“L’estate all’aperto più costosa di tutti i tempi”: la Brewery Association lancia l’allarme

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."
  1. Pagina iniziale
  2. un lavoro

creatura:

da: Lisa Mayerhofer

Inizia la stagione della birreria all’aperto. La Breweries Association avverte che chiunque voglia concedersi una birra fredda ora deve scavare più a fondo nelle proprie tasche che mai.

Berlino – può finalmente portare il bel tempo in Germania – la stagione delle birrerie all’aperto è aperta. Ma se vuoi goderti una birra lì, devi pagare più che mai. L’associazione dei birrifici di Berlino-Brandeburgo prevede “l’estate all’aperto più costosa di tutti i tempi”. ha affermato il vicepresidente dell’associazione Stefan Fritsch immagine– Un giornale da lunedì.

Breweries Association: nei primi pub la birra costa già 7,50 euro a pinta

I consumatori stanno già pagando “i prezzi più alti, soprattutto per la birra nelle birrerie all’aperto, nei pub e nei ristoranti”. Prezzi che nessuno avrebbe creduto possibili solo pochi mesi fa, ha continuato Fritsch, “sono stati fissati a tutto campo”. Il prezzo di oltre cinque euro per una pinta di birra è ormai “standard” in molti locali. Il prezzo della birra di 7,50 euro a pinta, considerato ancora “fantasioso” all’inizio dell’anno, è stato sfondato già alle prime battute.

L’associazione dei birrifici di Berlino-Brandeburgo prevede “l’estate all’aperto più costosa di tutti i tempi”. © Peter Knievel/Dott

Fritsch, capo del birrificio Der Nozel nel Brandeburgo, ha detto al giornale di essere “sollevato” dall’aumento dei prezzi. I birrifici regionali si affidano in particolare a questo per mitigare l’aumento vertiginoso dei costi energetici e delle materie prime e l’aumento dei salari. Il vicepresidente dell’associazione ha detto che ora vede “opportunità per noi di continuare a preservare la colorata diversità della tradizione della birra tedesca”.

Brauer sotto pressione: Radeberger ne traccia le conseguenze

Dopo la battuta d’arresto causata dalla pandemia di Corona, i birrifici tedeschi sono ancora sotto pressione su più fronti: la scorsa estate, i raccolti di luppolo sono stati notevolmente peggiori a causa del caldo e della siccità, che hanno fatto salire alle stelle i prezzi. Ma anche i tappi di bottiglia, il malto e le etichette costano di più. A ciò si aggiungono gli elevati costi energetici, perché la produzione di birra è un’attività ad alta intensità energetica.

Il più grande gruppo di produttori di birra della Germania, Radeberger, ha già preso provvedimenti e chiuderà il suo impianto di produzione e imbottigliamento presso la sua sede centrale a Francoforte sul Meno entro ottobre 2023 al più tardi. I birrifici più piccoli hanno già dovuto presentare istanza di fallimento, come la Böhmisch Brauhaus di Großröhrsdorf o il birrificio Bischoff di Winnweiler. Anche il birrificio Memminger ha presentato istanza di fallimento in autogestione alla fine di febbraio.

Con materiali di Agence France-Presse

Related articles

Nuovo favorito per le vacanze: scelto come il lago più bello d’Italia

Pagina inizialeviaggiostava in piedi: 13 luglio 2024, 14:45Da: Francisca KindlPremeredivisoUna guida turistica italiana ha nominato per la nona...

Gli esami di laboratorio rivelano la presenza di sostanze tossiche

Home pageconsumatorestava in piedi: 13 luglio 2024 alle 19:09da: Romina KunziInsisteDivideLe donne si espongono regolarmente al pericolo senza...

Notizie di mercato: Desiree Doue nuovo obiettivo

Il Bayern Monaco sta preparando la sua squadra per la nuova stagione. Il Monaco punterà anche sul...

Verrà distribuito Android Auto 12.4

Android Auto 12.4 è distribuito da Google. Come sempre, potrebbe volerci del tempo prima che la nuova...