Aprile 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le ragioni di Putin per l'attacco nucleare russo

Le ragioni di Putin per l'attacco nucleare russo
  1. Home page
  2. Politica

Insiste

Immagini satellitari di Sebastopoli.  (foto d'archivio)
Immagini satellitari di Sebastopoli. (Foto d'archivio) © HANDOUT / PLANET LABS PBC / AFP

Ogni nave scomparsa rende la Russia sempre più nervosa: Sergei Shoigu ha ora ordinato il rafforzamento della penisola di Crimea, dove l'uso delle armi nucleari è diventato possibile.

SIMFEROPOL – Nonostante la minaccia costante, i marinai russi probabilmente non avevano idea di cosa si stesse dirigendo verso di loro nel buio della notte. Una raccolta di video provenienti da fonti dell'intelligence ucraina suggerisce che al massimo un marinaio abbia aperto il fuoco all'ultimo secondo. Ma comunque questo non ha più senso: no Drone Majora 5 Colpisci il fianco sinistro dello zar Kunikov. Forse era una nave da guerra dalla Russia Colpita da due droni, la nave è affondata il 14 febbraio al largo della costa della Crimea. Un altro colpo dei difensori ucraini contro Vladimir Putin Flotta del Mar Nero.

Ora il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha visitato la Crimea e ha chiesto di rafforzarne le difese La Pravda ucraina Lui scrive. Shoigu ha esortato i suoi subordinati a “condurre un addestramento continuo durante il giorno e la notte per contrastare gli attacchi terroristici nemici” e “aumentare la sopravvivenza delle navi e la sicurezza delle infrastrutture nell'area di responsabilità statale”. Ordinò anche l'installazione di ulteriori armi da fuoco, compresi sistemi di mitragliatrici pesanti Attacca i droni Distruggere.

La Crimea ha ancora quello che serve per diventare un teatro decisivo nella guerra ucraina, ha detto l’economista militare Marcus Keogh in un’intervista al New York Times Magazine. Le notizie del GIORNO “La Crimea non è solo il centro logistico, ma anche la forza militare dell'intera operazione russa contro di loro”, ha detto. UcrainaEcco perché segnerà la fine della guerra, forse prima di quanto alcuni si aspettassero.” Gli sforzi russi sembrano dimostrarlo: Washington Post Vuole le fortificazioni russe nelle immagini di un servizio satellitare Maxar La loro posizione esatta è stata determinata e ora ammonta a più di 30 chilometri di trincee nella penisola di Crimea.

Contrattacco navale dell'Ucraina: graduale distruzione della flotta russa del Mar Nero

Secondo i media russi, l’esercito dispone di più di 200 strutture sparse in tutta la penisola: basi aeree, depositi di munizioni e caserme. Si dice che decine di migliaia di soldati siano di stanza lì. Il porto di Sebastopoli è la base della flotta russa del Mar Nero. Ovunque, l’esercito russo invasore sembra aver subito pesanti perdite nella Tempesta del Secolo senza alcuna azione nemica. L'attacco ha preso di mira la motovedetta Zar Kunikov È stato anche l'ultimo scherzo dell'Ucraina contro la Marina russa. La Crimea è una ferita aperta per entrambe le parti.

Tuttavia, i difensori in mare stanno quasi compensando la fallita controffensiva dell’Ucraina a terra, con la graduale distruzione della flotta russa del Mar Nero. Tempo in linea Verdetto: l'esercito ucraino ha affermato che un terzo di essi sono stati distrutti o danneggiati. 24 navi da guerra russe e un sottomarino furono disabilitati. Osservatori indipendenti hanno fornito una cifra leggermente inferiore: 20 navi e un sottomarino. I tartari di Crimea stanno alzando il prezzo per occupare la Russia con loro Guerra partigiana Ad altezze quasi irraggiungibili.

L'umiliazione dei tatari di Crimea da parte della Russia: la motivazione dietro l'ascesa dei sostenitori di Atesh

L’esperto militare Gustav Gressel, ad esempio, ha affermato che tagliando le rotte terrestri verso la Crimea e attaccando i punti di rifornimento con armi a lungo raggio, si potrebbe cercare di rendere intollerabile il controllo russo sulla Crimea. ZDF. Il conflitto in Crimea è iniziato nel 2014 e ad un certo punto potrebbe concludersi lì, oppure potrebbe significare un brusco risveglio per la NATO. Il movimento partigiano “Atysh” (“fuoco” nella lingua dei tartari di Crimea), fondato nell’estate del 2022, potrebbe aver svolto un ruolo decisivo nei successi ucraini in Crimea. Il reclutamento forzato di cittadini della Crimea nelle forze armate di Mosca ha fornito al nascente movimento di resistenza una grande opportunità per indebolire l’esercito russo dall’interno, scrive Elena Beketova del Centro per l’analisi della politica europea. La Russia ora ne sente gli effetti.

