Febbraio 6, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Lavorare su un vaccino contro il cancro: quando i fondatori di Biontech si aspettano una svolta

Per loro, farsi vaccinare contro il coronavirus era solo un passo verso un obiettivo più grande: sconfiggere il cancro. Nel podcast “New Drug – The Biontech Story”, i dottori Ozlem Turci e Ugur Sahin parlano dei loro piani.

Ugur Sahin, fondatore di Mainz Biontech, sta combattendo un certo numero di persone. Numero 229.068. Questo è il numero di persone che sono morte in Germania lo scorso anno per cancro, cancro allo stomaco, cancro della pelle e cancro al pancreas. Quasi 230mila persone. Shaheen sa che non può ridurre questo numero a zero. Ma il numero deve essere ridotto. “Credo che possiamo sconfiggere il cancro nelle sue fasi iniziali”, afferma Shaheen M. Stern Podcast “Nuovo farmaco – La storia della biotecnologia”.

La coppia di ricercatori Uğur Şahin e Özlem Türeci ha fondato Biontech nel 2008 con l’obiettivo di trovare un vaccino contro il cancro. Sono diventati noti come un vaccino contro il virus Corona – non pianificato. Quando sarà disponibile il primo vaccino contro il cancro? Chi sono i pazienti che possono beneficiarne per primi?

Riorientare il sistema immunitario

Le vaccinazioni contro il cancro e le malattie infettive come il Covid-19 o l’influenza hanno una cosa in comune: sono progettate per stimolare il sistema immunitario. La maggior parte delle vaccinazioni ha un effetto protettivo, cioè prima che il corpo entri in contatto con l’agente patogeno. D’altra parte, un vaccino contro il cancro può essere utilizzato come trattamento se ci sono già cellule tumorali nel corpo. Non è diretto contro un intruso dall’esterno, ma contro un nemico dall’interno.

Non c’è dubbio che il nostro sistema immunitario ha la capacità di combattere le cellule tumorali. “Se tu, come medico, assisti al rigetto di un organo, diventa subito chiaro quanto sia forte il sistema immunitario”, afferma Ozlem Tureci. Dopo poco tempo, dell’organo trapiantato non era rimasto nulla. I meccanismi del sistema immunitario nel combattere gli intrusi o corpi estranei sono stati migliorati presumibilmente nel corso di migliaia di anni. “E crediamo fermamente di poterlo reindirizzare contro il cancro”.

Tuttavia, sviluppare un vaccino contro il cancro è più difficile che contro il Covid-19. La coppia fondatrice lavora a questa missione da più di 20 anni e nessun vaccino contro il cancro è stato ancora approvato. Ciò si riferisce anche al fatto che il cancro descrive una varietà di malattie diverse e non esistono tumori di due pazienti uguali.

READ  Dopo uno scarso regalo: Netz raccoglie una cifra enorme per i dipendenti di Burger King

Le cellule tumorali sono maestre del camuffamento.

La difficoltà maggiore è insegnare al sistema immunitario ciò che è estraneo alla cellula tumorale. Le cellule alla fine provengono dal corpo del paziente, a differenza dei virus o degli organi trapiantati. Hanno anche molti trucchi per eludere il sistema immunitario e continuare a dividersi. “Le cellule tumorali sono maestre dell’inganno e del camuffamento”, afferma l’immunologa Christine Falk della Hannover Medical School.

Nuova medicina – La storia di Biontech

Lo sviluppo di un vaccino più veloce di sempre che ha salvato milioni di vite proviene da un’azienda precedentemente sconosciuta di Magonza. Il podcast “New Drug – The Biontech Story” racconta come la coppia fondatrice Ugur Sahin e Ozlem Turicci abbia fatto un passo avanti dopo tre decenni di ricerca con un vaccino a mRNA durante la pandemia di coronavirus e cosa hanno in programma per il prossimo: trattamenti contro l’HIV, la tubercolosi e il cancro – e forse anche uno per fermare l’invecchiamento. Ora su RTL + Musica.

Per un vaccino contro il cancro, Biontech e altre società stanno cercando caratteristiche sulla superficie delle cellule tumorali che le distinguano dalle cellule sane. Poiché anche le cellule di un particolare tipo di cancro hanno un aspetto diverso da paziente a paziente, in futuro alcuni vaccini contro il cancro a mRNA potrebbero essere realizzati su misura. Le caratteristiche specifiche vengono quindi utilizzate come base per la vaccinazione con mRNA. È così che il sistema immunitario impara quali cellule attaccare e quali no. La difficoltà è scegliere le proprietà giuste – l’immunologo Falk chiama questa “arte alta”.

Nella storia della medicina, le speranze di una fine precoce del cancro sono state spesso alimentate. Nel 1971, il presidente degli Stati Uniti Richard Nixon approvò il National Cancer Act. L’obiettivo: curare il cancro nel prossimo quarto di secolo. Seguirono altre promesse, ma non furono mantenute. Il cancro è stata la seconda causa di morte in Germania lo scorso anno, dopo le malattie cardiache e circolatorie.

