ingrossamento dei linfonodi.

Linfonodi ingrossati – quando vedere un medico

Se i linfonodi sono ingrossati e attivi, possono essere grandi fino a due centimetri e quindi facilmente palpabili. Indipendentemente dal fatto che un linfonodo ingrossato sia doloroso o meno, non c’è necessariamente una connessione diretta con la causa. A meno che i linfonodi ingrossati non siano accompagnati, ad esempio, da mal di gola e febbre come indice di possibile tonsillite. Ma anche in una situazione del genere, è sempre importante che i sintomi vengano controllati e chiariti da un medico.

Dovresti andare dal medico se:

Linfonodi di dimensioni superiori a 2 cm, associati o meno a dolore

Linfonodi ingrossati per più di tre o quattro settimane

Il gonfiore dei linfonodi si è sviluppato molto rapidamente e si sente molto duro

Più linfonodi appaiono raggruppati insieme

La pelle circostante è rossa e tesa e può anche essudare

Si verificano ulteriori sintomi come febbre, sudorazione notturna e perdita di peso indesiderata

Fonte: Apothekenumschau

Alla fine, i linfonodi ingrossati possono avere molte cause ed essere un’indicazione di varie malattie:

  • Freddo
  • influenza
  • aura
  • tonsillite
  • febbre ghiandolare
  • malattia di Lyme
  • rosolia
  • Morbillo
  • tonsillite
  • difterite
  • Tubercolosi
  • Artrite reumatoide, nota anche come reumatismi
  • HIV
  • Cancro come la leucemia
  • ME/CFS fatica cronica o sindrome da affaticamento

Malattie come i tumori possono anche svilupparsi nel sistema linfatico stesso, come il linfoma di Hodgkin, il linfoma non Hodgkin (NHL) e il mieloma multiplo (tumore del midollo osseo).

Questo articolo contiene solo informazioni generali sull’argomento sanitario pertinente e non è quindi destinato all’autodiagnosi, al trattamento o ai farmaci. Non sostituisce in alcun modo una visita dal medico. Sfortunatamente, la nostra redazione non è in grado di rispondere a domande individuali sulle immagini cliniche.

Immagine elenco regole: © Science Photo Library / Imago