Aprile 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Europa contro i Kalashnikov: un milione di droni per l’Ucraina

L’Europa contro i Kalashnikov: un milione di droni per l’Ucraina

Nella guerra in Ucraina vengono utilizzati più missili senza pilota che in qualsiasi altro conflitto precedente. A causa di questo esperimento, l'esercito americano ha addirittura annullato il suo programma miliardario di elicotteri d'attacco FARA. Tuttavia, i sistemi utilizzati in Ucraina non sono sempre robot volanti ad alta tecnologia. Al contrario: vengono utilizzati in massa solo semplici droni dotati di telecamera. Questi display con prospettiva in prima persona (FPV) si sono rivelati particolarmente preziosi per la ricognizione delle posizioni nemiche. Per questo motivo, la Lettonia ha lanciato la “Drone Alliance” per fornire un totale di 1 milione di droni all’Ucraina.


© Ministero della Difesa dell'Ucraina

Sia l’Ucraina che la Russia fanno sempre più affidamento sull’uso dei droni.

Germania preoccupata

Lo Stato guida questa iniziativa insieme alla Gran Bretagna e investe personalmente dieci milioni di euro. “La tecnologia dei droni ha un impatto significativo sulle strategie militari e sul controllo tattico. I droni sono una parte essenziale delle capacità dell'Ucraina: sono efficaci nella ricognizione e nell'attacco a obiettivi nemici. L'alleanza garantirà una consegna efficiente e rapida di droni all'Ucraina”, ha affermato. Lo ha detto il ministro della Difesa lettone, Andris Produs. Oltre alla Germania, vogliono partecipare all'iniziativa anche Danimarca, Estonia, Lituania, Paesi Bassi e Svezia. In una riunione del Gruppo di contatto per la difesa ucraino responsabile del sostegno all’Ucraina il 14 febbraio presso la sede della NATO a Bruxelles, hanno firmato una dichiarazione di intenti simile. Secondo il ministro della Difesa britannico, la maggior parte di essi sono droni FPV. Grant Shapps ha dichiarato: “Abbiamo impegnato 200 milioni di sterline nella produzione di droni, rendendoci il più grande fornitore di droni in Ucraina”.



© Sergey Zisko tramite GettyImages

I droni FPV non vengono utilizzati solo per la ricognizione.

Anche i semplici droni sono armati

Secondo le dichiarazioni di Mykhailo Fedorov alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco, l’anno scorso l’Ucraina ha prodotto 300.000 droni. Come ha spiegato il ministro ucraino per la trasformazione digitale, le forze armate ucraine dispongono di 60 unità di droni d’attacco e hanno già distrutto più di 14.000 strutture militari russe. Anche i semplici sistemi FPV spesso non volano senza armi. Immagini e video mostrano l'uso di granate e mine.


©Rostec

Oltre ai fucili d’assalto, Kalashnikov ora produce anche missili droni.

Droni Kalashnikov

Anche la Russia fa molto affidamento sull’uso dei droni. Quest'anno l'Associazione di ricerca e produzione per sistemi senza pilota del gruppo Kalashnikov di Izhsk prevede di decuplicare la produzione di droni. Almeno questo è ciò che il capo del Kalashnikov Alan Luzhnikov ha promesso al ministro della Difesa russo Sergei Shoigu durante la sua visita. A tal fine, la fabbrica ha costruito un nuovo capannone di produzione e ha creato 360 ulteriori posti di lavoro. Kalashnikov produce, tra le altre cose, l'arma KUB-BLA armata con un ordigno esplosivo.

Questo articolo può contenere collegamenti a fornitori di servizi dai quali FLUG REVUE può ricevere una commissione (i cosiddetti “link di affiliazione”). Maggiori informazioni qui.