READ  Riorganizzazione: le azioni Linde sono troppo deboli prima di essere immesse sul mercato: le azioni Linde vengono cancellate | newsletter

La chemioterapia non può essere sostituita

Pertanto, quando Shaheen parla dei suoi obiettivi, è cauto. Distingue tra cancro nelle sue fasi iniziali e tumori avanzati. Nelle fasi iniziali, il cancro può essere sconfitto dopo la rimozione chirurgica. “Il nostro obiettivo dovrebbe essere quello di passare dal 60 al 99 percento”, afferma nel podcast “New Medicine – The Bionic Story”. La situazione è diversa con la diffusione dei tumori. “Si tratta di decine di miliardi di cellule tumorali e sono tutte diverse”. L’obiettivo qui è controllare il tumore il più a lungo possibile. Ozlem Turesi aggiunge: “Non credo che sostituiremo completamente la chemioterapia. Col tempo, capiremo come possiamo usarla meglio, come possiamo usare la sua sinergia con i farmaci per la MH”.

Gli studi devono ancora dimostrare in modo convincente se i vaccini contro il cancro possono estendere significativamente la sopravvivenza dei pazienti con tumori avanzati. Alcuni esperti temono che le cellule tumorali possano sfuggire al sistema immunitario dopo il primo trattamento riuscito. Il problema: il genoma del tumore è in continua evoluzione. Possono formarsi cellule con nuove caratteristiche che le cellule immunitarie non riconoscono più.

Tuttavia, gli studi preliminari danno speranza. Il più avanzato è il vaccino a mRNA contro il cancro della pelle nera, noto anche come melanoma. Potrebbe essere il primo ad arrivare sul mercato. Migliaia di persone muoiono ogni anno in Germania a causa del melanoma, che è la crescita incontrollata delle cellule del pigmento nella pelle. Biontech sta già testando un vaccino contro questo tipo di cancro in uno studio paziente avanzato. I risultati potrebbero essere disponibili il prossimo anno.

Le fasi di studio possono durare fino a dieci anni

Anche il concorrente statunitense Moderna sta lavorando con il produttore di farmaci MSD su un farmaco simile. Qualche settimana fa, ha pubblicato dati provvisori promettenti: in uno studio, a circa 157 pazienti è stato somministrato uno speciale vaccino contro il cancro combinato con un altro farmaco antitumorale, chiamato inibitore del checkpoint. Gli altri pazienti hanno ricevuto solo un inibitore del checkpoint. Questa combinazione ha ridotto quasi della metà le possibilità di un paziente che il melanoma ritorni o addirittura muoia. Per il prossimo anno, le aziende vogliono iniziare uno studio di Fase III, fondamentale per l’approvazione.

READ  Ford Ranger 2022: informazioni, foto e dati sul pickup

Mentre gli studi sull’efficacia del vaccino contro il coronavirus vengono completati dopo pochi mesi, naturalmente ci vuole più tempo per i vaccini contro il cancro. Questo perché i tempi di trattamento e follow-up per il cancro sono più lunghi. Per essere sicuri che il cancro non ritorni, i ricercatori devono monitorare i pazienti per diversi anni. Insieme, le fasi di studio possono durare fino a dieci anni.

Questo diventerà più accessibile in futuro

Il presidente di Biontech Shaheen ha ripetutamente affermato che il primo vaccino contro il cancro sarà sul mercato entro la fine di questo decennio. Di recente ha detto alla BBC che si aspetta l’approvazione “prima del 2030”. Non vuole attenersi a un anno specifico. Ovviamente, non dovrebbe rimanere con un farmaco; Oltre a Biontech, dovrebbero entrare nel mercato anche altri produttori. “Siamo convinti che entro 15 anni circa un terzo di tutti i nuovi farmaci approvati sarà basato sull’mRNA”, afferma Torrisi.

La domanda rimane: quanto costerà il nuovo farmaco mRNA? Potrebbe sovraccaricare il nostro sistema sanitario? L’esperienza dimostra che più il trattamento è personalizzato per il paziente, più costoso sarà il trattamento. Ad esempio, sono necessarie centinaia di migliaia di euro per terapie con cellule T su misura, in cui le cellule immunitarie dei malati di cancro vengono riprogrammate in modo complesso.

Biontech mira a ridurre significativamente il prezzo dei vaccini contro il cancro, ma non fornisce un numero esatto. Shaheen fa invece notare che oltre ai vaccini stessi si sta sviluppando anche la loro produzione. Con ogni nuova generazione di sistemi, se ne automatizzeranno di più e i costi per dose diminuiranno. Inizialmente produrre il vaccino per un paziente sarebbe costato circa 350.000 euro. Quindi sorge immediatamente la discussione sul fatto che sia conveniente, dice Ugur Sahin: “E la risposta è: non ancora. Ma sarà alla portata di tutti in futuro”.