Il presidente russo Vladimir Putin è sempre più sotto pressione in Crimea. Vuole mantenere i suoi obiettivi ambiziosi per il futuro: diventare una potenza navale internazionale e dominare il Mar Nero. Il Mar Nero è l'interfaccia tra la Federazione Russa e la NATO. È quanto scrive al centro ricerche il comandante della fregata tedesca, Joran Swistek Fondazione per la scienza e la politica“La Russia ha perseguito i suoi interessi secolari nel Mar Nero avendo accesso tutto l’anno, senza ghiacci e, se possibile, alle rotte marittime vitali intorno all’Europa, il che supporta la sua pretesa di potenza marittima”. L'intelligenza dei partigiani smentisce questa affermazione.

Il rafforzamento degli occupanti della Crimea da parte di Putin entro il 2025: un segnale di avvertimento per la NATO

Molto prima dell'inizio della guerra in Ucraina, la rivista Sicurezza e difesa europea (ESD) Ho discusso un documento di ricerca che cercava di mostrare “come la Russia, in violazione dei trattati internazionali, abbia trasformato questa località turistica, un tempo fiorente, in una moderna base militare e l’abbia persino preparata per l’uso di armi nucleari”. Il documento di 20 pagine è emerso nell’ambito del Forum per la cooperazione per la sicurezza (FCS) dell’OSCE (Organizzazione per la cooperazione per la sicurezza in Europa) con sede a Vienna.

alto Ambiente e sviluppo sostenibile Nel 2020, le forze armate russe nella Crimea occupata erano costituite da 31.500 soldati, un numero molto maggiore rispetto a prima dell’occupazione della Crimea, che a quel tempo erano reclutati esclusivamente dal personale della flotta russa del Mar Nero. IL Ambiente e sviluppo sostenibile-La fonte presumeva, anche senza prove di un conflitto militare in quel momento, che il numero delle forze russe sarebbe aumentato di 1,5 volte entro il 2025 per consentire a Putin di effettuare operazioni militari su larga scala nel sud-ovest, in mare e sulla costa. BENE. Come nello spazio aereo sul Mar d'Azov e sul Mar Nero fino al Mediterraneo. A questo proposito, i rinforzi militari avrebbero potuto segnalare un’escalation nell’annessione della Crimea e avrebbero potuto costringere la NATO ad agire rapidamente.

L'ammiraglia di Mosca Moskva: ex punta di diamante dell'armamento nucleare in Crimea

Di conseguenza Ambiente e sviluppo sostenibileIl corrispondente della difesa George Mader si riferì a questo primo documento come alla prova che “mezzi di consegna aerei e marittimi Le armi nucleari di Putin Sono stati trasferiti nella penisola di Crimea, mentre le vecchie infrastrutture dei campi di epoca sovietica vicino a Feodosia e Sebastopoli dovrebbero essere rinnovate”, ad esempio l'aeroporto Bahrov vicino a Kerch. In questo contesto Mader sottolinea che la Federazione Russa ha completato unilateralmente l'accordo del 1997 con l'Ucraina sullo status della flotta del Mar Nero. Secondo l'articolo 5 di questo accordo, la Federazione Russa si è impegnata a non acquisire armi nucleari dalla flotta del Mar Nero della Federazione Russa di stanza sul territorio dell'Ucraina. Mosca può ancora dire che la Crimea non fa più parte dell'Ucraina.

Tuttavia, data la situazione geopolitica in Crimea, il potenziale rafforzamento delle forze armate con armi nucleari mette sostanzialmente in discussione il divieto multilaterale delle armi nucleari e mette la NATO sotto pressione affinché agisca – e le corrispondenti minacce da parte russa sono state ora rivolte al paese. misura sufficiente. La Russia ha da tempo implementato vari sistemi di lancio e altri mezzi attraverso i quali le armi nucleari possono essere consegnate alla Crimea. Questi includevano l'incrociatore affondato Moskva con il sistema missilistico Vulcan, il cacciatorpediniere lanciamissili Smitloy con il sistema di lancio Rastrup-B e l'unità bombardiere Su-24M in grado di trasportare armi nucleari tattiche. Altri aerei russi che sono stati di stanza in Crimea per qualche tempo per scopi di addestramento includono bombardieri a medio raggio Tu-22M3 e bombardieri tattici a lungo raggio Su-34.

Il pericolo dell'uso di armi nucleari non è una coincidenza – con l'affondamento dello zar Kunikov la miccia per la Russia avrebbe potuto essere accesa – e il discorso arrabbiato di Shoigu sulla permeabilità della difesa delle fortificazioni della Crimea può essere preso come un indicatore di ciò. In effetti, gli esperti continuano a discutere quando ciò potrebbe accadere Possibile uso di armi nucleari tattiche attraverso la Russia; Considerano anche i documenti dei servizi segreti risalenti fino a 20 anni fa una prova valida del comportamento dell'esercito russo nelle successive battaglie della guerra in Ucraina, afferma l'esperto di sicurezza Ulrich Kuhn dell'Istituto per la ricerca sulla politica di pace e sicurezza dell'università. Ha detto Amburgo ZDF Ha espresso; Cioè, fino ad oggi è cambiato poco nelle considerazioni di base degli strateghi militari russi.

“Nel momento in cui il fronte crolla, le cose si fanno difficili”, dice Cohen. In questa situazione, la Russia usa la minaccia delle armi nucleari come deterrente per influenzare i suoi avversari. A suo avviso, la rioccupazione della Crimea potrebbe essere un punto di partenza che porterebbe all’uso delle armi nucleari. (Sacerdote)